Ferrara decimata, Ravenna corsara si prende i playoff

Ferrara decimata, Ravenna corsara si prende i playoff

Bondi Ferrara – OraSì Ravenna 77-84

di Andrea Mainardi

Festa doveva essere e festa è stata all’MF Palace, con i biancoazzurri salutati dai propri tifosi che festeggiano assieme ai giocatori una sudatissima ma meritata salvezza. Il campo racconta di un’Orasì Ravenna che domina in lungo ed in largo la fase centrale della gara toccando anche il +23 ma la Bondi ha un sussulto d’orgoglio nel finale e riesce a chiudere sul 77-84 grazie ai 29 punti di Swann, ai 15 di Molinaro ed ai 10 di un applauditissimo Zampini. In casa estense ora si guarda con cauto ottimismo al futuro, con la speranza che il presidente D’Auria riesca a realizzare i buoni propositi che si è prefisso per ridare slancio al movimento cestistico ferrarese.

Le triple di Molinaro e Swann aprono le danze seguite dal libero di Hairston e dalla bomba di Masciadri da posizione centrale (6 pari al 7’). Nonostante le motivazioni diametralmente diverse, Ferrara nei primi minuti tiene comunque testa ai giallorossi trascinata dai punti di Swann. L’Orasì mette il naso avanti grazie al talento individuale di Smith mentre in casa Bondi scende Calò per problemi di falli e dopo mesi si rivede Zampini sul parquet dell’ MF Palace. Le percentuali al tiro di Ferrara non accennano a salire eccezion fatta proprio per un pregevole canestro di Zampini che mantiene Ravenna ad un solo possesso di vantaggio. Il primo quarto termina con l’antisportivo di Masciadri ma ancora il rientrante playmaker sbaglia sia i liberi che il tiro finale mantenendo il punteggio sul 15-18.

Gli ospiti iniziano ad aumentare il margine nel secondo quarto grazie a Montano ed Hairston, che trovano canestri difficili nonostante le buone difese ferraresi (21-25 al 12’). Molinaro prova a prendersi più responsabilità al tiro con Swann in panchina ma Ravenna macina gioco e canestri grazie a Cardillo ad ancora Montano dall’arco per il +9. Altri cinque punti di Cardillo, scatenato valgono la doppia cifra di vantaggio ravennate e la partita sembra già scappare dalle mani di una Bondi comprensibilmente già con la testa altrove. Torna a segnare anche Masciadri da tre ed il passivo si fa ancora più perentorio sul 23-39 al 15’. Quattro punti di Panni ridanno un minimo di inerzia ai biancoazzurri, i quali però pagano dazio senza Campbell, Fantoni e Ganeto a livello di intensità difensiva. Ravenna mantiene senza affanni un solido margine di vantaggio anche all’intervallo grazie alla miriade di rimbalzi catturati. L’ultimo acuto è di Swann che rende un po’ meno amaro il parziale di 16-29 che vale il 31-47 al termine del primo tempo.

Marino ed Hairston riprendono da dove avevano lasciato e l’Orasì tocca anche il +23, poco dopo nella Bondi segna due volte Swann ma replicano ancora Cardillo e Smith segnando da tre punti (38-60 al 24’). Va a bersaglio dalla distanza anche Zampini che ritrova sempre più confidenza col canestro, assieme a Swann che non l’ha davvero mai persa. In tutto questo Ravenna non ha mai difficoltà a mantenere in ghiaccio la contesa chiudendo il terzo quarto sul 51-72. Un sussulto di orgoglio Bondi arriva ad inizio ultimo quarto con un 7-0 di parziale che rende meno pesante lo svantaggio. Coach Mazzon chiama timeout dopodiché è Masciadri a muovere il tabellino dei suoi seguito dalle triple di Mazzoleni e Zampini che ridanno un minimo di pepe al finale di gara (64-74 al 34’). Cinque punti di Smith ridanno ossigeno agli ospiti ma replicano da tre Swann e Molinaro riportando Ferrara sul -9, proprio sul più bello però i biancoazzurri non riescono a dare continuità al proprio parziale e altri cinque punti di Hairston mettono la parola fine all’incontro (70-83 al 38’). Negli ultimi minuti entrambe le squadre danno fondo alle proprie panchine ed in casa estense c’è gloria anche per Mazzotti che insacca la tripla del 77-84 finale. Sugli spalti è festa per entrambe le tifoserie che festeggiano i rispettivi traguardi raggiunti.

Bondi Ferrara – OraSì Ravenna 77-84 (15-18, 16-29, 20-25, 26-12)

Bondi Ferrara: Isaiah Swann 29 (5/6, 5/12), Lorenzo Molinaro 15 (3/7, 3/5), Federico Zampini 10 (2/2, 2/3), Andrea Mazzoleni 7 (0/0, 2/3), Davide Liberati 7 (1/2, 1/5), Alessandro Panni 6 (2/4, 0/1), Alessandro Mazzotti 3 (0/0, 1/2), Alessandro Buffo 0 (0/1, 0/1), Ruben Calò 0 (0/2, 0/0), Simone Conti 0 (0/0, 0/0), Alessio Petrolati 0 (0/0, 0/0), Folarin Campbell 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 13 – Rimbalzi: 26 3 + 23 (Lorenzo Molinaro, Andrea Mazzoleni 6) – Assist: 15 (Isaiah Swann, Federico Zampini, Alessandro Panni 3).

OraSì Ravenna: Adam Smith 29 (6/12, 5/9), Josh Hairston 16 (6/11, 0/0), Marco Cardillo 13 (4/7, 1/2), Stefano Masciadri 10 (2/4, 2/5), Matteo Montano 10 (0/1, 3/6), Tommaso Marino 6 (0/1, 2/6), Mikk Jurkatamm 0 (0/1, 0/4), Fadilou Seck 0 (0/0, 0/0), Michele Rubbini 0 (0/0, 0/0), Luca Gandini 0 (0/0, 0/0), Lorenzo Tartamella 0 (0/0, 0/0), Rafael Baldassi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 13 – Rimbalzi: 36 14 + 22 (Stefano Masciadri 9) – Assist: 14 (Tommaso Marino 5)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy