Inizio complicato, poi Udine si scatena e batte Roseto

Inizio complicato, poi Udine si scatena e batte Roseto

Contro Roseto, i bianconeri conquistano il quarto successo consecutivo e salgono a quota 10. Mvp dell’incontro Powell con 20 punti

di Barbara Castellini

Quarta vittoria consecutiva per la Gsa Udine che questa sera al PalaCarnera (secondo sold out stagionale) ha superato gli Sharks Roseto, rivelatisi più “aggressivi” del previsto. Ha dovuto, infatti, faticare la formazione di coach Demis Cavina prima di riuscire a fare propri i due punti che la avvicinano ulteriormente al vertice della classifica, occupato sempre da LavoroPiù Bologna (unica formazione a punteggio pieno dopo otto giornate). Dopo una prima parte di gara piuttosto mediocre, Powell (Mvp dell’incontro con 20 punti) & compagni sono riusciti ad avere la meglio sugli abruzzesi, grazie soprattutto a una migliorata precisione sotto canestro e a una maggior intensità. Intensità alla quale non ha saputo rispondere Roseto, partita alla grande, ma costretta ad arrendersi dopo l’intervallo lungo.

Coach Cavina parte con Penna, Simpson, Powell, Stefan Nikolic e Gsa Udine Roseto Sharks SimpsonPellegrino, mentre il collega D’Arcangeli schiera: Person, Lazar Nikolic, Eboua, Akele e Sherrod. Proprio quest’ultimo è il primo ad andare a segno dopo 15 secondi di gioco (0-2). La formazione di Cavina fatica a trovare la via del canestro e incassa il -3 dopo 3 minunti e 10 secondi di gioco (3-6). I due Powell trasformati da Powell (dallo di Eboua) a 4 minuti dalla prima sirena ridanno ossigeno ai friulani, che in pochi minuti vanno sul +5 (11-6). Nel finale del periodo, però, è ancora Roseto a rendersi pericolosa e a chiudere la frazione in vantaggio (15-18). In avvio di secondo quarto la tripla di Simpson annulla le distanze tra le due squadre e, dopo due minuti privi di canestri (e ricchi di tanti errori), Mortellaro riporta avanti i bianconeri (20-18). Il +5 messa a segno da Cortese (23-18) costringe coach D’Arcangeli a chiamare il timeout. Al rientro Roseto si rifà sotto con Sherrod (23-20), ma a metà periodo l’Apu realizza il massimo vantaggio con Powell, autore di uno dei due liberi concessi (27-20). Ancora una volta, però, sul finire del periodo si assiste al ritorno degli avversari che riaprono la gara con la tripla di Bushati (27-23) e impattano a 2 minuti e 12 secondi dall’intervallo lungo con una perla di Person sulla sirena (28-28). Finale combattuto con la Gsa Udine che chiude sul +3 (33-30). Al rientro dall’intervallo lungo, i padroni di casa ristabiliscono le distanze con Cortese e Powell, bravo a rubare palla nella metà campo di Roseto (37-30). Sembra che la gara abbia preso una piega definitiva, invece, dopo un errore sotto canestro di Simpson, Roseto si rifà sotto, spinta dall’ex Bushati, e nel giro di tre minuti si riporta in vantaggio grazie ai due liberi trasformati da Lazar Nikolic (39-40). L’illusione degli ospiti dura pochi secondi: Powell ribalta nuovamente la situazione e l’Apu tenta la prima fuga. A metà periodo Cortese mette a segno la tripla del +4 (46-42) e a 4 minuti dalla terza sirena c’è il +6 di Powell (46-42). A poco più di un minuto dalla fine del terzo periodo, Pinton firma il +9 (54-45). Lo stesso capitano bianconero, poi, mette a segno il +12 (59-47) con il quale si chiude la terza frazione. Nell’ultimo periodo la Gsa Udine continua a spingere e aumenta ulteriormente il distacco portandosi sul +16 (63-47) a 7 minuti dalla fine del match. Da questo momento è un leitmotiv bianconero. Nulla da fare per Roseto che subisce i colpi di Cortese & co. senza avere le armi necessarie per rientrare in gara. A quattro minuti dalla fine Udine comanda per 69-49 e il successo è già archiviato. Finale 76-59.

 

GSA UDINE – ROSETO SHARKS 76-59

(15-18, 33-30, 59-47)

GSA UDINE: Mortellaro 6 punti, Visentini ne, Pinton 8, Genovese, Cortese 16, Simpson 13, Penna, Nikolic S., Pellegrino 11, Powell 20, Spanghero 2. All. Demis Cavina.

ROSETO SHARKS: Person 12 punti, Rodriguez, Ianelli ne, Penè ne, Nikolic L. 2, Eboua 2, Bayehe, Sherrod 15, Akele 13, Alibegovic ne, Pierich 3, Bushati 14. All. Germano D’Arcangeli.

Usciti per cinque falli: nessuno.

Spettatori: 3.500.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy