A2 SF G2- Un Green fantascientifico consegna il secondo punto della serie a Trieste

A2 SF G2- Un Green fantascientifico consegna il secondo punto della serie a Trieste

Il numero 5 alabardato si conferma assoluto fattore nella serie e porta i giuliani sul doppio vantaggio. Trieste venerdì potrebbe già chiudere la serie al PalaVerde.

di Marco Novello

A poco più di quarantotto ore di distanza dal primo episodio della serie, Trieste e Treviso tornano in campo per disputare gara 2. Squadra che vince non si cambia perciò Dalmasson conferma in toto i 12 giocatori a referto domenica; recuperato, invece, John Brown regolarmente a disposizione di coach Pillastrini.

QUINTETTO BASE ALMA TRIESTE: Prandin, Mussini, Green, Da Ros, Bowers

QUINTETTO BASE DE’ LONGHI TREVISO: Antonutti, Fantinelli, Sabatini, Brown, Musso

Brown apre le danze come in gara 1 con un canestro da dentro l’area, questa volta a rispondergli però è Da Ros col cesto del 2 a 2. Fantinelli, con la zingarata nel cuore dell’area, riporta avanti i suoi; il pianista milanese tuttavia ha altre idee riportando il punteggio in parità. Ancora Fantinelli, prima, Lombardi, poi, producono il primo strappo in favore dei viaggianti che ora conducono sul parziale di 10 a 4. Mussini sblocca dal pantano l’attacco triestino; ma l’ex Biella è davvero on fire mettendo a segno il sesto punto di questo suo avvio (6-12). Cavaliero e Sabatini aggiungono altri punti sul tabellino delle rispettive formazioni; ma il gap ormai si è cristallizzato sui due possessi (8-14). Green decide finalmente di iscriversi a referto e lo fa con un break, in solitaria, di 9 a 2 consegnando così, per la prima volta, il vantaggio alla squadra alabardata (17-15). Cittadini allunga sul +4; ma il capitano biancoazzurro, da vero leader, mette a segno una tripla dall’alto peso specifico che mantiene la squadra veneta attaccata nel punteggio alla prima sirena (19-18).

Negri dà il via al secondo periodo col cesto che scrive il nuovo +1 per la squadra della marca (19-20) senza però trovare risposta dai biancorossi. I giuliani, infatti, non riescono a sbloccarsi Antonutti quindi accresce il vantaggio ospite mettendo a segno il canestro del +3 (19-22). Mussini però non ci sta, il play reggiano mette l’elmetto guidando alla riscossa i compagni di squadra; sono suoi 5 punti più l’assist vincente nel parziale di 10 a 2 che riscrive il massimo vantaggio alabardato sul 29-23. Imbrò, in penetrazione, segna un canestro che fa tirare una vera e propria boccata d’ossigeno ai suoi compagni riassestando lo svantaggio a solo 4 lunghezze; nell’altra metà campo Bowers e Loschi puniscono, in transizione, una distratta difesa ospite aggiornando il punteggio sul 34 a 28. Il botta e risposta tra Da Ros e Fantinelli porta altro fieno nella cascina delle due contendenti prima che Fernandez chiuda le seconde ostilità sul 38-30.

Brown, come nel primo quarto, alza il sipario in questa terza frazione; Grenn prova a replicare immediatamente ma trema dalla linea della carità facendo solo 1 su 2 (39-32). Musso, con la rubata e successivo contropiede, riavvicina ulteriormente i trevigiani, prima della tripla del solito Green che impatta il parziale del quarto (42-34). Lombardi, con una poderosa inchiodata, prova a dar la scossa giusta ai suoi, Musso, infatti, segue l’esempio del compagno portando i veneti a solo due possessi (42-38). Green, come consuetudine, mette in piedi il solito show portando Trieste a sfiorare la doppia cifra di vantaggio (47-28), Treviso ha il merito di rimanere in partita rimontando piano piano l’enorme passivo. Brown e Swann sono i principali interpreti del break di 12-5 che costringe un indiavolato Dalmasson a fermare la marea trevigiana con un time-out. Il minuto di sospensione ha il merito di accendere, non che ce ne fosse realmente bisogno, Green che in solitaria scrive il contro parziale di 6 a 0 riconducendo l’Alma su un rassicurante +8 (58-50). Il punteggio non si muoverà più sino allo scoccare del trentesimo minuto con Trieste che inizierà gli ultimi 10’ con un buon vantaggio.

Il quarto ed ultimo quarto inizia a rilento; le sfidanti sono provate dai ritmi veramente elevati tenuti nelle frazioni precedenti ed il primo minuto passa senza variazioni nel punteggio. Ci pensa Cavaliero, con la prima bomba di serata, a scrivere il massimo vantaggio triestino facendo alterare Pillastrini che sospende le operazioni con un time-out. Scelta ripagata almeno inizialmente dal cesto di Brown, ma un alieno questa sera è planato sotto le volte dell’Alma Arena e risponde al nome di Javonte Green. L’americano mette a segno la tripla che gli vale il ventinovesimo punto di serata allungando nuovamente in favore dei padroni di casa (64-52); la De’ Longhi dal canto suo incassa, ma non indietreggia di un centimetro. Musso e Fantinelli con carisma ed esperienza ricuciono il gap; i liberi di Bruttini rimettono definitivamente in gara i ragazzi di Pillastrini (64-61). Sabatini alza i giri del motore volando in contropiede e mettendo a segno il canestro che fa aumentare i decibel dello spicchio di curva riservato ai tifosi trevigiani che ora ci credono più che mai (64-63). Bowers fa solo 1 su 2 dalla linea dei 5 metri a cronometro fermo; ma è il solito Green, col lay-up, a scrivere i titoli di coda al match e consegnare il secondo punto nella serie all’Alma che venerdì, al PalaVerde, avrà il primo match-ball a disposizione per chiudere la serie. La partita terminerà sul punteggio di 69-65

MVP BASKETINSIDE.COM:Javonte Green. Letteralmente un alieno, se non addirittura fuori categoria per la A2. Una prestazione da leader che recita 33 punti, 11 rimbalzi e 12 falli subiti un vero enigma per la difesa trevigiana. Chiuderà infine con 51 di valutazione.

ALMA TRIESTE 69-65 DE’ LONGHI TREVISO (19-18, 19-12, 20-20, 11-15)

Alma Trieste: J. Fernandez 2 (1/3 da 2, 0/2 da 3, 0/0 tl), J. D. Green 33 (7/10 da 2, 4/6 da 3, 7/9 tl), F. Mussini 7 (2/4 da 2, 1/3 da 3, 0/0 tl), M. Schina n.e., L. Deangeli n.e., G. Janelidze 0 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), R. Prandin (K) 0 (0/3 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), D. Cavaliero 8 (0/2 da 2, 2/5 da 3, 2/2 tl), M. Da Ros 6 (3/7 da 2, 0/4 da 3, 0/2 tl), L. Bowers 5 (2/7 da 2, 0/1 da 3, 1/2 tl), F. Loschi 6 (0/1 da 2, 2/3 da 3, 0/0 tl), A. Cittadini 2 (1/1 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), all. E. Dalmasson

De’ Longhi Treviso: J. Brown III 15 (7/13 da 2, 0/0 da 3, 1/1 tl), G. Sabatini 5 (1/4 da 2, 0/2 da 3, 3/4 tl), L. De Zardo n.e., D. Bruttini 5 (1/2 da 2, 0/0 da 3, 3/4 tl), I. Swann 3 (0/1 da 2, 1/6 da 3, 0/0 tl), B. Musso 8 (4/5 da 2, 0/7 da 3, 0/0 tl), M. Antonutti 2 (1/2 da 2, 0/1 da 3, 0/0 tl), S. Barbante n.e., M. Imbrò 4 (1/2 da 2, 0/2 da 3, 2/2 tl), M. Fantinelli (K) 12 (3/6 da 2, 2/2 da 3, 0/0 tl), M. Negri 3 (1/2 da 2, 0/0 da 3, 1/2 tl), E. Lombardi 8 (3/4 da 2, 0/1 da 3, 2/2 tl), all. S. Pillastrini

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy