Apu, Amato ha grandi ambizioni: “Puntiamo a un campionato di vertice”

Apu, Amato ha grandi ambizioni: “Puntiamo a un campionato di vertice”

Il nuovo playmaker bianconero spiega i motivi che l’hanno spinto a scegliere la società friulana: “Qui c’è la voglia di lottare per traguardi importanti”

di Barbara Castellini

Volto nuovo nella cabina di regia dell’Apu Old Wild West. Accanto al giovane Lorenzo Penna, giunto la scorsa estate dalla Virtus Bologna, c’è infatti Andrea Amato, reduce da due ottime stagioni nelle file della Scaligera Verona. Nella giornata odierna, in occasione del Media Day organizzato dalla società bianconera, il play milanese classe ’94 ha raccontato le sue primissime sensazioni.

Amato, per quale motivo ha scelto di lasciare Verona per venire a Udine?

La chiamata di Davide Micalich mi ha rassicurato, mi ha fatto capire che abbiamo gli stessi obiettivi e le stesse ambizioni. Sapevo che Udine era una squadra che voleva fare un campionato di livello. Per me è più stimolante giocare con un obiettivo. Disputare un campionato per la salvezza non mi spinge a dare il meglio.

Quali sono le sue caratteristiche e i suoi punti di forza?

Sono un playmaker, mi piace giocare per i miei compagni, ma mi piace anche fare canestro.

Come stanno procedendo i primi giorni di ritiro con i nuovi compagni?

Bene. Fa molto caldo, siamo parecchio stanchi, il coach e il preparatore ci fanno correre… Stiamo lavorando molto, non nego che avvertiamo un po’ di stanchezza. Però l’impatto è positivo, la squadra ha molto talento, stiamo iniziando a conoscerci. Adesso ci attendono le prime amichevoli con squadre molto forti, vedremo.

Coach Ramagli cosa le sta chiedendo?

Non lo conoscevo prima di venire qui, mi ha fatto un’ottima impressione. E’ un allenatore che trasmette molta carica ai suoi giocatori, molto attento ai dettagli e molto bravo a incitare e a mettere a proprio agio i giocatori secondo me. È ancora presto, chiaramente, però ha già vinto la categoria, lo conoscono tutti. È uno degli allenatori più importanti dell’A2. Ci affidiamo a lui.

Nei suoi trascorsi c’è anche l’Olimpia Milano con la quale ha esordito. Il suo obiettivo è tornare al più presto in A1, magari con la divisa dell’Apu?

Non ho obiettivi a lungo termine. Quest’anno ho ricevuto alcune offerte in serie A, come tutti gli anni. Ma preferisco giocare per una squadra che ha obiettivi importanti e, perchè no, andare in A1 con Udine sarebbe bellissimo. Il mio obiettivo è vincere con Udine e fare bene.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy