A2 QF G3 – Festival di triple: Verona batte la Fortitudo e allunga la serie

A2 QF G3 – Festival di triple: Verona batte la Fortitudo e allunga la serie

Una cascata di triple, coraggio e maggiore determinazione: così la Tezenis batte la Fortitudo e si regala gara-4.

di Jacopo Burati

Tezenis Verona – Consultinvest Bologna 78-68

Triple (19/42 totale), difesa arcigna, coraggio e maggiore determinazione. Ingredienti efficaci che permettono alla Tezenis di battere la Fortitudo e regalarsi una meritata gara-4 all’Agsm Forum lunedì.

Verona inizia contratta. 0/3 al tiro e Bologna fugge subito sul 5-0. Si sblocca Amato da tre punti, facendo esultare il pubblico, lo imita poco dopo Greene. Verona colpisce, e bene, solo da tre: 6 triple praticamente consecutive (due siderali di Poletti) che taglierebbero le gambe a qualsiasi avversario. Non alla Fortitudo: dall’altra parte Bologna sfrutta fisicità, maggiore varietà di gioco e qualche rimpallo benevolo ed è attaccata alla partita (18-16 per i gialloblu) grazie alle iniziative di un ottimo Cinciarini, vero rebus per la difesa locale per tutto l’arco delle prime due gare della serie. Rosselli pareggia, e alla tripla impossibile di Amato risponde Okereafor: 21-20 dopo i primi, intensi, 10’. Pazzesco dato: Verona è 0/1 da due e 7/15 da tre.

Inizia il secondo quarto e Verona esplode: due liberi di Udom, tripla impossibile di Totè e altra tripla in transizione di Amato: la Tezenis tocca subito +9 (29-20). Non si fa pregare la Fortitudo dopo il timeout chiamato da Pozzecco: contro 9-1 guidato da Rosselli (7 punti) e -1 (29-30). Verona regge bene in difesa sporcando le percentuali agli avversari, anche Udom partecipa alla festa delle triple (11/23 fine primo tempo) e la squadra di Dalmonte va al riposo lungo in vantaggio di 6 (40-34).

Al rientro, Amato commette il terzo fallo, la difesa Fortitudo sale di livello e l’attacco punge: Gandini è scatenato a inizio terzo quarto e segna 7 punti per il parziale di 14-8 che regala la parità ai bolognesi dopo 5’ (48-48). Il tema della Tezenis rimane quello: triple su triple per restare in sella alla partita, anche se in un’occasione Udom prova ad attaccare il ferro con successo, altrimenti protetto magistralmente dai lunghi avversari. Udom, Greene e Poletti provano a dare un’accelerata per il + 6 (56-50). Bologna rintuzza, ma sono il giovanissimo Dieng e un’entrata in uno contro uno con arcobaleno di Greene a dare il +7 (61-54) Tezenis alla fine del terzo periodo.

Non si ferma il festival veronese delle triple all’alba del quarto decisivo: i padroni di casa sono anche più reattivi a rimbalzo, in difesa e sulle palle vaganti, non si preoccupano della sapienza cestistica di Rosselli e volano a +8 (67-59) grazie a Dieng e Greene. La Tezenis non si ferma: Jones segna il suo primo canestro dal campo e Udom spinge i suoi a +12 (74-60). La Fortitudo è nervosa e in crisi nera, come dimostra un mattone di Fulz non da lui e il riposo anticipato di Rosseli e Mancinelli. Gli ultimi 3’ sono solo da consegnare alle statistiche: Verona allunga la serie, appuntamento a lunedì.

Tabellini.

Verona: Amato 13, Greene 21, Jones 5, Udom 13, Poletti 14, Palermo, Ikangi 3, Totè 3, Nwuouocha, Dieng 6.

Bologna: Okereafor 8, Cinciarini 9, Mancinelli 6, Rosselli 16, Gandini 9, Fulz 3, Amici, Chillo 4, Pini 6, Italiano 4.

Fotogallery a cura di Guido Pavoni e Arianna Zani

Phil Greene IV

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy