La Tezenis Verona espugna il Carnera, l’Apu cede nel finale

La Tezenis Verona espugna il Carnera, l’Apu cede nel finale

Nel lunch match della seconda giornata di Serie A2 gli scaligeri si impongono per 81-95 al termine di una prestazione ad alta intensità. Mvp dell’incontro Antonutti con 21 punti

di Barbara Castellini

Primo stop stagionale per l’Apu. Nella gara d’esordio al PalaCarnera, la formazione di coach Alessandro Ramagli è incappata in una sconfitta contro la quotatissima Verona. Il punteggio finale (81-95) evidenzia non solo le doti balistiche di Tezenis, trascinata nel finale da un ispiratissimo Guido Rosselli (11 punti), ma anche i limiti difensivi della formazione friulana. Sicuramente le precarie condizioni di alcuni elementi (vedi Giacomo Zilli infortunatosi ieri in allenamento, Tj Cromer alle prese da alcuni giorni con una distorsione alla caviglia e Lorenzo Penna, rientrato dopo un mese di stop per infortunio) hanno rappresentato un handicap importante per i bianconeri, che proprio nell’ultimo quarto hanno pagato le rotazioni limitate. A questo però si aggiunge un atteggiamento non sempre convincente in difesa che ha consentito ai veronesi di andare a canestro troppo facilmente. In una mattinata un po’ complicata, però, emergono le qualità di leader di Michele Antonutti, MVP dell’incontro con 21 punti e di regista dell’ex di turno, Andrea Amato (11 punti e 4 assist).

Coach Ramagli manda in campo il quintetto formato da: Amato, Cromer, Fabi, Antonutti e Beverly. Mentre Dalmonte schiera dal primo minuto: Love, Hasbrouck, Severini, Udom e Candussi. Proprio quest’ultimo sblocca l’incontro dopo ventiquattro secondi di gioco (0-2). Fin dalle prime battute Verona impone il suo gioco e dopo un minuto e 35 secondi conduce per 0-7. A interrompere il dominio gialloblu ci pensa l’ex di turno, Amato che mette a segno i suoi primi due punti al Carnera al minuto 1′ 50″ (2-7). La tripla di Hasbrouck al minuto 6’41” allontana nuovamente gli scaligeri (2-10), ma Udine reagisce subito inanellando tre triple consecutive con Antonutti, Amato e Cromer che portano al primo vantaggio casalingo (11-10). Le squadre mantengono alta l’intensità nei minuti successivi, rimanendo appaiate fino al termine del primo quarto (23-25). In avvio di secondo periodo dopo il canestro di Cortese (25-25), gli scaligeri tornano avanti con Rosselli e Prandin che mette a segno la tripla del +5 (25-30). Dopo tre minuti e 44 secondi di gioco Udom realizza il 27-33, che diventa una “scossa” per una Oww più imprecisa rispetto all’inizio del match. Amato e Beverly dimezzano lo svantaggio (31-33) a metà periodo e lo stesso Beverly a meno di tre minuti dalla fine sigla due canestri in pochi secondi che consentono ai friulani di mantenersi in scia (35-36) dopo una nuova accelerata dei veronesi. A un minuto e 46 secondi dall’intervallo lungo Cromer commette il terzo fallo su Hasbrouck che realizza i due liberi con i quali si chiude il secondo periodo (35-38).

Nei primi due minuti del terzo periodo Fabi riporta avanti i suoi grazie a una tripla e a un canestro da due punti siglati in sequenza (42-41), ma i friulani faticano troppo in difesa e ne approfitta ancora una volta la Tezenis che a metà periodo è nuovamente avanti di quattro lunghezze, grazie al tiro libero realizzato da Severini (46-50). A 3 minuti e 42 secondi dalla fine del terzo periodo i padroni di casa contestano una decisione arbitrale piuttosto dubbia: il fallo di Antonutti nei confronti di Poletti che consente al giocatore veronese di tirare per tre volte dalla lunetta (due trasformazioni, 51-55). Con i liberi di Love il passivo dei friulani aumenta ulteriormente (51-57). Cortese e Amato tamponano la situazione e nel finale una tripla allo scadere di Antonutti rimette in parità il punteggio (64-64). Nell’ultima frazione Udine riemergono tutte le difficoltà difensive dell’Apu, che a metà periodo perde il controllo della gara e nel giro di due minuti incassa undici punti (73-88), subendo l’iniziativa di un Rosselli in gran spolvero. Negli ultimi minuti Beverly fissa il punteggio finale sul 81-95.

 

APU OLD WILD WEST UDINE – SCALIGERA TEZENIS VERONA 81-95

(23-25, 35-38, 64-64)

APU OLD WILD WEST UDINE: Cromer 11 punti, Ohenhen ne, Amato 11, Antonutti 21, Fabi 10, Zilli 1, Cortese 5, Jerkovic ne, Beverly 15, Nobile 7, Penna, Micalich ne. All. Alessandro Ramagli.

SCALIGERA TEZENIS VERONA: Poletti 10 punti, Guglielmi ne, Love 19, Tommassini ne, Candussi 17, Prandin 4, Rosselli 11, Udom 11, Severini 13, Morgillo ne, Hasbrouck 10. All. Luca Dalmonte.

Usciti per cinque falli: nessuno.

Spettatori: 3.200 circa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy