A2 SF G1 – Trieste fa sua gara 1 dopo aver sudato le canoniche sette camicie

A2 SF G1 – Trieste fa sua gara 1 dopo aver sudato le canoniche sette camicie

Green gioca una partita assurda, con 29 punti ed 8 rimbalzi guida Trieste sull’1 a 0, ma l’impressione è quella di una serie davvero equilibrata che verrà decisa solo da giocate individuali.

di Marco Novello

Si accendono le luci all’Alma Arena per le semifinali di Play-Off, i padroni di casa dell’Alma Trieste incrociano le armi con gli ospiti della De’ Longhi Treviso Basket in un derby del triveneto che promette grande spettacolo. Dalmasson per questa Gara 1 decide di lasciare fuori dai convocati Baldasso e Coronica; tutti a disposizione invece per coach Pillastrini.

QUINTETTO BASE ALMA TRIESTE: Prandin, Mussini, Green, Da Ros, Bowers

QUINTETTO BASE DE’ LONGHI TREVISO: Brown, Antonutti, Sabatini, Fantinelli, Musso

Derby che parte subito con le marce alte, Antonutti, dai liberi, apre le danze al match (0-2), Bowers, dalla lunga, sblocca l’Alma da quota zero. Brown ed ancora Antonutti scrivono il mini parziale di 5 a 0 che consegna due possessi di vantaggio a TVB; il duo Mussini-Bowers dall’altra parte del campo non è da meno riportando Trieste sul +1 (8-7). Brown segna il quarto punto del suo avvio; ma la JavonteAirlines apre i battenti col primo volo sopra il ferro (10-9). I ritmi tenuti dalle due squadre son davvero pazzeschi; Sabatini, dalla linea della carità, ribalta nuovamente il match; Da Ros e Prandin scrivono a referto il +4 Alma (15-11). Swann entra prepotentemente nel match con un parziale in solitaria di 6 a 0 per il momentaneo 15-17 in favore dei blu ospiti; il numero 20 alabardato però sblocca i suoi dalla secca offensiva in cui si erano cacciati per la nuova parità. La formazione veneta, inspiegabilmente, incomincia a tremare dai liberi non approfittando dei numerosi viaggi a cronometro fermo (17-19), Green quindi impatta ancora una volta la gara a quota 19. I primi dieci minuti si concludono sul libero di Sabatini che manda al primo riposo le contendenti sul parziale di 19-20.

Seconda frazione che tarda a decollare; il solo Green smuove il punteggio sul tabellone luminoso con un libero, per il resto a livello di cronaca non c’è molto da raccontare visto che per più di tre minuti nessuna delle due sfidanti riesce a togliere il tappo che ormai occlude i due canestri dell’impianto di via Flavia. Antonutti, pure lui dalla linea dei cinque metri, riporta avanti TVB; Fernandez d’altro canto, col primo canestro dal campo, ridà il vantaggio ai biancorossi (23-22). Ancora il lungo nativo di Udine martella il cesto avversario con la seconda tripla di serata (23-25), ma Mussini prima e la JavonteAirlines poi spostano l’inerzia a favore della squadra giuliana (27-25). In questo frangente c’è da segnalare inoltre l’infortunio al ginocchio patito da Brown, il giocatore per fortuna è riuscito a rialzarsi sulle proprie gambe prendendo comunque la via degli spogliatoi. Pillastrini non è soddisfatto del gioco espresso dai suoi ragazzi e decide di richiamarli in panchina per il primo time-out di questa gara. Scelta saggia quella presa del coach emiliano visto che Fantinelli e Lombardi, con una poderosa inchiodata, mettono a segno un importante break di 5 a 0 costringendo questa volta Dalmasson ad interrompere le ostilità (27-30). Green, con il siluro dai 6.75m, pareggia la situazione; Bruttini negli altri 15 metri, con astuzia, riesce a mettere a referto un preziosissimo gioco da tre punti (30-33). La De’ Longhi ora ne ha decisamente di più; Bruttini e capitan Fantinelli rispondono colpo su colpo ai tentativi di rimonta triestini allungando perfino sul +4 (34-38). Mussini tiene incollati i padroni di casa, ancora una volta però i liberi di Sabatini concludono la frazione con le formazioni che vanno al riposo lungo sul 36-40.

Da Ros alza il sipario sulla ripresa col cesto che rimette il singolo possesso di scarto, ma Sabatini prende il motorino ed in entrata ristabilisce il vantaggio trevigiano sul +4. Musso, con la tripla del +7, Fantinelli con l’appoggio scrivono il massimo vantaggio esterno sul 38-47; Dalmasson si vede quindi costretto a fermare la marea biancoazzurra con un minuto di sospensione. In uscita dal time-out Green piazza una poderosa schiacciata da fermo nel cuore dell’area avversaria svegliando di fatto i suoi compagni (40-47). L’americano col numero cinque è letteralmente incontenibile segnando in tutti i modi, da fermo, in entrata, palleggio arresto e tiro offrendo uno show balistico davvero impressionante, solo Musso prova a tenere il passo del fuoriclasse biancorosso coi punti del +6 che tengono saldamente in testa la squadra della marca (46-52). Fernandez torna ad iscriversi a referto con una tripla dal peso specifico incalcolabile riporta la sfida al solo possesso di differenza, ci pensa il mulon di casa, Cavaliero, a riaprire definitivamente la contesa (51-52). Imbrò non ci sta, bomba e nuovo +4 TVB; Green però veste i panni del supereroe altri due punti e ad ora il suo tabellino parla di ventesimo punto in poco più di due quarti di gioco. Cittadini certifica il sorpasso alabardato con un gioco da tre punti, Fernandez nell’azione successiva segna il cesto che vale addirittura il possesso pieno di vantaggio (58-55). Imbrò è letteralmente on fire con l’ennesima tripla pareggia a quota 55, Cittadini dal canto suo manda tutti all’ultimo riposo sul punteggio di Alma Trieste 60-58 De’ Longhi Treviso.

Gli ultimi dieci minuti di gioco risulteranno decisivi nell’assegnazione del primo punto in questa serie che si preannuncia davvero equilibrata. Mussini, dall’angolo, mette a segno la bomba che vale il massimo vantaggio biancorosso, Imbrò, dai liberi prova a mantenere incollati i viaggianti ma fa solo 1 su 2 (63-59). Cittadini e Da Ros, in contropiede, aggiorna il proprio massimo vantaggio; Swann è l’ultimo ad alzare bandiera bianca tra la squadra della marca e da solo mette a segno un mini break di 4 a 0 riportando la sfida a due soli possessi di margine. Da questo momento in poi il match ha un solo protagonista, Green segna tutto quello che gli capita per le mani, Imbrò, Bruttini ed Antonutti provano a mantenere il ritmo forsennato imposto dell’americano, ma alla fine le due inchiodate della JavonteAirlines spezzano la resistenza ospite. Trieste si impone su TVB per 84-78 dopo aver sudato le canoniche sette camice; l’impressione generale comunque resta quella che la serie sia ancora lunga oltre che molto equilibrata.

MVP BASKETINSIDE.COM: Javonte Damar Green. Prestazione da fenomeno, non ci sono altri aggettivi da aggiungere alla performance del nativo della Virginia. Tiri senza ritmo, giocate d’atletismo e pure assist un match davvero totale per il numero 5. Alla fine il tabellino recita 29 punti, 8 rimbalzi e 35 di valutazione.

ALMA TRIESTE – DE’ LONGHI TREVISO (19-20, 17-20, 24-18, 24-20)

Alma Trieste: J. Fernandez 10 (1/2 da 2, 2/3 da 3, 2/2 tl), J. Green 29 (10/11 da 2, 2/4 da 3, 3/4 tl), F. Mussini 11 (3/4 da 2, 1/6 da 3, 2/2 tl), M. Schina n.e., L. Deangeli n.e., G. Janelidze 0 (0/1 da 2, 0/1 da 3, 0/0 tl), R. Prandin (K) 3 (0/1 da 2, 1/2 da 3, 0/0 tl), D. Cavaliero 2 (1/5 da 2, 0/2 da 3, 0/0 tl), M. Da Ros 12 (5/9 da 2, 0/1 da 3, 0/0 tl), L. Bowers 10 (2/6 da 2, 2/2 da 3, 0/0 tl), F. Loschi n.e., A. Cittadini 7 (3/3 da 2, 0/0 da 3, 1/1 tl), all. E. Dalmasson

Treviso Basket: J. Brown III 4 (2/6 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), G. Sabatini 7 (1/2 da 2, 0/2 da 3, 5/6 tl), L. De Zardo n.e., D. Bruttini 8 (3/4 da 2, 0/0 da 3, 2/2 tl), I. Swann 11 (2/2 da 2, 2/4 da 3, 1/3 tl), B. Musso 8 (1/1 da 2, 2/5 da 3, 0/0 tl), M. Antonutti 17 (3/7 da 2, 2/4 da 3, 5/6 tl), S. Barbante n.e., M. Imbrò 11 (0/0 da 2, 3/5 da 3, 2/4 tl), M. Fantinelli (K) 10 (3/5 da 2, 0/0 da 3, 4/5 tl), M. Negri 0 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), E. Lombardi 2 (1/1 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), all. S. Pillastrini

Fotogallery a cura di Eleonora Piccarreta

Curva Nord Trieste

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy