Ancora uno scalpo eccellente per Imola, che ha ragione di Ravenna

Ancora uno scalpo eccellente per Imola, che ha ragione di Ravenna

Imola si aggiudica i due punti più insperati, dopo una battaglia durata 45′, con 6 usciti per 5 falli, contro una squadra che sembrava padrona della partita, rimontando e mantenendo il vantaggio coi denti e gli ‘attributi’ fino alla sirena. Baldasso e Bowers stellari, ma l’eroe di giornata è Ingrosso, con 18 +/-

di Alberto Dalmonte

L’Orasì arriva al Ruggi forte di tutti i suoi effettivi, Le Naturelle Imola, reduce dalla prima vittoria, in trasferta infrasettimanale a Mantova, deve rinunciare ancora a Taflaj.
Quintetti: Marino, Potts, Jurkatamm, Thomas, Chiumenti per Ravenna. Fultz, Bowers, Baldasso, Masciadri (Ex), Morse per Imola.
Ravenna si fa rubare palla nei primi due attacchi, Imola ne approfitta per segnare con Fultz, ma poi la ben oliata macchina offensiva giallorossa si attiva e arrivano 4 canestri a fila, da sotto con Thomas e dall’arco, con Potts: 2-10, e Di Paolantonio chiama time out. Arrivano 3 punti da Fultz con l’and one, ma ancora Potts dall’arco punisce da 3, 5-13. Si iscrive al tabellino Bowers, e al 5′ è 7-13.
Ancora un and one di Fultz, che replica ai 2 liberi di Thomas, più altri 2 dalla lunetta, per il terzo fallo di Marino, e Imola è a -3. La tripla di Baldasso dà il -2, 15-17, poi, ancora dalla lunetta, risponde al libero di Chiumenti, 17-18. E’ Potts a prendersi la responsabilità di chiudere due attacchi ospiti, e arrivano 5 punti con i 2 di Fultz nel mezzo: 19-23. Ancora tiri franchi, e sul 21-25 si chiude il primo quarto, con Potts e Fultz già in doppia cifra, e un leggero dominio sotto le plance per Ravenna.

Secondo quarto. Al libero di Morse risponde in tap in Jurkatamm, Ravenna a +5. Ivanaj commette 2 falli sanguinosi su Sergio, che fruttano 6 punti e il +9 ospite. Un attacco paziente di Imola produce 2 punti con Morse, ma replica subito Seck col tap in. Non ci sta il lungo USA in biancorosso, e firma il suo 5° punto con una schiacciata da highlights: 26-33. Si rivede Marino, che appoggia per i due punti, risponde in copia Bowers, poi, dopo il canestro di un liberissimo Treier, 29-39, Di Paolantonio deve richiamare i suoi a rapporto. Ancora incomprensioni difensive in area biancorossa, e stavolta è Thomas ad appoggiare libero e felice. Ingrosso, capita la manfrina, si oppone bene a Chiumenti, che poi dall’altra parte manda in lunetta Morse, e Le Naturelle stringe a -6. Fallo in attacco ancora a Chiumenti, che perde un altro duello col lungo imolese, e questi va a segnare il -5. Il p’nr centrale di Thomas costa il terzo fallo anche ad Ingrosso, e Ravenna torna +6. Momenti di confusione sia di gioco che di conduzione arbitrale, e dopo aver scontentato tutti, si entra negli ultimi 2 minuti. Thomas va a segno da sotto, Bowers e Fultz falliscono la tripla, Venuto riporta a +10 l’Orasì. Thomas è un problemo serio per la difesa, e ne firma altri due: massimo vantaggio degli ospiti, 36-48. E’ ancora Bowers a segnare dalla linea della carità, Di Paolantonio ordina un raddoppio furioso su Thomas e ne ottiene una persa, ma poi nell’ultimo attacco il veterano Usa non trova la tripla, che stasera è effettivamente mancata: 1/10. Intervallo sul 38-48. Certamente l’exploit di giovedì sera non è passato inosservato allo staff di Ravenna, che era in missione di studio nelle ultime due giocate da Imola, e, a costo di spendere 17 falli in 2 quarti, la difesa forte impedisce tiri ad alta percentuale ai padroni di casa, che infatti incassa 22 liberi, ma solo 17 a segno. Rimbalzi in mano ai bizantini, 21-10.

Terzo quarto. Si ricomincia col +12 di Chiumenti e la persa di Imola, altri 2 di Potts, poi, finalmente, da 3 Masciadri, 41-52. Seconda persa di Bowers, fuga in contropiede di Thomas, 41-54. Entra anche la tripla di Marino, e Di Paolantonio deve già fermare il tempo, avendo subito un 3-9 in soli 140”. Un batti e ribatti in area ospite premia Bowers, che appoggia per i 2 punti, poi Baldasso ‘rischia’ di rubare palla ma Thomas ci arriva e segna, così come Morse dall’altra parte: 45-59. Thomas è nello stesso mood del secondo quarto, e ne mette altri 2+1, per il +17. Baldasso non ci sta, e mette la tripla dall’angolo, cosa che prova anche Jurkatamm due volte ma vanamente. Baldasso si è acceso, e stavolta, assieme alla tripla, prende pure fallo e segna il libero del -10: alla fiammata ospite, ha risposto Imola con 11 punti. Esce la bomba di Masciadri, entra quella di Potts, 52-65. Stessa sorte per l’entrata di Chiumenti, che risponde all’errore di Fultz, di nuovo 15 punti tra le due formazioni. Un tecnico a Potts a -2’30” procura 1+3 punti a Baldasso, e il Ruggi sostiene la tenacia dei suoi giocatori, che anche sul -17 hanno reagito, e adesso, col libero di Valentini, sono di nuovo a -10. Purtroppo Imola perde per 24” un attacco, e subito dopo paga con l’antisportivo un fallo di Ivanaj: 2 liberi di Treier, che, proprio sulla sirena, Ingrosso ribatte: 59-69.

Quarto quarto. E’ Ivanaj a ridurre lo svantaggio dalla doppia cifra, poi l’ottimo raddoppio su Sergio procura una persa a Ravenna: Imola c’è e vuole giocarsela fino in fondo. Tutto sembra girare al meglio, Ingrosso si trova un’autostrada per andare a schiacciare, ma si fa stoppare dal primo ferro…per fortuna c’è Baldasso, che trova la quinta tripla, e di nuovo solo 5 punti dividono le due squadre. Cancellieri ricorre al time out, sul 64-69, dopo 120”, e propone 3 guardie contemporaneamente. L’errore di Potts e la persa a rimbalzo di Thomas sono da mani nei capelli.Arriva il canestro di Valentini, -3, poi Imola ha 2 occasioni nelle mani di Baldasso, ma senza fortuna. Così come lo scivolone di Morse che gli procura il quarto fallo su Thomas che trova 2 punti ma non il libero. 66-71 a -7′. Ancora una persa per Le Naturelle, l’undicesima, ancora fallo in attacco per l’Orasì, il quarto di Chiumenti. Morse va in lunetta per il fallo di Potts, ma ne sbaglia uno: 67-71. Stavolta Potts lo subisce il fallo, e va in lunetta a -6′: 1 solo segnato, 67-72. Bowers ci prova dall’angolo, ma non è serata mentre Marino è perfetto: la sua bomba sigla il +8 ospite, e manda in panca le squadre per un time out. Morse spiega la schiacciata al Ruggi, su imbeccata di Masciadri, ma subito dopo commette fallo a rimbalzo su Thomas e deve uscire per falli. Thomas ringrazia, ma segna un solo libero: 69-76, a metà quarto. E’ l’ora del professore e arriva la bomba di Bowers, bissata da quella di Masciadri, 75-76: ultimi 4′ di fuego. Potts si infiamma e piazza la tripla -maniinfaccia- del +4, cosa che non riesce a Imola, poi arriva il 2+1 di Thomas, Ravenna +7. Il prof ne mette 2 di classe, poi 2 Ingrosso dalla punta, 79-82, -90”. Chiumenti esce per 5 falli, Masciadri in lunetta fa 80, Imola a -2. Ingrosso è stoico su Treier che gli frana addosso. Poi Imola torna in attacco e il fallo su Bowers, a -30”, lo manda in lunetta: 82 pari, si giocano gli ultimi 2 possessi: Thomas fallisce il suo, Bowers gioca per la bomba, che spara all’ultimo secondo, ma il secondo ferro la rigetta: supplementare!

OT: Ingrosso stoppa Marino, Valentini segna e subisce fallo da Potts, ma non mette il libero, così Ravenna arriva sul pari 84. Ingrosso vive il suo momento di gloria, e trasforma il p’nr con Fultz, che subito dopo trova l’energia per battere Sergio, andare a segnare in sottomano e subire il fallo. Time out di coach Cancellieri, a -3’10”. Fultz in lunetta, segna, +5 Le Naturelle. Thomas aggira Ingrosso, lo costringe al fallo, e ottiene il 2+1. Dall’altra parte, bella l’entrata di Fultz con scarico sul taglio di Valentini, che prova il reverse, e trova il quinto fallo di Potts. In lunetta arriva solo un punto, 90-87. Un solo libero anche per Thomas, a cui si aggiunge lo 0/2 di Venuto. Imola riesce a scrollarsi di dosso la pressione di Ravenna col canestro di Bowers, a -2′, ma poi perde Fultz per 5 falli, e stavolta Venuto ne fa 1 poi sul rimbalzo, viene fischiato fallo di Thomas, che esce, su Bowers: la lunetta strega anche il prof, che li sbaglia entrambi, e Ravenna arriva a -1 con Treier: 92-91.
Valentini tenta di ipnotizzare Jurkatamm, ma finisce per perderla. Ravenna non riesce ad aprofittarne, e quando mancano 30” Imola si pianta in attacco, ma la palla arriva nelle mani sante di Baldasso che piazza una tripla pazzesca: 95-91. Sul ribaltamento, Marino fa spendere il quinto fallo a Ivanaj, segna un solo libero, e sul rimbalzo arriva la persa per Ravenna. 4” e 6/10 sul tabellone, time out OraSì, rimessa per Bowers, fallo subito, 1 su 2, e Imola si aggiudica i due punti più insperati, contro una delle capoliste. Dopo lo scalpo di Mantova, in trasferta, arriva quello più emozionante, al Ruggi. 96-92, dopo una battaglia durata 45′, con 6 usciti per 5 falli, contro una squadra che sembrava padrona della partita, fino a vedersi rimontare e subire il sorpasso sul finire dell’ultimo quarto, che Imola ha mantenuto coi denti e gli ‘attributi’ fino alla sirena.

Le Naturelle Imola Basket – OraSì Ravenna 96-92 (21-25, 17-23, 21-21, 23-13, 14-10)
Le Naturelle Imola Basket: Lorenzo Baldasso 24 (1/2, 6/10), Timothy jermaine Bowers 23 (5/7, 1/6), Robert Fultz 15 (5/7, 0/3), Anthony Morse 12 (4/6, 0/0), Stefano Masciadri 8 (0/1, 2/6), Tommaso Ingrosso 7 (3/4, 0/1), Luca Valentini 5 (2/2, 0/0), Nikola Ivanaj 2 (1/1, 0/0), Giorgio Calvi 0 (0/0, 0/0), Alessandro Alberti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 27 / 40 – Rimbalzi: 30 1 + 29 (Timothy jermaine Bowers 8) – Assist: 15 (Robert Fultz 6)
OraSì Ravenna: Charles Thomas 30 (11/17, 0/1), Giddy Potts 23 (3/7, 5/10), Tommaso Marino 9 (1/4, 2/4), Kaspar Treier 8 (3/3, 0/3), Luigi Sergio 8 (1/2, 1/2), Alberto Chiumenti 7 (3/4, 0/0), Mikk Jurkatamm 3 (1/1, 0/4), Marco Venuto 2 (0/1, 0/4), Fadilou Seck 2 (1/1, 0/0), Elia Bravi 0 (0/0, 0/0), Simone Farina 0 (0/0, 0/0), Matteo Zanetti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 20 / 30 – Rimbalzi: 39 10 + 29 (Charles Thomas 8) – Assist: 16 (Tommaso Marino 6)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy