Partita la nuova stagione della Fortitudo. Boniciolli: “Siamo competitivi”

Partita la nuova stagione della Fortitudo. Boniciolli: “Siamo competitivi”

I biancoblu felsinei sono stati accolti quest’oggi da un bagno di folla al PalaDozza prima di partire per il ritiro a Lizzano in Belvedere

di Matteo Airoldi, @MatteoAiroldi88

E’ partita con il consueto bagno di folla e tra i cori degli oltre 500 supporters accorsi al PalaDozza per salutare la squadra la nuova stagione della Fortitudo Bologna che quest’oggi si è ritrovata al Madison di Piazza Azzarita prima della partenza alla volta di Lizzano in Belvedere dove i biancoblu resteranno per una settimana svolgendo la prima parte della loro preparazione estiva. “Questo è il mio primo raduno nelle vesti di presidente – ha dichiarato il numero uno dei felsinei Christian Pavani – e non nascondo il fatto di essere molto emozionato”. Lo sguardo del presidente fortitudino si è poi spostato sulla campagna abbonamenti e sui tanti progetti che la dirigenza biancoblu ha in cantiere: “L’obbiettivo che ci siamo prefissi è quello di confermare tutti i 4800 abbonati della scorsa stagione. Si chiama “Semplicemente Fortitudo” e rispecchia quello che faremo ovvero cercare di dare in campo sempre il massimo. Per quanto riguarda invece il progetto del centro sportivo di Torreverde posso dire che si chiamerà Academy Sport Village e in questo senso sveleremo presto tante novità.  Anche per quanto concerne la questione main sponsor i discorsi sono molto ben avviati”.

 

La palla è poi passata a coach Boniciolli che ha voluto fare un punto della situazione parlando della costruzione della squadra: “Questa estate ho sofferto molto ripensando a gara 5 a Trieste, ma ora sono contento perché abbiamo costruito una squadra competitiva e stimolante pernoi che la alleniamo. E’ finito un ciclo e ora ripartiamo con giocatori d’esperienza, tenendo presente che cui saranno 4 promozioni in due anni. Abbiamo il dovere di provarci, dopo aver salutato giocatori che ora sono andati in squadre migliori di quelle da cui erano stati acquistati. Noi abbiamo pensato alla Fortitudo, e abbiamo messo su una squadra con 10 titolari esperti e determinati. E’ una squadra molto intrigante e secondo me già completa, e potremo sperimentare di più rispetto all’anno scorso, dato che non dovrò insegnare ma semplicemente allenare. Cominceremo per colpa di due eroi con ben cinque trasferte consecutive, e per questo dovremo cercare di prepararci per partire bene da subito, a differenza del passato. Sarà importante tenere i veterani in condizione. Siamo competitivi e sappiamo che al giorno d’oggi non c’è più bisogno del centro dominante ma di esterni importanti e capaci di segnare tanto, e i nostri lo sono. Per quanto riguarda lo scetticismo dei tifosi si sa che il tifoso tifa a prescindere da quelli che sono giocatori e allenatore, e se qualcuno non è convinto sta a noi fargliu cambiare idea. Noi siamo stati competitivi, in questi anni, e mi viuene in mente una intervista che ho visto, su Roma Channel, a Falcao, che ha vinto un campionato in un ambiente con una pressione molto forte come quella che c’è qui. Lui il primo  si classificò secondo, poi terzo e infine primo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy