Mantova ingrana la terza: vittoria con Ferrara e salvezza acquisita

Mantova ingrana la terza: vittoria con Ferrara e salvezza acquisita

di Alberto Carmone

Terza vittoria consecutiva per la Pompea Mantova che piega Ferrara 71-68 col brivido finale e conquista la matematica certezza della permanenza in A2 senza passare dai playout.

Si inizia dopo il minuto di raccoglimento a Marco Sguaitzer, simbolo non solo mantovano della lotta alla SLA, scomparso lo scorso 2 marzo.

L’avvio di partita è caratterizzato da tanti errori sia dalla parte di Mantova che di Ferrara. Le due squadre faticano ad imporsi e non riescono a trovare il protagonista della partita, affidandosi a situazioni estemporanee e iniziative personali. Dopo cinque brutti minuti iniziali è la Bondi che emerge andando sul 14-9 sfruttando la maggiore fisicità e prontezza a rimbalzo, doppiando gli Stings in questo dato. Il migliore dei biancorossi è senza dubbio che Vencato che prova a mettere in ritmo i propri compagni trovando spesso le giuste linee di passaggio e conducendo gli Stings sul 15-14 al 10’.

Il secondo periodo di gioco vede Ferrara perdere intensità e ritmo in attacco. La difesa della Pompea diventa più efficace e presente inducendo così spesso all’errore i ferraresi (ben 14 le palle perse nei primi 20 minuti). Due bombe di Visconti danno a Mantova il +3, ma Panni ricuce sul 25-25, prima che Calò piazzi un’altra bomba per il momentaneo vantaggio estense (25-28 al 16’). A questo punto gli Stings aumentano l’aggressività in difesa e la precisione in attacco, trascinati da un Rain Veideman in ottima forma capace di creare pericoli da sé e innescando i compagni. Grazie alla guardia estone Mantova realizza un break di 12-0 allo scadere con cui va negli spogliatoi (37-28 al 20’).

Nel secondo tempo si inceppa l’attacco di Mantova che subisce la difesa aggressiva di Ferrara. La Bondi si avvicina così a -2, ma sbaglia diverse volte l’occasione del sorpasso con gli errori ai liberi di Campbell e Ganeto. L’ennesima palla persa in attacco rende nervosi gli Stings, richiamati da coach Alex Finelli per il timeout. Al rientro in campo Mantova mostra più concentrazione riuscendo a staccare la Bondi con la bomba di Visconti per il +4. Ferrara accorcia, Vencato rimette il +3, ma fa 0/2 dalla lunetta a fine terzo quarto (48-45 al 30’).

L’ultimo quarto vede la Pompea iniziare con problemi di falli (4 di Raspino e Veideman e 3 per Vencato) e Ferrara che cerca di ricucire con Campbell e Panni. Maspero e Visconti infiammano la Grana Padano Arena col +6 che sembra indirizzare la gara verso i binari mantovani. La partita si fa quindi spezzettata con le due squadre che segnano solo dalla lunetta dove entrambe mostrano percentuali basse (18/28 per Mantova, 12/20 per Ferrara). Morse e Veideman piazzano 5 punti consecutivi fondamentali e danno il +4 agli Stings. A un minuto dalla fine la Bondi parte col fallo sistematico: Mantova è precisa a cronometro fermo e va fino al +8. Sembra finita, ma Panni e Campbell accorciano in 10 secondi a -3: sulla rimessa, palla persa di Veideman e ultima occasione sprecata per Ferrara che fa tirare un enorme sospiro di sollievo agli Stings.

Pompea Mantova – Bondi Ferrara 71-68 (15-14, 22-14, 11-17, 23-23)
Pompea Mantova: Rain Veideman 18 (2/6, 2/6), Luca Vencato 14 (5/6, 0/4), Tommaso Raspino 11 (2/3, 2/5), Riccardo Visconti 10 (2/4, 2/7), Anthony Morse 9 (3/6, 0/0), Mario jose Ghersetti 4 (1/5, 0/3), Lorenzo Maspero 3 (0/1, 1/5), Giovanni Poggi 2 (1/1, 0/0), Nika Metreveli 0 (0/0, 0/0), Andrea Albertini 0 (0/0, 0/0), Francesco Guerra 0 (0/0, 0/0), Alessandro Tosi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 18 / 28 – Rimbalzi: 25 8 + 17 (Anthony Morse 9) – Assist: 12 (Rain VeidemanLuca Vencato 4)
Bondi Ferrara: Folarin Campbell 17 (2/12, 2/4), Tommaso Fantoni 16 (7/12, 0/0), Alessandro Panni 14 (4/4, 2/6), Gabriele Ganeto 8 (3/4, 0/2), Lorenzo Molinaro 6 (1/2, 1/3), Ruben Calò 3 (0/0, 1/2), Alessandro Buffo 2 (1/1, 0/1), Davide Liberati 2 (1/1, 0/0), Andrea Mazzoleni 0 (0/0, 0/0), Isaiah Swann 0 (0/0, 0/0), Alessandro Mazzotti 0 (0/0, 0/0), Simone Conti 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 20 – Rimbalzi: 35 9 + 26 (Tommaso Fantoni 10) – Assist: 12 (Alessandro Panni 5)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy