La Fortitudo asfalta l’Assigeco e si conferma in testa alla classifica

La Fortitudo asfalta l’Assigeco e si conferma in testa alla classifica

Hasbrouck, rimasto da poco senza padre, guida Bologna alla diciannovesima vittoria stagionale mantenendola in vetta alla graduatoria.

di Marco Novello

QUINTETTO FORTITUDO BOLOGNA: Hasbrouck, Pini, Fantinelli, Leunen, Rosselli

QUINTETTO ASSIGECO PIACENZA: Sabatini, Ogide, Formenti, Murry, Ihedioha

Inizio di partita di studio tra le due squadre, nel primo minuto difatti né la Effe né tanto meno l’Assigeco trovano il fondo della retina. Hasbrouck, con la prima tripla di serata, apre le danze e poco dopo Pini lo imita per il 5 a 0 in favore dei biancoblu. Formenti sblocca dalla lunetta i suoi, ma le due triple in fila di Leunen e Rosselli riscrivono il massimo vantaggio fortitudiono sull’11-2. Murry prova a dar una scossa a Piacenza con l’inchiodata del -7; ma Pini dapprima replica con la stessa moneta all’ala statunitense ospite e poi con il canestro realizzato da Hasbrouck i bolognesi trovano addirittura la doppia cifra di vantaggio (15-4). Piccoli, con la bomba, apre il mini-break di 7 a 0, targato anche da Formenti e Murry, che riapre, almeno parzialmente, i giochi portando Piacenza sul -6 (17-11). Fantinelli e Cinciarini con i primi canestri di serata doppiano nel risultato gli ospiti (22-11); ci pensa il solito Murry a sbloccare l’attacco piacentino col sesto punto della sua serata (22-13). Venuto ed il numero 23 dei viaggianti mettono a referto altri punti per le rispettive squadre, tuttavia Bologna è saldamente in controllo con dieci punti da poter gestire (25-15). I primi dieci minuti vanno in archivio con i padroni di casa avanti sul 27-17.

Cinciarini dà il via alla seconda frazione con la bomba del +13 Effe; ma Piacenza risponde presente e con il duo Formenti-Ogide torna sotto la doppia cifra di svantaggio (30-22). Non appena i piacentini si avvicinano i ragazzi di Martino producono quel piccolo strappo che li riporta a distanza di sicurezza; questa volta sono le triple del solito Hasbrouck e di Benevelli a condurre le aquile bolognesi sul +13 (38-25). Ogide, in solitaria, dapprima scrive un importante break di 5 a 0; poi il cesto di Murry riaccende una contesa che pareva essere già quasi ai titoli di coda (40-34). Bologna tuttavia non si fa spaventare dal rientro dei viaggianti; anzi nel momento di massima difficoltà produce un parzialone di 13-5 che aggiorna il massimo vantaggio fortitudino a ben quattordici lunghezze (53-39). Nessun altro giocatore smuoverà più il punteggio sul tabellone sino al suono della seconda sirena; con la Effe che va al riposo avanti quindi di 14.

Ad inizio ripresa la musica non cambia; Effe in controllo della sfida e dei suoi ritmi, Hasbrouck e Fantinelli mettono a segno i primi punti per i bolognesi; Ogide tenta la replica per gli ospiti ma ora il vantaggio bolognese è davvero considerevole (57-41). Murry con Sabatini provano a riaccendere una piccola fiammella di speranza per gli ospiti, Rosselli e Leunen spengono subito i facili entusiasmi degli ospiti (61-26). Hasbrouck continua col suo one-man-show, in una giornata per lui molto particolare, da poco infatti la guardia infatti è rimasta orfana di padre ma nonostante questa situazione emotiva il numero 41 biancoblu continua a giocare da grande professionista mettendo a referto punti davvero pesanti. Murry è l’unico tra gli ospiti che ancora ci prova, ma capitan Mancinelli ricaccia indietro per l’ennesima volta il tentativo di rientro dei ragazzi di Ceccarelli (69-52). Cinciarini con il siluro dai 6.75m sembra poter chiudere definitivamente il match; ma il piccolo strappo firmato Diouf-Piccoli rivitalizza una spenta Piacenza che si presenterà ai blocchi di partenza del quarto ed ultimo quarto sotto di 14 (73-59).

Proprio sull’onda lunga di questi due canestri finali l’Assigeco costruisce un parziale di 12-6 che rimette i viaggianti in linea di galleggiamento (79-71). Non appena le cose incominciano a complicarsi per Bologna salgono in cattedra Leunen e Cinciarini, i due veterani in forza alla Effe, scrivono in solitaria il 12 a 0 che costituisce la pietra tombale sul match consegnando l’ennesimo referto rosa di questa stagione alla capolista del girone Est. In questo finale con la partita ormai in ghiacciaia si segnala il ritorno in campo tra le fila ospiti pure di Stefano Bossi lontano dai parquet da oltre 6 mesi causa infortunio al crociato. Bologna si impone col punteggio di 92 a 73.

MVP BASKETINSIDE.COM: K. Hasbrouck.Difficile scendere in campo dopo un lutto del genere; Hasbrouck lo fa e trascina la Effe alla vittoria. 21 punti 5 assist e 18 di valutazione finale per la guardia americana.

Bologna: Cinciarini 15, Mancinelli (K) 5, Rosselli 7, Venuto 6, Benevelli 4, Leunen 15, Hasbrouck 21, Franco n.e., Pini 14, Fantinelli 4, Sgorbati n.e., Simon 2, all. Martino

Piacenza: Turini 0, Ihedioha 2, Bossi 0, Ogide 14, Murry 30, Formenti 14, Vangelov 0, Antelli 0, Sabatini 2, Diouf 4, Piccoli 7, all. Ceccarelli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy