L’Apu sempre più in crisi: al Carnera passa anche Ferrara

L’Apu sempre più in crisi: al Carnera passa anche Ferrara

Gli emiliani si impongono per 69-74 e volano a quota 22. Mvp dell’incontro Antonutti con 20 punti

di Barbara Castellini

Ancora uno stop che fa rumore per l’Apu. Dopo i ko con Urania Milano e Forlì, questa sera i friulani si sono arresi anche dinanzi alla Feli Pharma sul parquet amico. Amico certo, ma anche esasperato dal ruolino tutt’altro che esaltante degli uomini di Alessandro Ramagli. Il coro “Meritiamo di più” nell’ultimo periodo e i fischi all’uscita dal campo della squadra sono emblematici del momento di difficoltà che si sta vivendo a Nord Est. Non è escluso che nelle prossime settimane la società friulana intervenga per allungare un roster che sta patendo le croniche assenze. Serata magica, sul fronte opposto, per Wiggs & co. che dopo un primo periodo in difetto, hanno saputo raddrizzare fin da subito la gara, approfittando degli errori abbastanza sconcertanti dei loro sparring partner. Il 12,9 per cento nei tiri da 3 rappresenta il punto più basso della stagione per l’Apu, tra le più ciniche fino a questo momento del girone Est dalla distanza. Saranno tre giorni impegnativi quelli che attendono i bianconeri in vista della trasferta a Caserta, che potrebbe segnare in modo importante la stagione.

Senza Penna, out per l’infortunio alla coscia rimediato domenica scorsa a Forlì, e con Fabi a mezzo servizio per i problemi alla schiena, coach Ramagli manda in campo il quintetto formato da: Amato, Nobile, Cromer, Antonutti e Beverly. Coach Spiro Leka, invece, schiera: Vencato, Wiggs, Ebeling, Baldassarre e Fantoni. A rompere il ghiaccio ci pensa Amato dopo un minuto e 25 secondi di gioco (2-0). Ferrara ribalta la situazione nei successivi 30 secondi con Vencato (2-4), ma l’Old Wild West torna subito avanti con la prima tripla della serata firmata da Cromer (5-4). I bianconeri mantengono il vantaggio e a metà periodo sono addirittura otto i punti di distacco dagli emiliani (14-6). La Kleb recupera nel finale e i due liberi di Jerkovic (fallo di Campbell) a un minuto dalla prima sirena fissa il primo parziale (16-13). Nei primi minuti del secondo periodo Ferrara prima impatta con Wiggs (18-18) e poi passa nuovamente avanti con Ebeling (20-21) e con lo stesso Wiggs si porta sul +4 (20-24). Il team di Leka approfitta delle tante disattenzioni dei padroni di casa e prima si porta sul +7 con Panni (22-29) a 4 minuti e 34 secondi dall’intervallo lungo, poi aumenta ulteriormente il divario con Ebeling nel minuto successivo (23-33). A sette secondi dalla fine del secondo quarto, Wiggs riesce a siglare un canestro di tre punti mentre subisce fallo da Beverly e mette a segno il conseguente libero per il 28-40 con il quale si chiude la prima parte di gara.

Il terzo periodo conferma la maggiore precisione sotto canestro degli emiliani che in avvio trovano il +13 con la tripla di Baldassarre (30-43). La Feli Pharma controlla la gara con assoluta disinvoltura, mentre Udine continua a litigare con il canestro. La tripla di Antonutti a 2 minuti e 49 secondi dalla terza sirena dà l’illusione che i friulani siano pronti a rientrare in partita (43-51), ma Ferrara con Baldassarre continua a inanellare una serie di canestri pesanti. Si chiude, dunque, sul +11 per gli ospiti il terzo periodo (48-59). Anche l’ultimo quarto conferma la maggiore precisione di Ferrara che mantiene le distanze dagli uomini di Ramagli e a metà periodo conduce ancora con 12 punti di vantaggio (53-66). Nell’ultimo minuto i bianconeri riducono lo svantaggio con Antonutti che firma il 64-72 e con Cromer che proprio allo scadere sigla la tua terza tripla del match per il 69-74 finale.

 

APU OLD WILD WEST UDINE – FELI PHARMA FERRARA 69-74

(16-13, 28-40, 48-59)

APU OLD WILD WEST UDINE: Cromer 15 punti, Minisini ne, Gazzotti 4, Amato 4, Antonutti 20, Fabi ne, Zilli 5, Jerkovic 5, Ohenhen ne, Beverly 17, Nobile 2. All. Alessandro Ramagli

FELI PHARMA FERRARA: Wiggs 19 punti, Vencato 4, Fantoni 14, Baldassarre 11, Beretta 2, Panni 8, Buffo, Balducci ne, Campbell 9, Ebeling 7. All. Spiro Leka

Uscito per cinque falli: nessuno.

Spettatori: 3mila.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy