Cento rinasce alla Grana Padano Arena, Mantova spreca troppo

Cento rinasce alla Grana Padano Arena, Mantova spreca troppo

di Alberto Carmone

Cento si rilancia nella lotta salvezza sbancando la Grana Padano Arena 78-72 e fermando la corsa degli Stings ai playoff.

Ghersetti e Raspino sbloccano subito gli Stings da tre punti con Cento che approccia la partita in modo un po’ timido in attacco. Dopo l’iniziale 6-0 la Baltur si scuote e con Taylor e Gasparin mette in grande difficoltà la difesa mantovana ribaltando l’inerzia dell’incontro con un parziale di 12-1. La difesa dei centesi è perfetta e Mantova deve accontentarsi solo delle conclusioni forzate dalla lunga distanza. In qualche modo comunque gli Stings rimangono in partita nonostante Cento costruisca più gioco e sia più pericolosa. Il gioco da 4 punti del neo entrato Visconti rimette la Pompea a -2 a fine primo quarto. 17-19 al 10’.

Nel secondo periodo di gioco non cambia la sostanza della partita con la Baltur che continua a condurre le operazioni e si dimostra in grande fiducia. Con Cento sul +6, coach FInelli chiama timeout e prova a scuotere la sua squadra. Al rientro, Mantova si rende più pericolosa col gioco interno e in difesa mostra più attenzione. Il terzo fallo di White sembra cambiare la partita, con la Pompea che recupera fino al pareggio a quota 27 con la schiacciata di Morse. Cento sbaglia in attacco, ma gli Stings non ne approfittano con Poggi che si rende utilissimo in attacco a rimbalzo subendo quattro falli in pochi minuti. L’ala romana sbaglia però tre liberi e la Baltur rimane così in vantaggio, aumentando il distacco negli ultimi 30 secondi grazie ala bomba sulla sirena del primo tempo di Taflaj che fissa il punteggio sul 30-37.

Nella ripresa Cento continua a mostrare un atteggiamento aggressivo in campo anche se Mantova rientra con Raspino fino al -1. Benfatto e Taylor tengono comunque in piedi la Baltur che non perde la leadership dell’incontro. La difesa degli Stings migliora la sua intensità, ma non riesce a dare il giusto ritmo all’attacco con Mantova che arriva ad un passo dal sorpasso senza però effettuarlo. Maspero riprende la Benedetto sul -1, ma Benfatto col 2+1 rimette Cento sul +4 a fine terzo quarto (47-51 al 30’).

In avvio di ultimo quarto è Visconti il protagonista con 7 punti che avvicinano Mantova alla Baltur. Cento sembra in difficoltà col sorpasso sul 54-53, ma ancora una volta gli Stings non riescono a mantenere il vantaggio. Due bombe di Gasparin spezzano l’equilibrio e mandano sul +6 gli ospiti per la gioia del centinaio di tifosi biancorossi. Coach Finelli chiama due timeout con la sua squadra che pare abbandonare la partita con la testa. White e Taylor salgono fino al +9 a tre minuti dalla fine. Improvvisamente Ghersetti e Visconti riaprono l’incontro mettendo gli Stings sul -4. Veideman e Visconti impattano a quota 69 con Cento che perde palla e va fuori giri. Taylor ha però la mano freddissima e ridà a Cento il vantaggio. Nel finale Mantova è meno lucida e Cento può quindi brindare il ritorno alla vittoria dopo nove sconfitte di fila.

Pompea Mantova – Baltur Cento 72-78 (17-19, 13-18, 17-14, 25-27)
Pompea Mantova: Riccardo Visconti 23 (3/6, 5/7), Mario jose Ghersetti 14 (1/7, 4/5), Tommaso Raspino 10 (3/7, 1/3), Anthony Morse 9 (4/6, 0/0), Rain Veideman 6 (3/5, 0/6), Luca Vencato 4 (2/5, 0/1), Lorenzo Maspero 3 (0/0, 1/2), Giovanni Poggi 3 (1/1, 0/0), Nika Metreveli 0 (0/1, 0/0), Alessandro Tosi 0 (0/0, 0/0), Francesco Guerra 0 (0/0, 0/0), Andrea Albertini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 5 / 13 – Rimbalzi: 33 8 + 25 (Anthony Morse 11) – Assist: 14 (Tommaso Raspino 7)
Baltur Cento: Tyshawn Taylor 24 (6/11, 2/4), Giovanni Gasparin 16 (2/3, 4/4), Michele Benfatto 13 (6/12, 0/0), James White 10 (5/8, 0/4), Celis Taflaj 8 (0/2, 2/5), Alberto Chiumenti 4 (1/2, 0/0), Yankiel Moreno 3 (0/3, 1/2), Michele Ebeling 0 (0/1, 0/0), Giorgio Di bonaventura 0 (0/0, 0/0), Simone Balducci 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 11 / 12 – Rimbalzi: 32 5 + 27 (James White 9) – Assist: 18 (Yankiel Moreno 7)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy