Jesi espugna il Ruggi in rimonta: Imola al tappeto

Jesi espugna il Ruggi in rimonta: Imola al tappeto

Punteggio altalenante per larghi tratti, poi Le Naturelle allunga fino al +15, si rilassa, e pian piano arriva il controparziale ospite, fino all’82 pari a -10″. Decide la tripla di Rice, top scorer con Totè, quando mancano 2″.

di Alberto Dalmonte

Dopo i cori gemellati tra le due tifoserie, e l’ovazione al rientro di Prato, scendono in campo Knowles Mascolo Rinaldi Rice Totè contro Fultz Bowers Crow Raymond Simioni. Totè vince la palla a due e va poi a segnare il primo canestro, mentre Imola perde subito dopo la prima palla in attacco. Totè ci riprova ancora a giocarsela con Simioni, e ancora canestro, e così di nuovo poco dopo: 3 cesti uguali in un minuto e mezzo. Dopo un’altra persa, Imola trova finalmente due punti con Raymond, che ha ragione di Rinaldi. Prende l’iniziativa Fultz, che guida la transizione, si ferma sull’arco ma vale solo due. Il sorpasso arriva con Raymond, che invece non pesta la linea e fa 7-6. Pareggio e sorpasso di Mascolo dalla lunetta, controsorpasso di Bowers. Dopo diversi errori al tiro da ambo le parti, arriva la bomba di Rice, ma è di nuovo parità con Rossi, entrato per Simioni, dalla lunetta. Rinaldi e Fultz fanno 13, poi arriva la rubata di Bowers, 15-13, subito controfirmata, 17-13. Nella difesa jesina si entra facile e arriva il 19-13 firmato Crow. Time out di coach Cagnazzo. Maspero prova a tenere Raymond, ma ne esce male, con 2 falli in meno di un minuto. Arrivano anche i primi canestri di Magrini e poi di Rossi, mentre per Jesi è nebbia. 23-13 dopo 10′, con già 5 rimbalzi per Crow.
Secondo quarto. Mascolo segna il -8, Totè il -6, e vista la confusione tra i biancorossi, coach Di Paolantonio decide di catechizzare i suoi. Non è che al rientro si veda molto di meglio, e allora tornano sul parquet Fultz e Raymond. Lovisotto segna col tap in, poi arrivano due liberi di Raymond, che subito dopo cattura un gran rimbalzo su tiro di Rice. Bella la tripla di Knowles, per il -3, ma un buon giro palla imolese mette in condizione Bowers di andare due volte a segno, libero, in area. In mezzo due punti di Baldasso: 29-24 dopo 5′. Fallisce un contropiede Le Naturelle, e Rinaldi castiga con la tripla del -1: 29-28. Baldasso s’è acceso, e trova la tripla del nuovo sorpasso: 29-31, altro time out di casa. Raymond è il più convinto dei suoi, e va subito a segno in area, poi si arrabbia moltissimo per un fallo fischiatogli su Rinaldi, che va a segno coi liberi, 31-33. Liberi che segna anche Crow, prima che Bowers decida di alzarsi e segnare dalla punta. Pareggia Knowles, rimette il naso avanti l’Andrea Costa con Crow, ri-pareggia Totè, segna un libero solo Raymond. Poi più niente, ed è intervallo, sul 38-37. Una delle peggiori prestazioni balistiche da 3 per Le Naturelle – 1/11 – che ha però un 6/12 di Bowers da 2 e 24 rimbalzi totali. Già pesante il conto delle palle perse, 6, contro una solo recuperata.
Terzo quarto. Un mismatch favorisce Simioni su Knowles, e arrivano i primi due punti. Ruba sulla rimessa Rice e va a schiacciare, ma Simioni ha preso fiducia e ora segna la bomba: 45-39. Su una non difesa di Bowers segna Rice, poi arriva la bomba di Crow per il +7, ma un’altra persa riporta Jesi a -5. Allunga Raymond, che poi costringe Totè al terzo fallo, dopo che aveva condannato Rinaldi ad una panca forzata per il quarto fallo. Fultz carica come un ariete, ottenendo il canestro e il fallo di Maspero, 53-43, ma Knowles risponde subito con la tripla: a metà quarto, 53-46. Crow segna un libero, così come Rice. Pasticcio in difesa ed ennesima persa di Imola, ne approfitta Maspero che segna i suoi primi 3 punti, Jesi di nuovo a -4, e tanta energia ora in difesa. Arriva la bomba di totè, specialità della casa, e i dieci punti di vantaggio in un amen si riducono a 1. E’ ancora Raymond a predicare intensità, e ottiene l’ennesimo fallo, da cui poi trasforma i due liberi. Risponde Rice, ma meglio fa Fultz, da 3, e subito dopo servendo bene Rossi per altri 2 punti, 61-55, quando manca 1 minuto. Anche Bowers piazza la bomba , +9, gli risponde subito Totè da 2. Bomba anche di Magrini, ed è +10 nuovamente, 67-57. Altre 5 perse, ma almeno sono arrivate 5 triple.
Ultimo quarto. Bowers apre le danze prima con la bomba, poi col 2+1, che non va, ed è +15. Rice invece segna l’and one, 72-60, ma Bowers è salito in cattedra e piazza la terza bomba. Totè corregge in tap in, 75-62, poi gran uscita dal blocco di Knowles, tripla, e time out di Di Paolantonio, 75-65, -7’25”. Simioni pasticcia in attacco, e Rice va a segnare da 3, poi altre tre perse in attacco per i biancorossi, che fruttano altri 5 per Jesi, 75-73, e Di Paolantonio ha le mani nei capelli. Torna il quintetto coi pezzi da 90, la palla di Raymond sembra già dentro, ma arriva la stoppata di Totè. Altro attacco fallito di Imola, altra tripla di Knowles, +1 Termoforgia a -4′. 75-78 con Totè, ancora una persa di Simioni in attacco, rientra Rossi, ma segna ancora Jesi. Arrivano 2 punti da Rossi, 77-80, poi, salutati con un’ovazione, tre di Fultz, pari 80. Totè sposta Rossi e segna da sotto, Raymond sbaglia da 3, inizia l’ultimo minuto, col quinto fallo di Rinaldi, ma Imola non sfrutta la doppia occasione e resta sotto di 2. -30”, Fultz fa fallo, Jesi tiene la palla, ma Knowles si incarta perdendola a favore di Crow, che ringrazia e va a segnare il pareggio. Time out, -10”, Jesi rimette in attacco: Rice amministra, Bowers lo marca stretto, ma quando si alza e rilascia, è solo retina: 82-85, -2”. Time out e rimessa in attacco, Magrini serve Raymond, che lancia la preghiera, ma questa volta gli dei del basket premiano la squadra che si è saputa risollevare dal -15 del 32′ e trova 2 punti d’oro. Molto deve recriminare l’Andrea Costa sulle palle perse, altre 10 nel secondo tempo, oltre la giornata no di Simioni, Magrini e Montanari. 23 punti di Rice e 21 di Totè per Jesi, con Knowles e Rinaldi pure in doppia cifra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy