L’Assigeco Piacenza regge due quarti, Ravenna vince al PalaBanca

L’Assigeco Piacenza regge due quarti, Ravenna vince al PalaBanca

Troppi falli concessi, e troppi errori piacentini dall’arco

di Emanuele Maffi

Si dice che quando non sai che musica è, allora è Jazz. Una frase che rispecchia lo stato attuale della formazione allenata da coach Ceccarelli: forte in trasferta, in casa altalenante, ma sicuramente “Jazz” Ferguson ha portato un contributo importante, soprattutto sul finire dello scorso match. Ravenna è una squadra forte e con grandi ambizioni, vedremo se pari, inferiori o superiori ai padroni di casa.

Primi punti per il neo acquisto Mike Hall, arrivato con un contratto a gettone, e Assigeco sembra aver già trovato la quadra della partita, portandosi avanti 9 – 2 a 7:12 dalla prima sirena della partita, e costringendo Ravenna al timeout. Tanti errori peri romagnoli, mentre Gasparin sigilla con una tripla il primo quarto, l’Assigeco partita col piede ben schiacciato sull’acceleratore.

Infrazione di passi e Ravenna si avvicina, 14 – 8, ma il Jazz mette la seconda tripla della serata, Sergio invece porta a casa solo un ferro. Mantaggio praticamente invariato fino a 2:23 da fine quarto, con Piacenza a canestro col 70%, Ravenna col 46%. Gasparin al secondo fallo cede il campo a Littles Piccoli, sinora dimostratosi in gran forma. Ravenna accorcia sino al -4, ma Jazz Ferguson mette la firma sul +7 Assigeco, Mike Hall recupera a rimbalzo un pallone pericolosamente in bilico sul ferro, Potts si dimostra un buon tiratore e accorcia ancora, Ferguson chiude il primo parziale con 13 punti dei 26 della sua squadra. 26 – 20.

Mike Hall dopo due finte manda in visibilio il PalaBanca con una bellissima tripla, Ferguson in percussione su assist dello stesso Hall tiene il punto, 31 -27 a 7:48 dall’intervallo lungo. Molinaro si guadagna di determinazione due liberi, ma l’Assigeco comincia ad abbassare le medie al tiro, siamo al 52% in questa fase. Ottima azione difensiva Assigeco, Molinaro stoppa sul tabellone un pallone, recupera, Ferguson raggiunge l’area avvewrsaria, appoggia a Littles Piccoli che dall’angolo trova 3 punti importantissimi.

Buon momento per Ravenna, ancora sotto a -4, grazie a Venuto. A un minuto Ravrenna si porta a un possesso di distacco, e ora Ravenna tira meglio, più per demeriti Assigeco, che ha abbassato notevolmente le proprie percentuali, mentre Ravenna le mantiene stabili (44% contro 46%). 41 – 39.

Ravenna esce dagli spogliatoi con più energia, risale la china e a 6 minuti dalla sirena si trova un tesoretto di 5 punti da difendere: 45 – 50. Ma l’Assigeco pare comunque ancora in partita, nonostante un Thomas in vena di alley. L’asse Hall Ferguson funziona, manca la precisione collettiva. A 3 minuti lo svantaggio è stabile sui 5 punti. Jazz con una magia torna a un possesso, ma sul ribaltamento di fronte l’Assigeco subisce. Terzo quarto sul 53 – 58.

Troppi errori dall’arco e l’Assigeco finisce a – 7, e troppi falli. Gasparin mette da sotto, ma Treier da 3 ci ricaccia sotto. Gasparin risponde di nuovo, 57 – 63 a 7:47. Torna in campo Hall dopo la pausa in panchina. Già 3 falli spesi, 4 con quello di Molinaro. Saranno una bel peso da portare nei minuti finali del match. Ancora errori da 3, Ravenna sta prendendo il largo, +9. Il tempo c’è per ribaltare la partita, ma serve un’altra Assigeco, quella del primo quarto per esempio.

Santiangeli con un’azione solitaria sulla linea di fondo accorcia, ma è troppo poco. Ferguson appoggia, Ravenna approfitta ancora degli errori dalla lunga distanza, mancano solo 2 minuti e mezzo, Piacenza accorcia con Hall dalla lunetta, ma c’è poco da fare, Piacenza esce con le ossa rotte da una partita che poteva portare a casa, troppi errori nella seconda metà di partita (in particolare da 3), troppi falli. Ravenna ha mantenuto una linea, l’Assigeco è sulle montagne russe. Col rischio di deragliare dai binari.

ASSIGECO PIACENZA- ORASI’ RAVENNA 68 – 75 (26 – 20, 15 -19, 12 – 19, 15 – 17)

Assigeco: Montanari ne, Ferguson 23, Faragalli ne, Molinaro 7, Rota, Gasparin 11, Piccoli 3, Ihedioha 2, Turini, Santiangeli 10, Hall 12, Jelic ne.

Ravenna: Farina ne, Potts 19, Jurkatamm 3, Thomas 18, Chiumenti 14, Marino 2, Zanetti ne, Treier 13, Seck ne, Sergio, Bravi ne.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy