Inside A2 LNP CUP – Fortitudo in coppa, la prova generale del grande salto

Inside A2 LNP CUP – Fortitudo in coppa, la prova generale del grande salto

La sconfitta di domenica nello scontro al vertice giocato contro Montegranaro ha fatto suonare un campanello – ancora decisamente flebile, va detto – in casa della Lavoropiù.

di Matteo Airoldi, @MatteoAiroldi88

IL MOMENTO – La sconfitta di domenica nello scontro al vertice giocato contro Montegranaro ha fatto suonare un campanello – ancora decisamente flebile, va detto – in casa della Lavoropiù Fortitudo Bologna che tra l’altro ha dovuto fare i conti con il pesante forfait di Cinciarini (out 20-25 giorni per un guaio muscolare. Arrivare a quest’impegno di coppa con sei punti di vantaggio su Montegranaro avrebbe probabilmente lasciato la mente degli uomini di Martino più sgombra, ma così non è stato e quindi forse i biancoblu, oltre ad iniziare il processo di inserimento in squadra di Delfino, dovranno cercare di non spendere troppe energie pur tenendo presente all’orizzonte la possibilità di alzare la coppa.

IL PUNTO DI FORZA – Il punto di forza dei biancoblù è senza dubbio il fatto di avere una rosa molto ampia e dotata di giocatori di grande qualità, che sanno passarsi la palla, difendere forte e arrivare a canestro con facilità. Le punte di diamante di questo sistema che in stagione è a lungo sembrato una macchina perfetta restano Rosselli, Leunen e Hasbrouck: se questo trio funziona a pieni giri, le possibilità di vittoria dei felsinei aumentano decisamente parecchio

IL PERICOLO – L’altra faccia della medaglia della squadra biancoblù è l’età un po’ avanzata della squadra, che rende un po’ più complicato il recupero delle energie mentali e fisiche con impegni così ravvicinati.

IL JOLLY SORPRESA E LA NOVITÀ – Il jolly a sorpresa, nonché la novità, dei biancoblù è senza dubbio Carlos Delfino. Il “gaucho” è tornato a Bologna dopo 15 anni e con la forte motivazione di riportare in alto l‘Aquila. Questa è la sua prima occasione e il giocatore, che a Torino ha fatto vedere di aver messo definitivamente da parte i problemi fisici del passato e sulla carta è ancora fuori categoria per la A2, può essere l’asso nella manica di coach Martino.

 

IL ROSTER
0 – Carlos Delfino (guardia-ala, 198)
6 – Stefano Mancinelli (guardia, 203)
21- Matteo Fantinelli (play, 195)
16 – Marco Venuto (play, 193)
41 – Kenny Hasbrouck (guardia, 191)
9 – Andrea Benevelli (ala, 202)
4- Giacomo Sgorbati (ala, 200)
22 – Giovanni Pini (ala-centro, 205)
10 – Maarten Leunen (ala-centro, 206)

20  Guido Rosselli (ala, 198)
Allenatore: Antimo Martino

 

TOP SCORER: KENNY HASBROUCK (16, 5 PPG)
BEST 2-POINTER: MAARTEN LEUNEN (66-106, 63%)
BEST 3-POINTER: MAARTEN LEUNEN (38-88, 43%)
BEST REBOUNDER: MATTEO FANTINELLI (6,3 RPG)
ASSIST-MAN: GUIDO ROSSELLI E MATTEO FANTINELLI (4,8 APG)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy