Assigeco, cresce l’ipotesi autoretrocessione. Patron Curioni: “Difficile avere a Piacenza due squadre di A2”

Assigeco, cresce l’ipotesi autoretrocessione. Patron Curioni: “Difficile avere a Piacenza due squadre di A2”

Dopo le prime avvisaglie diffuse ieri da “Il Cittadino di Lodi”, cresce l’ipotesi dell’autoretrocessione in casa Assigeco.

di La Redazione

Dopo le prime avvisaglie diffuse ieri da “Il Cittadino di Lodi”, cresce l’ipotesi dell’autoretrocessione in casa Assigeco Piacenza. A confermare la possibilità di un ritorno allo storico Campus di Codogno è lo stesso patron Curioni sulle colonne di QS.

“Sia chiaro, i soldi per fare un’eventuale nuova A2 ci sono e già è stato avviato l’iter per l’iscrizione al campionato da definire poi entro il 9 luglio – ha chiarito il patron – ma sabato mattina si svolgerà il nostro consiglio d’amministrazione e si dovrà decidere in quale direzione andare. La stagione appena conclusa è stata chiaramente onerosa e nonostante la presenza di un budget abbastanza importante è arrivata solamente una salvezza ottenuta passando per i playout. Con una stagione andata così il primo a mettersi in discussione sono proprio io.

Sotto la lente anche il rapporto con l’altra piacentina, la Bakery fresca di promozione: “Due squadre di A2 a Piacenza non sarebbero di facile coabitazione. Comunque una cosa è chiara: non sarà una scelta dettata solamente dall’aspetto economico. Si dovranno affrontare discorsi da manager senza preclusioni e cercare di capire se il gioco vale ancora la candela”. “Bisognerà vedere se me la sentirò ancora di andare avanti su questa strada -conclude Curioni -. Una cosa è chiara: non venderò mai la storia della mia società. “.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy