L’Urania fa il colpo in casa di Mantova

L’Urania fa il colpo in casa di Mantova

Prima vittoria in campionato per Milano che s’impone alla Grana Padano Arena

di Alberto Carmone

Passo falso della Pompea Mantova che stecca la prima in casa con l’Urania Milano 71-69.

Buon avvio per l’Urania Milano che trova con precisione il canestro affidandosi ai suoi veterani. Mantova viene tenuta a galla dalle giocate spettacolari di un ispirato Rotnei Clarke (8 punti nel solo primo quarto). Gli Stings mettono la freccia e vanno in vantaggio, ma vengono ripresi da un’Urania combattiva e concreta in attacco. Oltre a Clarke, gli altri giocatori mantovani faticano ad entrare in partita e Milano rimane così attaccata nel punteggio. Il primo quarto va agli archivi sul 16-14.

Nel secondo periodo di gioco gli ospiti partono con un parziale di 7-2 nei primi 80 secondi che fa infuriare coach Finelli che chiama timeout. Al rientro Mantova non cambia attitudine mostrando ancora problemi in difesa e in attacco. Milano ne approfitta per andare sul +4 con Benevelli e Montano, ben assistiti da Sabatini. E’ sempre Clarke a tenere in piedi la Pompea che rimonta fino al -1. Raspino dalla lunetta dà il sorpasso e poi con la sua bomba chiude il secondo quarto sul 37-31.

Nel terzo quarto Mantova parte meglio con Lawson preciso sotto canestro per il 43-38 al 22’. Milano ritorna bene in partita con Lynch e Raivio e mette a segno un parziale di 15-6 che cambia completamente l’inerzia della partita. La Pompea fatica ma in qualche modo ritorna in vantaggio sfruttando le iniziative di Clarke e Visconti. La risposta dell’Urania non tarda ad arrivare con Montano e Lynch che rimette sul +5 gli ospiti per il 52-57 al terzo gong.

L’ultimo quarto vede Milano scappare fino al +9. Mantova è in grande difficoltà e i minuti di sospensione di coach Finelli non sortiscono effetto. L’Urania non chiude la pratica e Mantova riemerge faticosamente aggrappandosi alle bombe di Clarke e Visconti. Con costanza, ma anche con molti errori, la Pompea torna a -3 senza però trovare il pareggio. Milano si riporta sul +5, poi tre liberi di Visconti a 18 secondi dalla fine ridanno speranza ai tifosi della Grana Padano Arena. L’Urania segna ancora dalla lunetta, Mantova perde palla nell’azione decisiva e Milano così festeggia la prima vittoria della stagione.

Pompea Mantova – Urania Milano 69-71 (16-14, 21-17, 15-26, 17-14)
Pompea Mantova: Rotnei Clarke 24 (3/9, 6/11), Riccardo Visconti 13 (1/3, 1/5), Kenny Lawson jr. 12 (3/9, 1/3), Tommaso Raspino 10 (2/5, 1/2), Mario jose Ghersetti 4 (2/4, 0/2), Matteo Ferrara 3 (1/4, 0/1), Alvise Sarto 2 (1/1, 0/0), Lorenzo Maspero 1 (0/0, 0/1), Alessandro Vigori 0 (0/0, 0/0), Giovanni Poggi 0 (0/0, 0/0), Andrea Colussa 0 (0/0, 0/0), Andrea Epifani 0 (0/0, 0/0), Davide Tognoni 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 16 / 22 – Rimbalzi: 37 7 + 30 (Kenny Lawson jr. 8) – Assist: 11 (Rotnei Clarke 5)
Urania Milano: Nik Raivio 15 (6/11, 0/2), Andrea Benevelli 14 (2/2, 2/7), Reggie Lynch 13 (5/7, 0/0), Gherardo Sabatini 11 (1/6, 2/5), Matteo Montano 9 (3/7, 0/5), Sebastiano Bianchi 5 (1/2, 1/2), Giorgio Piunti 4 (2/4, 0/1), Andrea Negri 0 (0/0, 0/1), Giordano Pagani 0 (0/1, 0/0), Samuele Giardini 0 (0/0, 0/0), Michele Piatti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 16 / 23 – Rimbalzi: 34 6 + 28 (Reggie Lynch 7) – Assist: 15 (Gherardo Sabatini 7)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy