Caserta, il punto post-raduno guardando al mercato

Caserta, il punto post-raduno guardando al mercato

Dopo la mancata promozione sul campo e l’insperato ripescaggio in A2, la Juvecaserta è pronta a dare il via a questa fondamentale stagione.

di Emanuele Terracciano

Dopo la mancata promozione sul campo e l’insperato ripescaggio in A2, la Juvecaserta è pronta a dare il via a questa fondamentale stagione in cui vanno poste le basi per il futuro prossimo della compagine bianconera. Ieri i giocatori si sono radunati in città e oggi hanno sostenuto un allenamento a porte aperte presso il palazzetto di viale Medaglie d’Oro. Già da questi primi giorni di allenamento coach Gentile sta avendo a disposizione quasi l’intero roster con cui si approccerà a questa stagione, cosa non semplice visti il ritardo con cui la società di Pezza delle Noci si è affacciata al mercato di A2.

All’appello dell’ideale quintetto titolare della Juve manca solo il centro, ruolo per cui si sta facendo fatica a trovare la soluzione migliore. Non è un mistero che la società avesse scelto Jakub Wojciechowski, talento polacco di formazione italiana che però non sarebbe stato arruolabile per praticamente l’intera prima parte di stagione. L’interesse di Caserta per l’ex Cremona e Capo d’Orlando non è svanito nel nulla e la possibilità concreta di aggregarlo alla squadra a stagione in corso c’è e ciò al momento complica non poco la ricerca di un centro che, per raggiunti limiti di stranieri in roster, dovrà per forza di cose essere italiano.

La politica del direttore Nevola nel corso di questo mercato è stata quella di cercare giocatori quanto più possibile di affidamento e conoscitori dei meandri del basket italiano e delle complicazioni che un campionato difficile come la A2 propone. Di certo non si faranno scommesse in un ruolo delicato come quello di centro e il raggio dei giocatori appetibili ancora liberi non sembra essere molto ampio. La pista che porta a Daniele Magro sembra essersi raffreddata mentre resta difficile convincere Marco Cusin a scendere di categoria e sposare il progetto di Caserta. Non manca molto al momento delle scelte per la Juve che, come tutte le squadre di A2, dovrà sostenere i primi impegni ufficiali già a inizio settembre.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy