Jesi si illude e poi crolla, la spunta Mantova e condanna i marchigiani alla B

Jesi si illude e poi crolla, la spunta Mantova e condanna i marchigiani alla B

Jesi cade contro Mantova e retrocede.

di Elisa Ortolani, @elifencer

Due quarti giocati all’insegna della grinta e della speranza, del cuore e dell’attaccamento alla maglia e soprattutto alla serie in cui l’Aurora si è creduta degna di giocare. Dopo il disastro di Cento, quella di stasera era l’ultima occasione che Jesi aveva per poter lottare per la permanenza in A2 senza dover dipendere troppo dai risultati delle altre squadre. E invece il match prepasquale si è chiuso con un’amarezza che non riguarda i virgiliani, che ingaggiano anche qualche attrito verbale con i tifosi aurorini.

Starting 5 Jesi: Knowles, Mascolo, Rinaldi, Rice, Totè
Starting 5 Mantova: Venato, Veideman, Morse, Raspino, Ghersetti

Jesi vìola per prima la retina e mantiene questo piccolo privilegio per tre minuti. È solo l’apertura di una buona prestazione spesa nel primo quarto, in cui Mascolo e Baldasso deliziano il numeroso pubblico con tiri dalla lunga, chiudendo proprio con una tripla del play che sancisce il 16-8.

Altrettanto movimentata è la seconda frazione di gioco, che nel terzo minuto si colora di una gara di triple e di immediate risposte offensive. Knowles manda in panchina Mantova dopo una tripla che segna il +14 della Termoforgia; il fronte americano non si ferma qui, perché è Rice a infilarne altre due, vanificando abbondantemente i punti intanto intascati dalla Pompea. Sarà la sirena a decretare una distanza più contenuta ma comunque positiva per l’Aurora: si torna negli spogliatoi sul 43-34.

Mantova prevedibilmente riparte in quarta, con una serie di triple che la riporta sulla parità, e quindi finalmente in vantaggio con Morse. Mascolo e Rice si riprendono un lieve margine positivo, rafforzato dallo stesso americano con un tiro da dietro l’arco. Due le triple forzate non andate a segno: una firmata Rice, una Totè; non ci si può permettere una percentuale bassa, non si può fuggire la penetrazione per azzardare quando la gara si fa punto a punto a suon di sorpassi. Come spesso accade, è Mascolo a riprendere le redini: salva un pallone guadagnando un possesso difficile, in rimessa segna da sotto e quindi infila altri due punti che portano al +1 (61-60) prima dell’ultima pausa.

Mantova afferma il suo rinnovato vantaggio, mentre Visconti esce per un fastidio al polpaccio accusato a causa di un contatto con Mascolo. È il momento per Jesi di tenere duro più di quanto non abbia fatto fino ad ora; Knowles osa di nuovo dalla lunga sbagliando per due volte (a questo punto la sua situazione da dietro l’arco è di 2/7), Mascolo lo corregge e tocca un più rassicurante -1. Anche Rice si ostina a non penetrare, e spreca anche un libero dei tre concessi per il quarto fallo di Raspino; eppure resta top scorer con 50% da 3. Rinaldi esce per cinque falli, Rice si fa perdonare ma Raspino risponde da tre, Knowles sbaglia dalla lunga e Mantova, a due minuti dal termine della partita, lotta per mantenere il +5. La posizione jesina si fa critica: da protagonista indiscussa del primo tempo, ora tocca anche il -8, pericolosissimo a un minuto dalla sirena. Raspino è fuori per cinque falli, Jesi si dà a fallo sistematico, guadagnando possessi che non capitalizza e aumentando il divario tra le compagini. La Termoforgia è costretta ad arrendersi sull’81-87, con l’amarezza di 1800 spettatori.

TERMOFORGIA JESI – POMPEA MANTOVA 81-87 (16-8; 43-34; 61-60; 81-87)

TERMOFORGIA JESI: Kouyate Babacar NE, Knowles Preston 6 (0/1 da 2, 2/8 da 3), Mentonelli Simone NE, Mascolo Bruno 21 (7/11 da 2, 1/6 da 3, 4/7 ai liberi), Baldasso Lorenzo 3 (0/1 da 2, 1/3 da 3), Rinaldi Tommaso 4 (2/3 da 2, 0/2 da 3), Maspero Giacomo 2 (1/1 da 2, 0/3 da 3), Montanari Pietro NE, Rice Rayvonte 33 (4/9 da 2, 5/10 da 3, 10/14 ai liberi), Totè Leonardo 10 (4/8 da 2, 0/3 da 3, 2/3 ai liberi), Lovisotto Isacco 2 (1/1 ai liberi).

Head Coach: Damiano Cagnazzo.

POMPEA MANTOVA: Guerra NE, Vencato 7 (1/5 da 2, 1/2 da 3, 2/3 ai liberi), Morse 20 (8/13 da 2, 4/9 ai liberi), Poggi 2 (1/3 da 2, 0/1 da 3, 0/2 ai liberi), Veideman 24 (5/9 da 2, 3/6 da 3, 5/6 ai liberi), Raspino 8 (0/5 da 2, 2/3 da 3, 2/2 ai liberi), Visconti 16 (1/2 da 2, 3/6 da 3, 5/7 ai liberi), Ferrara (0/1 da 3), Albertini NE, Ghersetti 7 (3/5 da 2, 0/4 da 3, 1/2 ai liberi), Maspero 2 (1/2 da 2, 0/1 da 3), Metreveli 1 (1/2 ai liberi).

Head Coach: Alessandro Finelli

Arbitri: Sig. Gagliardi Gianluca di Anagni (FR), Sig. D’Amato Alex di Roma (RM), Sig. Tallon Umberto di Bologna (BO)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy