Bondi senza più energie, Verona ringrazia

Bondi senza più energie, Verona ringrazia

Dopo un primo tempo equilibrato, Ferrara si sfalda sotto i colpi di una Tezenis più profonda ed in salute

di Andrea Mainardi

Finisce mestamente il campionato interno di Ferrara che per l’ennesima volta in stagione vede il proprio campo violato. Questa volta è la Tezenis di coach Dalmonte a vincere per 58-72 e, data la vittoria di Chieti, i biancoazzurri dovranno aspettare l’ultima giornata per scampare il pericolo playout. Questa sera, se per due quarti c’è stata partita, nel secondo tempo la Bondi è sparita dal parquet esaurendo in maniera palese le energie fisiche e mentali. Emblematici i soli 17 punti dei ferraresi nella ripresa e le tre schiacciate ‘stoppate’ ai giocatori biancoazzurri a tu per tu col canestro. Non basta per Ferrara un Cortese da 29 punti, malissimo Bowers (5 punti con 2/13 al tiro). Verona dal canto suo ha lasciato sfogare inizialmente i padroni di casa per poi assumere il controllo del ritmo partita, per i veneti Frazier top scorer con 20 punti ed enorme contributo della panchina con ben 28 punti a referto.

L’avvio di gara è abbastanza equilibrato con la Bondi che sembra aver ben metabolizzato la partenza di Roderick. A giovarne sono Moreno e Cortese molto ben coinvolti in attacco, Verona risponde con la grande energia di Diliegro sotto canestro (9-6 al 3′). Moreno e Frazier sembrano in giornata dalla distanza così come Cortese che centra la retina con continuità. La Tezenis ha poco da Portannese e Ferrara si porta avanti in maniera più importante con l’alley oop aperto da Moreno e chiuso da Bowers (22-15 al 7′). I gialloblu ricuciono con Boscagin dalla lunetta e col jumper di Frazier, nella Bondi esordisce Vhiljamsson che imbecca bene Cortese per la sua tripla in transizione. Ancora Frazier dalla lunetta e Pellegrino col semigancio mancino chiudono il primo quarto sul 27-21.

I secondi dieci minuto sono aperti dal layup di Vhiljamsson ma a reazione di Verona è rabbiosa: Brkic e Boscagin colpiscono da tre mentre Pini segna l’appoggio del 29 pari al 12′. Per la Bondi sale di tono Pellegrino con quattro punti consecutivi mentre dall’altra parte Portannese commette il suo terzo fallo. E’ ancora l’ex di giornata, Brkic, a colpire la difesa estense con cinque punti consecutivi per il primo vero vantaggio veronese (33-36 al 25′). Ferrara inizia a perdere colpi e a forzare in attacco, Pini dalla lunetta è l’improbabile tiro di Totè sulla sirena costringono coach Furlani a chiamare timeout. A fermare l’emorragia è Cortese che torna a segnare dall’arco, Diliegro sfrutta bene i rimbalzi offensivi ma ancora Cortese, l’altro ex di serata colpisce dai 6.75 mandando le squadre all’intervallo sul 41-42.

Alla ripresa le difese sembrano prevalere nettamente sugli attacchi, a sbloccare il punteggio sono due liberi di Frazier al 23′. Ferrara prova anche a costruire buone trame offensive ma sbaglia davvero troppi tiri, a centrare la retina è Bowers da tre punti dopo un’eternità seguito dalla schiacciata di Pellegrino (46-51 al 25′). Il Pala Hilton Pharma si infiamma poi alla schiacciata di Cortese che regala il -1 ai suoi ma Portannese risponde alla grande uscendo dal timeout con una tripla (50-54 al 27′). Ancora Portannese sfrutta le perse della Bondi e segna dalla lunetta così come fa Robinson dopo un taglio sulla linea di fondo che sancisce la fine del terzo quarto sul 50-59.

I primi due possessi dell’ultima frazione sono emblematici di come terminerà la gara: Cortese sbaglia clamorosamente la schiacciata in solitaria mentre Amato dall’altra parte segna la tripla del +12 dall’angolo. Da qui in poi la resa dei giocatori di coach Furlani (che esaurisce i timeout a disposizione dopo tre minuti nell’ultimo quarto) è totale ed incondizionata. Ferrara rimane senza segnare per sei minuti quando la penetrazione di Vhiljamsson sblocca il punteggio. Verona si limita a gestire senza strafare su entrambi i lati del campo ed il solo Molinaro sembra avere energie residue per la Bondi. Brkic e Frazier sigillano la vittoria con un paio di triple mentre è il solo Cortese a portare altri punti alla causa ferrarese. Termina così la partita sul 58-72 senza altri sussulti.

MVP Basketinside: Giovanni Pini (10 punti, 5 rimbalzi, 3 stoppate, 2 assist e +20 di plus/minus).

Bondi Ferrara – Tezenis Verona 58-72 (27-21, 14-21, 9-17, 8-13)
Bondi Ferrara: Riccardo Cortese 29 (5/11, 6/8), Francesco Pellegrino 10 (5/10, 0/0), Yankiel Moreno 6 (0/1, 2/6), Laurence Bowers 5 (1/9, 1/4), Lorenzo Molinaro 4 (2/6, 0/0), Martino Mastellari 0 (0/0, 0/3), Nicola Mastrangelo 0 (0/0, 0/0), Stefano Crotta 0 (0/0, 0/0), Francesco Ardizzoni 0 (0/0, 0/0), Andrea Caridi 0 (0/0, 0/0), Riccardo Zani 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 1 / 2 – Rimbalzi: 27 9 + 18 (Francesco Pellegrino, Lorenzo Molinaro 8) – Assist: 9 (Yankiel Moreno 5)
Tezenis Verona: Michael antonio Frazier ii 18 (3/8, 2/4), David Brkic 10 (1/1, 2/3), Giovanni Pini 10 (4/8, 0/2), Dawan Robinson 8 (4/6, 0/1), Marco Portannese 7 (1/4, 1/4), Dane Diliegro 6 (3/5, 0/0), Leonardo Tote’ 5 (2/3, 0/2), Giorgio Boscagin 5 (0/0, 1/3), Andrea Amato 3 (0/2, 1/3), Andrea Rovatti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 19 – Rimbalzi: 35 8 + 27 (Michael antonio Frazier ii 9) – Assist: 11 (Michael antonio Frazier ii, Giovanni Pini, Dawan Robinson, Marco Portannese 2)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy