Ancora vincente Imola al Ruggi, domata Roseto con buona prova corale

Ancora vincente Imola al Ruggi, domata Roseto con buona prova corale

Ribaltato anche lo svantaggio dell’andata, con gli Usa, Fultz, Baldasso e Taflaj sugli scudi, ma ottime prove soprattutto difensive di Ingrosso e Masciadri. Roseto meno arrembante del solito, Jones ben imbrigliato dalla gabbia di Di Paolantonio

di Alberto Dalmonte

Quintetti di partenza: Nikolic, Canka, Bayehe, Jones, Pierich per Roseto; Fultz, Bowers, Baldasso, Masciadri, Morse per Imola.

Primo quarto. Primo canestro di Jones, dopo un minuto, pareggiato da Fultz in entrata: 2-2 dopo 2 minuti. Spezza l’equilibrio la bomba di Masciadri, accorcia Nikolic, 5-4 dopo 3 minuti, poi lo scontro si infiamma con fischiate non apprezzate dal pubblico di casa, e arrivano 3 liberi, realizzati, da Pierich per il fallo di Fultz: 5-7 dopo 4 minuti. Ci pensa Bowers a ristabilire la parità, prima che Canka, a metà quarto esatta, rimetta avanti gli Sharks. Ancora Bowers per il 9-9, poi è Jones con il coast to coast: 9-11 al 6′. Fallisce il pareggio Morse dalla lunetta, ma ci riesce Bowers, 2/2, 11-11 a -3′. Che poi mette la ciliegina, spiegando a Nikolic la finta di sopracciglia e, mano in faccia, insaccando dall’arco, ma vale solo 2: 13-11, time out Roseto. Ultimi 2 minuti con le Naturelle cambiata per i 4/5, ma Taflaj infila il +4. Nikolic accorcia dalla lunetta, e De Fabritiis, in rapido contropiede, trova la parità: 15-15, con già 8 punti del ‘professore’.

Secondo quarto. Si comincia con la tripla di Taflaj, si iscrive al tabellino pure Baldasso, 20-15. Reazione Sharks affidata a Nikolic, col 2+1, che poi trova il pari 20 in contropiede. Morse, ben servito da Ingrosso, segna, con fallo, ma sbaglia il terzo libero, su tre. Cosa che non fa Mouaha, pari 22, ma ancora Morse si fa valere in area, con la schiacciatona del +2, al 13′. Baldasso trova altri 2 punti, 26-22, e poco dopo Imola fallisce l’opportunità di scappare, con Taflaj. Due pessime gestioni di Ivanaj facilitano il rientro di Roseto, 26-25 dopo 4’30”, arriva il time out di Di Paolantonio. Azione prolungata per l’Andrea Costa, che trova con pazienza il buco con Morse: il +3 è vanificato dai 3 punti ottenuti coi liberi, con Mouaha e Jones, poi arriva il vantaggio esterno con la tripla di Pierich: 28-31. Bowers ottiene il -1, al 16′, poi rimette la freccia del sorpasso dalla lunetta: 32-31. Ancora Morse, imperioso su Jones, ma accorcia subito Mouaha, 34-33. Di Paolantonio si agita per un ‘non fischio’, e arriva il fallo tecnico, col libero che Pierich non sfrutta, né Nikolic con l’attacco successivo: 34-33 al 18′. Il fallo fischiato a Pierich, a metà campo, è niente rispetto ai contatti sempre più duri ‘autorizzati’ vicino al pitturato, ma è il terzo per lui, che torna in panca. Morse ringrazia e segna, finalmente, i 2 liberi. Inizia l’ultimo minuto sul 36-33, con la firma di Fultz, che spiega l’entrata con aggiramento, 38-33, ma ancora Jones accorcia. A 10” dalla fine, il coach imolese richiama i suoi, prepara l’ultima azione: ed è buona, perchè arrivano 3 punti con Baldasso, e il primo tempo finisce 41-35. Già in doppia cifra gli Usa in biancorosso, con i rimbalzi, fortemente deficitari all’andata in terra abruzzese, in sostanziale parità. Discreta la % dal campo per Le Naturelle, mentre è disastroso l’1/13 da 3 per gli ospiti.

Terzo quarto. Una persa di Imola, concede subito i 2 punti a Nikolic, ma Baldasso si rifà subito con la bomba, 44-37. Bayehe segna i suoi primi 2 punti, 44-39, dopo un minuto, ma è un Morse in gran spolvero a segnare con fallo, 46-39, e poco dopo arriva un’altra bomba di Baldasso: sul +10 D’Arcangeli richiama i suoi. Arriva un punto, con Bayehe, poi il terzo fallo di Morse, che si riscatta subito con l’entrata imperiosa che procura 2 punti, il fallo a favore, ma purtroppo anche una botta dolorosa in ricaduta. Esce, ed entra Ingrosso che trasforma un libero: +12, massimo vantaggio. Jones accorcia, 52-42, ma Masciadri si avvita bene spalle a canestro e rimette la massima distanza: 54-42. Roseto non molla, col 2/2 in lunetta ancora di Bayehe. Altro giro ai liberi per Ingrosso, altro punticino, ma il bottino grosso arriva con Fultz, bomba dalla punta, 58-44, poi la stoppata di Mascaidri a Mouaha, e ancora Baldasso per il +16: 60-44, è visibilio al Ruggi, time out per gli Sharks, -3’30”.
Tre punti arrivano da Bayehe in due giri in lunetta, risponde Taflaj con uno, 61-47, e si arriva a -2′.Fase non bellissima, con parecchi errori, e punti che arrivano solo a gioco fermo. Tornano Bowers e Masciadri per Imola, che gestisce l’ultimo attacco con tanta pazienza, e trova la bomba di Taflaj: 64-49, al 30esimo.

Quarto quarto. Roseto gioca con attacchi rapidi, Imola la vuole congelare: anche stavolta attende il 24” per concludere, e lo fa con la terza bomba di Taflaj: +18, quando va in lunetta Valentini, 69-49: Imola ha ribaltato il passivo dell’andata. Taflaj non si ferma più, e segna ancora dalla sua mattonella d’angolo: 72-49. Reazione d’orgoglio di Bayehe, che schiaccia di rabbia, 72-51, poi ancora time out ospite, a -7′. Masciadri segna un libero, il tempo scorre, e Imola approfitta di un doppio attacco per varcare la metà quarto. Dopo i due punti di Jones, arriva il time out di Imola, che si ripresenta con 5 punti firmati Masciadri e Baldasso: 78-55 a 3 minuti e mezzo dalla sirena. Due liberi a segno di Jones, top scorer dei suoi, poi la persa di Imola, il fallo di Masciadri su Bayehe, settimo fallo subito in 31′, 78-58 quando si entra nel terzultimo minuto. L’Andrea Costa continua a lasciar andare il cronometro, e capitalizza con Fultz 2 punti a gioco fermo. Ancora a segno Bayehe, 80-60, ma, dopo un minuto di nulla, arriva la bomba di Baldasso, 5/9, e quando inizia l’ultimo giro di lancette, Taflaj spende il suo quinto fallo su Jones, che poi si prende un tecnico: Fultz segna il libero, 84-60, e si ricomincia coi 2 liberi per Jones: che li segna, 84-62, poi tutto si ferma, il Ruggi tributa l’applauso ai biancorossi, alla 9° vittoria, e si aspetta solo la sirena. Tre su tre nel girone di ritorno, 5 giocatori in doppia cifra, e senza Morse per quasi tutto il secondo tempo, Imola ribalta anche questa sconfitta dell’andata, e si assesta nelle zone alte della classifica.

Le Naturelle Imola Basket – Sapori Veri Roseto 84-62 (15-15, 26-20, 23-14, 20-13)
Le Naturelle Imola Basket: Lorenzo Baldasso 21 (3/4, 5/9), Celis Taflaj 15 (1/5, 4/5), Anthony Morse 14 (6/9, 0/0), Timothy jermaine Bowers 12 (4/8, 0/3), Robert Fultz 10 (2/2, 1/2), Stefano Masciadri 8 (2/4, 1/2), Tommaso Ingrosso 2 (0/4, 0/2), Luca Valentini 2 (0/1, 0/1), Nikola Ivanaj 0 (0/1, 0/0), Giorgio Calvi 0 (0/0, 0/0), Alessandro Alberti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 22 – Rimbalzi: 40 9 + 31 (Timothy jermaine Bowers 9) – Assist: 18 (Robert Fultz 6)
Sapori Veri Roseto: Bobby ray Jones 16 (6/12, 0/3), Jordan Bayehe 13 (3/9, 0/0), Lazar Nikolic 11 (4/9, 0/1), Aristide Mouaha 8 (1/5, 0/2), Simone Pierich 6 (0/3, 1/7), Abramo Canka 4 (2/3, 0/0), Antonio De fabritiis 4 (2/3, 0/6), Nicola Giordano 0 (0/0, 0/1), Luca Valentini 0 (0/0, 0/0), Dut Mabor 0 (0/0, 0/0), Luca Cocciaretto 0 (0/0, 0/0), Joel Fokou 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 23 / 29 – Rimbalzi: 35 10 + 25 (Bobby ray Jones 9) – Assist: 5 (Abramo Canka 2)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy