Mantova, Ghersetti a Radio 5.9: “Umiltà e sacrificio le basi per continuare a sognare i playoff”

Mantova, Ghersetti a Radio 5.9: “Umiltà e sacrificio le basi per continuare a sognare i playoff”

A Speak & Roll ha parlato anche il play Gasparin: “Momento difficile, con Mantova partita fondamentale”

di Alberto Carmone

Intervenuti ai microfoni di Web Radio 5.9 durante Speak & Roll, il playmaker della Baltur Cento Giovanni Gasparin e l’ala grande della Pompea Mantova AMario Ghersetti hanno presentato il match della 27esima giornata di Serie A2 Est tra Pompea Mantova e Baltur Cento in programma domenica 31 marzo alla Grana Padano Arena.

Giovanni Gasparin (Baltur Cento): “Ci eravamo preparati bene per la partita con Bologna consapevoli che sarebbe stata una gara molto tosta. Abbiamo provato a rimanere attaccati alla Fortitudo, ma poi è prevalsa la loro qualità ed esperienza. Nel primo tempo siamo stati aggressivi e siamo stati bravi a limitare il talento dei loro esterni. Poi sono calate le energie e abbiamo avuto problemi di falli, perdendo contatto nel punteggio.

Le ultime nove sconfitte consecutive sono molto diverse tra di loro. Ci sono stati diversi cambiamenti nello staff tecnico e nel roster, sta venendo fuori un nuovo affiatamento. Ci è mancata un po’ di freddezza e di continuità nel corso della partita. In alcune gare ci è mancato poco per vincere e per avere una classifica molto diversa da quella attuale. Non è facile mantenere l’entusiasmo dopo nove sconfitte di fila, ma dobbiamo guardare anche i piccoli miglioramenti per cercare di caricarci.

La gara dell’andata con Mantova fu piuttosto strana, non riuscimmo a mettere in campo energia e intensità. Mantova fu brava, nonostante i problemi di rotazione, a tenerci sotto tutta la partita. Forse già in quella partita è iniziato il nostro momento negativo a livello di fiducia. Quella con Mantova e le successive sono partite cruciali per la nostra stagione. Dovremo provare a vincerle tutte, soprattutto quella con Jesi che per noi sarà un vero scontro diretto.

Dovremo fare una partita importante dal punto di vista dell’energia e della compattezza. Dovremo stare attenti a non perdere la concentrazione e non prendere break importanti perché Mantova è una squadra in forma e che ha giocatori in grado di pungere tanto in attacco”.

Mario Ghersetti (Pompea Mantova):  “Per noi è un bellissimo momento. Ci siamo presentati a Cagliari con la consapevolezza che non sarebbe stata una gara facile, ma abbiamo eseguito perfettamente il piano partita riuscendo così a vincere. Siamo migliorati molto nell’ultimo periodo come mentalità di gioco, la difesa è per noi un punto fondamentale. Abbiamo grande rispetto per i nostri avversari e il nostro segreto è affrontare ogni partita con la massima umiltà. Rispetto ad inizio anno è cambiata la mentalità della squadra: ogni giocatore si è messo di più a disposizione per la squadra, ora siamo più disciplinati e ora sappiamo come gestire le partite. Ultimamente stiamo gestendo i momenti delicati in modo molto positivo. Devo ringraziare di cuore tutti i tifosi che ci hanno seguito in Sardegna, è stato molto bello averli vicino. Mi fa piacere sentire da alcuni tifosi che erano cinque anni che non si vedeva un ambiente così bello e caldo a Mantova.

Io a Mantova sto benissimo, mi sto trovando bene con la città e con la società. E’ una società molto solida che ha affrontato con coraggio la situazione estiva dove si era arrivati ad un passo dalla cessione del titolo sportivo. Per questo bisogna fare un plauso alla dirigenza che è composta da persone disponibili e appassionate. Si è creata una famiglia dentro e fuori dal campo e questo ci ha portato a lottare ad un obiettivo più grande rispetto a quello che pensavano in molti. E’ veramente un bell’ambiente e spero davvero di poterci rimanere. Essere coinvolti nella lotta playoff è veramente una bella sensazione. Abbiamo dimostrato sul campo a gente che non ci credeva che si sbagliava.

Vencato? Luca ha fatto un passo importante verso la squadra e la società ripagando tutti coloro che avevano avuto fiducia in lui. E’ stato umile nel mettersi a disposizione di una squadra diversa rispetto a quando si è infortunato. E’ un giocatore che ci dà una grande qualità, noi siamo molto contenti di averlo nuovamente a disposizione e non era facile reinserirsi in una squadra che aveva un suo equilibrio.

Il lavoro dello staff medico è davvero eccellente. Sta gestendo una stagione difficile a livello di infortuni ed acciacchi, è uno degli staff più competenti che ho mai conosciuto nella mia carriera.

Cento? La partita d’andata fu veramente difficile. Quella vittoria ci ha dato molta fiducia, è stata una gara importante che ci ha sbloccato mentalmente. Mi aspetto una gara complicata, Cento è una squadra in emergenza e vorrà vincere a tutti i costi a Mantova. Servirà continuare a preparare le partite con la massima attenzione e umiltà”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy