Montegranaro espugna Udine e vola in vetta

Montegranaro espugna Udine e vola in vetta

La formazione di Pancotto si impone per 69-78 al PalaCarnera. Mvp dell’incontro Corbett. Penna uscito per cinque falli

di Barbara Castellini

Non c’è due senza tre. Si allunga la striscia positiva di Montegranaro che questa sera ha espugnato il PalaCarnera (praticamente sold out) con un netto 69-78 e ha agganciato la Fortitudo Bologna in testa al girone Est di Serie A2. La formazione dell’ex Cesare Pancotto  è apparsa più “collaudata” rispetto alla Gsa Udine, affidatasi più alle iniziative dei singoli che a un gioco corale. Prepotente, nello specifico, la prestazione di LaMarshall Corbett, Mvp dell’incontro con 23 punti, mentre tra i padroni di casa si segnalano le 18 realizzazioni di Marshawn Powell. Non sufficienti a scalfire il dominio marchigiano. L’Apu, già ko all’esordio a Imola, ha dimostrato di essere ancora un cantiere aperto, ma il calendario non concede tregue. Mercoledì, infatti, i bianconeri saranno di scena a Bologna contro la capolista Lavoropiù per la quarta giornata: si attendono segnali positivi.

A rompere il ghiaccio ci pensa subito Powell con un canestro da due punti dopo 12 secondi di gioco (2-0). Immediata la replica di Montegranaro che va a segno con Palermo, autore della prima tripla del match (2-3). Le squadre iniziano un serrato confronto punto a punto, fino al minuto 3 e 47 secondi quando Pellegrino sigla l’8-7 (su assist di Powell), dando il via a un primo tentativo di fuga dell’Apu: a 4 minuti e 18 secondi dalla prima sirena, infatti, la formazione friulana si porta sul +7 (14-7) grazie a una tripla di Cortese. Ma la reazione di Montegranaro non si fa attendere. In tre minuti Corbett & co. tramortiscono i bianconeri e infilano 8 punti di fila, portandosi sul +1 (14-15) a un minuto e 21 secondi dalla fine del periodo. Vantaggio mantenuto fino alla prima sirena (16-17). Nella seconda frazione i marchigiani continuano a spingere sull’acceleratore e dopo aver toccato il +6 (18-24), grazie a una tripla di Treier dopo tre minuti di gioco, hanno aumentato ulteriormente il loro distacco a metà periodo (23-31). A spingere la Gsa Udine fuori dall’impasse, ci ha pensato Powell che a suon di canestri di due ha dimezzato il divario (29-32) a 2 minuti e 35 secondi dall’intervallo lungo. Troppo poco, però, per reggere l’urto di una Montegranaro decisamente più in palla: Amoroso, Negri (autore di una tripla) e il libero messo a segno da Simmons sui due a disposizione per fallo di Simpson allontanano nuovamente gli ospiti (30-38) nell’ultimo minuto. Ma a 27 secondi dalla seconda sirena Simpson sigla il 32-38 e realizza il libero aggiuntivo per fallo di Simmons (33-38). Proprio allo scadere, però, lo stesso ex Albacomp, Powell e Cortese hanno fallito il canestro del -3, che viene invece realizzato da Pellegrino in avvio di terzo periodo (35-38). La Gsa Udine riprende coraggio e, nonostante qualche errore di troppo sotto canestro e alcune sanzioni dubbie – vedi il quarto fallo fischiato a Penna al terzo minuto -, annulla lo svantaggio e torna avanti (dopo un tempo abbondante) grazie alle due triple in serie confezionate da Cortese a metà periodo (48-47). Lo stesso Cortese si ripeterà a 2 minuti e 35 secondi dalla terza sirena per il +7 bianconero (54-47). Ancora una volta, però, la formazione di Pancotto rialza immediatamente la testa e sigla 9 punti in due minuti grazie alle triple di Palermo e Corbett (54-56). Un fallo di Amoroso allo scadere regala, poi, a Powell la possibilità di riportare la Gsa Udine avanti e il grande ex dell’incontro non fallisce dalla lunetta (57-56). Ma la botta d’orgoglio friulana si esaurisce in avvio di ultimo quarto. La schiacciata di Petrovic e le due bombe di Treier consentono agli ospiti di toccare il +9 (57-66) dopo 3 minuti e 20 secondi di gioco. La situazione dell’Apu si complica ulteriormente a 4 minuti dal termine del match: a Penna, appena rientrato, viene fischiato il quinto fallo e il giocatore è dunque costretto ad abbandonare il campo. A metà quarto Montegranaro si porta sul +10 (57-67), grazie a un libero trasformato da Amoroso, che a 3 minuti dalla fine firma il +11 (61-72). Nel finale è ancora Montegranaro a recitare il ruolo da protagonista e a strappare due punti d’oro. Finisce 69-78.

 

GSA UDINE – XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO 69-78

(16-17, 33-38, 57-56)

GSA UDINE: Mortellaro 3 punti, Visentini ne, Cautiero ne, Pinton, Genovese, Cortese 16, Simpson 17, Penna 3, Nikolic, Pellegrino 8, Powell 18, Spanghero 4. All. Demis Cavina.

XL EXTRALIGHT MONTEGRANARO: Treier 13 punti, Testa ne, Mastellari 2, Simmons 6, Palermo 11, Petrovic 9, Negri 7, Corbett 23, Amoroso 7, Traini. All. Cesare Pancotto.

Usciti per cinque falli: Penna.

Spettatori: 3.352.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy