A2 QF G3- Una Montegranaro davvero Poderosa si porta a casa gara 3

A2 QF G3- Una Montegranaro davvero Poderosa si porta a casa gara 3

I ragazzi di Ceccarelli giocano un basket spumeggiante per 40′ e piegano la corazzata Trieste guadagnandosi gara 4.

di Marco Novello

Si accendono le luci al PalaSavelli per gara 3 tra i padroni di casa della Poderosa Montegranaro e gli ospiti dell’Alma Trieste. Sfida che risulta già essere cruciale per i destini della serie, i marchigiani sono con le spalle al muro trovandosi sotto 2 a 0, primo match point d’altro canto per i giuliani che potrebbero già archiviare la serie. Tutti a disposizione per coach Ceccarelli, Loschi e Coronica, invece, sono stati tenuti fuori dai 12 a referto stasera dal pari ruolo Dalmasson.

QUINTETTO BASE PODEROSA MONTEGRANARO: Rivali, Powell, Corbett, Amoroso, Campogrande

QUINTETTO BASE ALMA TRIESTE: Mussini, Baldasso, Grenn, Bowers, Da Ros.

Bowers apre le danze con un mini parziale in solitaria di 5 a 0, Powell sblocca i padroni di casa con un comodo lay-up (2-5). Green, su assist di Da Ros, scrive il proprio nome sul referto del match; Amoroso, poco dopo, lo imita nell’altra metà campo mantenendo inalterate le distanze. Il lungo biancorosso col numero 21 è veramente un enigma irrisolto per i padroni di casa, settimo punto di questo avvio e +5 Alma; ci pensa Treier a tenere incollati i verdi della Poderosa. Powell ed ancora il lungo prodotto delle giovanili dell’Auxilium Torino ribaltano il parziale causando così l’immediato time-out di coach Dalmasson. Il minuto di sospensione non porta i benefici sperati dal coach veneto, Powell anzi ritocca il massimo vantaggio marchigiano sul 13-9. Green si mette in proprio targando poi anche il primo volo sopra il ferro per il momentaneo pari a quota 13, il giovane Maspero di personalità mette però il piazzato del nuovo +2 XL Extralight. Bowers, con la seconda inchiodata di fila dell’attacco giuliano, risistema la situazione di parità, ma gli uomini di Ceccarelli hanno una marcia in più in questo avvio e con un nuovo 5-0 culminato con la tripla di uno scatenato Treier tornano avanti sul 20-15. L’ultimo cesto di questi primi dieci minuti di gioco lo segna Cavaliero mandando le contendenti a riposo sul parziale di 20-17.

Da Ros inaugura il secondo periodo col lay-up del -1; Amoroso, con la tripla, tiene a debita distanza gli ospiti (23-19). Sembra di assistere ad una partita a scacchi più che ad una di pallacanestro, ad una giocata sensazionale in una metà campo si assiste all’immediata replica dalla parte opposta, incomincia Cavaliero con un 2+1, non convertito, dal coefficiente di difficoltà veramente elevato; replica Gueye con una tripla fuori equilibrio e difensore letteralmente appicciato (26-21). Cittadini mette a segno i primi punti del suo match col tap-in schiacciato aprendo, di fatto, il parziale di 7-1 che riporta il vantaggio sulla sponda alabardata (27-28). Ceccarelli non sta di certo a guardare correndo ai ripari e chiamando un minuto per parlare coi suoi ragazzi. Durante la sospensione il coach di origini riminesi tocca le corde giuste tanto che la Poderosa rientra in campo con un piglio diverso, Powell, da tre, ed Amoroso, con canestro e libero aggiuntivo, scrivono il 6-0 che aggiorna il parziale sul 33-28. Mussini, dalla linea della carità, prova a tamponare l’emorragia offensiva degli ospiti; ma ora sono i padroni di casa a volare col vento in poppa; Corbett con il siluro dai 6.75m e Amoroso con una coppia di liberi dilatano il vantaggio perfino ad 8 lunghezze (38-30). L’Alma barcolla per un attimo, ma il duo Cavaliero-Prandin la prendono per mano dimezzando lo svantaggio; sarà però ancora la guardia americana di casa, a.k.a. LaMarshall Corbett, a cambiare per un’ultima volta il punteggio sul tabellone luminoso mandando le squadre al riposo sul 40-34 a favore della Poderosa.

Terzo periodo che ricomincia con il canestro di Bowers, l’americano conclude un delizioso alley-oop fornitogli da Mussini (40-36); Powell però non sta a guardare e con una tripla ignorantissima segna i primi punti della Poderosa in questa ripresa (43-36). Mussini prova a scuotere l’attacco giuliano mettendone altri due a referto; dapprima Corbett poi Amoroso, dopo tecnico comminato a Bowers, ripristinano il vantaggio dei verdi marchigiani (46-38). Non appena l’Alma vede lo spettro del baratro prendere lineamenti più definiti comincia a giocare come sa; Green e Da Ros scrivono il 6-0 di parziale che riduce ad un solo possesso di svantaggio il margine tra le sfidanti con Ceccarelli che ferma immediatamente le operazioni. Le scelte operate dall’emergente coach romagnolo sono perfette; Powell continua a fare man bassa sotto i tabelloni e da oltre l’arco; se si aggiunge poi l’azione da manuale del basket, sia a livello di circolazione palla sia per le spaziature tenute, con tripla finale di Corbett ecco spiegata la pronta risposta con ontro break di 8 a 2 firmato dalla formazione marchigiana (54-46). Da Ros è l’ultimo baluardo a cui Trieste prova ad aggrapparsi; i liberi di Maspero sentenziano il 56-50 con cui le due sfidanti vanno all’ultimo riposo.

Gli ultimi dieci minuti, come nei precedenti episodi, decreteranno la vincitrice di questa entusiasmante gara 3. Parte bene la XL Extralight che raggiunge per la prima volta i 10 punti di vantaggio grazie ai liberi di Powell ed al cesto di Campogrande (60-50), ci pensa Baldasso, con un jumper dalla media, a scrivere i primi punti ospiti del periodo. Amoroso non trema dalla lunetta aggiungendone altri due, Bowers dall’altra parte sfrutta una rimessa dal fondo per mettere a segno il suo quindicesimo punto di serata (62-54). Ancora il numero 33 di casa continua a dispensare pillole offensive; ma questa volta è Green a tamponare la possibile fuga della Poderosa (64-56). Il canestro del nativo di Alberta, Virginia, apre il mini parziale con cui gli ospiti si rifanno sotto a solo due possessi di svantaggio (64-60). Capitan Amoroso decide che è giunto il momento di caricarsi il peso dell’attacco sulle proprie spalle e con un 4 a 0 in solitaria riporta ad 8 i punti di vantaggio dei marchigiani (68-60). E’ una gara dalle mille emozioni, Mussini e Baldasso per l’Alma scrivono il -3; Amoroso e Corbett riallungano sul +6 (71-65). Il botta-risposta Janelidze Corbett aggiunge fieno in cascina alle rispettive squadre ma si rimane sul +6 Montegranaro; è la tripla di Da Ros a mantenere vive le speranze triestine a poco più di un minuto dal termine (73-70). Sarà la tripla dell’illusione però perché Powell rimarrà glaciale dai liberi e consegnerà il primo punto, meritatissimo, nella serie alla Poderosa che vince sul punteggio di 79-75. Montegranaro si guadagna di forza gara 4 dopo aver espresso un gioco spumeggiante per 40’; Trieste, dopo il buon avvio, non è riuscita a tenere il ritmo dei padroni di casa soccombendo anche per via della giornata storta nel tiro dalla lunga (solo 4 tiri da tre realizzati sui 19 tentati).

MVP BASKETINSIDE.COM: Marshawn Powell. Prova totale per il lungo americano che fa pentole e coperchi per i padroni di casa. Letteralmente incontenibile sia spalle canestro che oltre l’arco dei tre punti, chiuderà con una doppia doppia da 27 punti e 14 rimbalzi con un 36 finale di valutazione.

PODEROSA MONTEGRANARO 79-75 ALMA TRIESTE (20-17, 20-17, 16-16, 23-25)

Poderosa Montegranaro: E. Rivali 0 (0/2 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), L. Campogrande 2 (1/2 da 2, 0/2 da 3, 0/0 tl), L. Maspero 4 (1/5 da 2, 0/2 da 3, 2/2 tl), K. Treier 8 (1/2 da 2, 2/2 da 3, 0/0 tl), D. Zucca n.e., S. Cimini 0 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), L. Corbett 16 (3/7 da 2, 2/7 da 3, 4/4 tl), V. Amoroso (K) 19 (4/5 da 2, 1/2 da 3, 8/10 tl), M. Powell 27 (6/13 da 2, 3/4 da 3, 6/6 tl), G. Altavilla 0 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), O. Gueye 3 (0/0 da 2, 1/2 da 3, 0/0 tl), all. G. Ceccarelli

Alma Trieste: J. Fernandez 0 (0/1 da 2, 0/2 da 3, 0/0 tl), J. Green 15 (5/9 da 2, 0/3 da 3, 5/5 tl), F. Mussini 12 (1/1 da 2, 2/4 da 3, 4/4 tl), M. Schina n.e., L. Baldasso 4 (2/2 da 2, 0/1 da 3, 0/0 tl), L. Deangeli n.e., G. Janelidze 4 (1/2 da 2, 0/2 da 3, 2/2 tl), R. Prandin (K) 2 (1/2 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), D. Cavaliero 7 (3/6 da 2, 0/4 da 3, 1/2 tl), M. Da Ros 13 (5/9 da 2, 1/2 da 3, 0/0 tl), L. Bowers 15 (6/9 da 2, 1/2 da 3, 0/0 tl), A. Cittadini 3 (1/1 da 2, 0/0 da 3, 1/2 tl), all. E Dalmasson

Foto di Alfonso Alfonsi

La Marshall Corbett

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy