La Pompea Mantova espugna il Pala Ruggi

La Pompea Mantova espugna il Pala Ruggi

Altra ‘quota 100’, o quasi, a condannare Le Naturelle Imola alla seconda sconfitta consecutiva, ma con poche recriminazioni, tale il divario tra le due squadre. Equilibrio durato un tempo, poi gli ospiti mettono il turbo e il divario cresce col progressivo calo dei romagnoli

di Alberto Dalmonte

Quintetti base: Clarke, Visconti, Ferrara, Ghersetti, Lawson. Fultz, Bowers, Baldasso, Masciadri, Morse.
Primo quarto. Attacca Mantova sul primo possesso, fallendo 2 conclusioni dalla distanza, e i primi 2 punti arrivano da Morse, assistito da Fultz, che poi va a segnare in penetrazione. In difesa fa la voce grossa Masciadri, con 2 rimbalzi consecutivi, poi è lui che infila la tripla del 7-0. Quando Bowers, in reverse, segna il 9-0, coach Finelli richiama i suoi: -8’04”.
Si accende Clarke, con una bomba dalla punta, ma risponde subito Baldasso dal mezzo angolo: 11-3. Adesso l’attacco ospite va, e arrivano i primi due di Lawson, più altri 3, intervallati da un libero di Masciadri: 12-8. Clarke fallisce l’entrata, sul capovolgimento Fultz, libero, insacca dai 6.75: 15-8. L’azione successiva ci riprova, ed è ancora solo rete: 18-8, a metà quarto. L’asse Clarke-Ghersetti disegna il taglio back-door, e con la tripla di Maspero, gli Stings si riportano a -5, dopo 6′. Masciadri piazza la quarta bomba di squadra. Quarta anche per gli ospiti, con la seconda di Maspero, poi botta e risposta Morse-Ferrara, 23-18. Due liberi di Morse, uno di Valentini, ridanno il +8 a Imola, che a 2′ dal fine quarto hanno sul parquet Valentini, Taflaj, Bowers, Ingrosso, Calvi. Lawson ancora da 3, Valentini dalla lunetta, 28-23. Lo 0/2 di Raspino è pesantissimo, per Imola, perchè arriva il rimbalzo di Lawson, che segna, prende fallo da Ingrosso, sbaglia il libero, sul rimbalzo ancora Ingrosso falloso, 2 liberi, a segno, di Raspino: 28-27. Ci pensa Bowers a rimettere 3 punti, coi liberi, poi arriva una stoppata di Lawson, sulla parabola del tiro di Calvi, vista regolare dai grigi, e allora, tra i fischi del Ruggi, finiscono i primi 10′ sul 30-27. Numeri balistici importanti per entrambe le squadre, in particolare il 64% dei romagnoli.

Secondo quarto. Due punti, a gioco fermo, di Morse, 3 dall’arco per Lawson, poi i primi 2 per Taflaj: 34-30. La difesa di Imola collassa ad ogni tentativo di attacco dell’area degli Stings, e Lawson aspetta, flemmatico sull’arco, dove puntulamente gli arriva la palla, e per lui è un gioco segnare: 34-33. La zona dell’Andrea Costa stavolta paga, e sul ribaltamento Bowers sfida Lawson, tirandogli in faccia, e sono – solo – 2 punti: 36-33: allora ci riprova, dalla punta, e stavolta sono 3: 39-35. Ci pensa Clarke, a sbrogliare un’azione ben contenuta da Imola, e arriva la bomba del -1: quando poi Raspino appoggia la schiacciata, arriva il primo vantaggio Stings: 39-40. Sale di 1 col libero di Ghersetti, e potrebbe irrobustirsi con la persa di Bowers, ma l’argentino fallisce da 3, mentre arriva il pareggio di Morse, a quota 41. Ancora parità, dopo i canestri di Ghersetti e Bowers, poi arriva il terzo fallo di Baldasso su tiro da 3 di Visconti, che fa 2/3, 43-45. Giornata poco felice per Valentini, autore di una palla persa che ridà un’opzione d’attacco alla Pompea, che la sfrutta benissimo con la tripla di Visconti. Fortuna che Ingrosso, dopo la bomba a Piacenza domenica scorsa, sembra in fiducia e piazza il -2: 46-48, time out Mantova. Si entra nell’ultimo minuto: Bowers fallisce 2 liberi, il rimbalzo arride ai romagnoli, che però sprecano con Valentini. Ping pong di perse, poi di tiri liberi, 1 per Maspero, 1 per Bowers, 47-49. Ultima azione per gli Stings, che pescano il jolly ad un secondo dalla fine con Lawson, poi tutti all’intervallo sul 47-51.
Nel secondo quarto Mantova ha alzato il regime del suo motore, con attacchi di grande efficacia, ben convertiti dalla coppia Usa in punti, 26, e con la profondità del roster: 13 punti dalla panca contro 8. Imola fin qui ha retto bene a rimbalzo, al tiro, 43% da 3, 60% da 2, ed ha comandato le operazioni per quasi 15′, arrivando a toccare 10 punti di vantaggio in avvio.

Terzo quarto. Attacca paziente Mantova, sfruttando lo show di Morse, e andando a pescare libero in angolo Ferrara, con la bomba: 47-54. Imola perde subito palla, poi arriva il terzo fallo di Taflaj, e Ghersetti va per il +9. Solo a gioco fermo l’attacco imolese produce 2 punti, ma poi ancora Ferrara, 49-58. Ossigeno puro la bomba di Taflaj, 52-58, a cui risponde prontamente Ghersetti, da 2. Il +10 arriva con 2 liberi di Clarke, a cui risponde col jumper a centro area Morse: 54-62. Bravissimo Visconti a segnare cadendo, contro la marcatura pressante di Fultz, bravissimo Taflaj a piazzare la seconda bomba, che ridà fiato e speranza, ma in rapida sequenza Clarke e Ghersetti rimettono 11 punti, e Di Paolantonio chiama time out. Si riprende col fallo di Visconti su Morse, 2/2 dalla linea della carità, ma risponde subito Lawson, 59-70. Ferrara aggira Morse, e va per il +13, Imola non trova più il canestro, fortuna che almeno arriva la stoppatona di Morse, e i due punti liberi di Bowers, 61-72. Mantova non accenna a calare il gas, Imola fallisce 2 tentativi dall’arco, mentre Clarke no, massimo svantaggio Le Naturelle, 61-77, a 1′ dalla sirena, time out del coach teramano.
E’ Bowers a dare la carica, con la tripla, ma gli risponde Poggi, dalla punta, tra le maglie larghissime della zona pari di casa: 64-80. Valentini realizza un libero, e il tabellone segna 65-80. L’attacco ospite ha prodotto 29 punti, quello di casa 18: nei due quarti centrali, parziale di 35-53.

Quarto quarto. Masciadri fallisce il tiro aperto, così come Baldasso, sul rimbalzo Valentini trova un fallo a favore, ed è bravo col 2/2. Subito dopo, la sua persa favorisce il contropiede di Visconti, Imola segna un libero, con Ingrosso, Clarke 5 punti a fila, inframmezzati dai 2 di Bowers, gli Stings volano sul +17. Morse sbaglia il primo libero della serata, ma ancora Ghersetti arriva facile a segnare da sotto: 71-89. Ancora lunetta per Morse, ancora 1/2, 72-89, ma ancora Ghersetti, +19 Pompea, e il quarto deve ancora virare la metà. Le facce dei biancorossi di casa esprimono ormai rassegnazione, e neanche la schiacciatona di Morse sembra rianimare squadra e tifo. Sulla persa di Clarke, 2 punti in contropiede di Bowers spingono Finelli a chiamare time out: 77-93, -4’15”. Ghersetti e Morse trovano i 2 punti, così come Bowers, 81-95. Curiosamente, tutti gli Usa in campo hanno all’attivo 22 punti, a 2′ dal termine. Morse non si migliore con lo 0/2 in lunetta, mentre Lawson va a segnare in transizione: 81-97. Ultimi 2 liberi per la Pompea, che tocca quota 99, e anche in questo turno Imola incassa un passivo pesante, da una squadra di livello atletico e tecnico certamente superiore, che però all’andata era riuscita a sconfiggere. Valutazioni top per Lawson e Morse – 29 -, ma anche Bowers, 28, e Clarke, 25, firmano prestazioni di ottimo livello. A inizio secondo tempo, Mantova ha impresso la spinta decisiva, scavando progressivamente il solco e non voltandosi più indietro. Imola ha perso via via la propria confidenza al tiro, mentre in difesa, per quanto ci provasse, la difesa era sempre corta.

Le Naturelle Imola Basket – Pompea Mantova 81-99 (30-27, 17-24, 18-29, 16-19)
Le Naturelle Imola Basket: Timothy jermaine Bowers 22 (6/9, 2/4), Anthony Morse 22 (6/8, 0/1), Stefano Masciadri 9 (0/2, 2/5), Robert Fultz 8 (1/4, 2/6), Celis Taflaj 8 (1/1, 2/4), Luca Valentini 6 (0/1, 0/2), Tommaso Ingrosso 4 (0/0, 1/2), Lorenzo Baldasso 2 (1/1, 0/4), Nikola Ivanaj 0 (0/0, 0/0), Giorgio Calvi 0 (0/1, 0/0), Alessandro Alberti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 24 / 36 – Rimbalzi: 27 6 + 21 (Anthony Morse 9) – Assist: 13 (Timothy jermaine Bowers 6)
Pompea Mantova: Kenny Lawson jr. 24 (6/8, 4/4), Rotnei Clarke 22 (2/6, 4/7), Mario jose Ghersetti 17 (8/12, 0/2), Matteo Ferrara 9 (3/3, 1/2), Riccardo Visconti 9 (2/2, 1/6), Lorenzo Maspero 9 (1/1, 2/3), Tommaso Raspino 6 (2/5, 0/0), Giovanni Poggi 3 (0/0, 1/1), Andrea Colussa 0 (0/0, 0/1), Alvise Sarto 0 (0/0, 0/0), Alessandro Vigori 0 (0/0, 0/0), Andrea Epifani 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 19 – Rimbalzi: 29 6 + 23 (Kenny Lawson jr. 7) – Assist: 21 (Rotnei Clarke 6)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy