Caserta ci prova ma anche Udine passa al PalaMaggiò

Caserta ci prova ma anche Udine passa al PalaMaggiò

L’Apu Udine vince una partita molto importante al PalaMaggiò e ufficializza la crisi bianconera.

di Emanuele Terracciano

La Juvecaserta esce ancora una volta sconfitta dal PalaMaggiò dove nel finale l’Apu Old Wild West Udine porta a casa una vittoria molto importante. Nelle battute conclusive del match decisivo un fallo di sfondamento di Giuri e il canestro di Antonutti.

LA CRONACA – L’avvio di partita si svolge a ritmi non troppo alti e con qualche errore di troppo che tiene il punteggio basso. Nella prima fase di match Udine trova punti solo dai suoi americani che sono i principali punti di riferimento nel tentativo da parte dei friulani di scappare ma un’improvvisa accelerata bianconera permette ai padroni di casa di concretizzare un parziale di 4-0 che porta il punteggio sul 13-10 in favore della Juve. Dopo il timeout ospite Cromer interrompe il parziale avversario penetrando in una prateria ma Caserta è presente in campo e con degli ispirati Carlson e Bianchi, oltre che un ritrovato Cusin, riesce ad andare al primo mini intervallo in vantaggio per 22-12.

In avvio di secondo quarto Turel dall’arco porta a tredici i punti di vantaggio dei suoi ma Beverley e Cromer si rimettono a lavoro per riportare Udine in singola cifra di svantaggio sul 25-16 e allora coach Gentile decide che è il momento di chiedere un timeout. L’intervento del tecnico non sembra annullare le difficoltà offensive di Caserta che vede gli avversari rosicare sempre di più il suo margine di vantaggio. L’Old Wild West in questa fase è padrona del campo e trova il vantaggio sul 32-30 grazie a un Beverly immarcabile sotto canestro. Alla fine del primo tempo Udine conduce per 37-33.

Caserta entra in campo ne corso del terzo quarto con un diverso atteggiamento difensivo e riesce a lucrare anche un buon numero di falli che mandano rapidamente in bonus gli avversari. In questa fase è Paci, approfittando dell’assenza dal parquet di Beverly per problemi di falli, a fare la differenza nel recupero e nel sorpasso bianconero sul 40-38. Nella parte finale di terzo periodo la partita è estremamente equilibrata anche perché i due attacchi non trovano canestri facili e smuovono il loro tabellino quasi sempre trovando viaggi in lunetta. La penetrazione vincente di Carlson a fil di sirena manda Caserta all’ultimo mini intervallo in vantaggio per 50-48.

In avvio di quarto periodo l’equilibrio continua a farla da padrone ma quando Beverly rientra in campo Udine riesce ad allungare fino al +6 (59-53). Non basta il timeout voluto da Gentile per invertire la tendenza: infatti, Udine trova facilmente la doppia cifra di vantaggio sul 64-53. Il quinto fallo di Beverly rimischia un po’ le carte e permette alla Juve di accorciare un po’ le distanze. L’inerzia adesso sembra essere cambiata un’altra volta con i padroni di casa che dominano sotto canestro e assottigliano sempre di più lo svantaggio fino al -3 sul 66-63. Antonutti realizza un canestro preziosissimo quando mancano 8’’ alla sirena finale e Udine vince per 69-65.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy