Ravenna passeggia sui resti degli Sharks: Roseto è ultima da sola

Ravenna passeggia sui resti degli Sharks: Roseto è ultima da sola

Vittoria fin troppo agevole da parte dell’OraSì Ravenna, che passa al PalaMaggetti sul campo di un’incerottata Sapori Veri Roseto col punteggio di 66-88.  Romagnoli sempre più primi, abruzzesi ultimi da soli.

di Piergiorgio Stacchiotti

Sapori Veri Roseto – OraSì Ravenna 66-88

 

ROSETO: : Gaeta, Giordano 8, Mouaha 7, L.Nikolic 4, Fokou 2, Adeola, Valentini, Dincic 12, Di Leonardo n.e, Bayehe 11, Rodriguez 16, Pierich 6 . Coach Germano D’Arcangeli

RAVENNA: Farina 2, Potts 19, Jurkatamm 13, Thomas 23, Chiumenti 2, Marino 10, Zanetti n.e, Treier 5, Venuto 5, Seck 2, Sergio 7, Bravi. Coach Massimo Cancellieri

ARBITRI: Maschio, Costa, Doronin

Note: parziali 14-24; 33-46; 54-72; 66-88. Tiri da due Roseto 12/39, Ravenna 17/27. Tiri da tre 5/14, 9/22. Tiri liberi 27/39, 27/35. Rimbalzi 32 (20+12), 35 (30+5)

 

Vittoria fin troppo agevole da parte dell’OraSì Ravenna, che passa al PalaMaggetti sul campo di un’incerottata Sapori Veri Roseto col punteggio di 66-88.  Romagnoli sempre più primi, abruzzesi ultimi da soli.

Roseto, oltre ai soliti Oliva, De Fabritiis e Canka, ha dovuto rinunciare anche a Mitja Nikolic, bloccato da problemi alla schiena.

Potts a bersaglio nel primo possesso della gara. Il numero 1 ospite segna i primi sette punti della propria squadra, nel frattempo Roseto va a segno una sola volta con Bayehe. 4-8 il punteggio al 5’. Poco più tardi il vantaggio di Ravenna supera la doppia cifra, con entrambe le squadre che raggiungono precocemente il bonus e si trovano di frequente in lunetta. Roseto si riporta sul -7 grazie alla bomba di Lazar Nikolic. La frazione termina invece sul 14-24.

Il quintetto di Cancellieri si rilassa inopportunamente e gli Sharks in meno di un minuto piazza un parziale di 6-0 che obbliga il coach ospite a chiamare time-out. Roseto trova addirittura il canestro del -2 con Giordano ma sul capovolgimento di fronte la capolista torna a colpire con Jurkatamm da tre. Realizzano anche Treier e Potts, così i romagnoli tornano avanti di nove. Distanze invariate al 15’ sul 25-34. In casa Orasì Potts già gravato di 4 falli, 3 invece sono quelli di Jurkatamm e Chiumenti. Il problema falli non si fa sentire per Thomas e compagni, che toccano il massimo vantaggio sul +15. Si va invece all’intervallo sul 33-46. Nessun giocatore in doppia cifra ma Ravenna ne ha quattro a quota 9.

 

Al ritorno in campo bisogna attendere più di un minuto per vedere il primo canestro, che viene siglato da Thomas; anche Roseto timbra qualche secondo più tardi con Rodriguez, che mette a referto cinque punti in fila. Al 23’ Ravenna conduce di undici lunghezze con Thomas sugli scudi in questa fase. A metà frazione l’Orasì è invece avanti 44-58 grazie al nuovo semigancio di Thomas. Roseto si riaffaccia sul -11 dopo sei punti consecutivi, ma Venuto con una tripla ristabilisce le distanze. Il quintetto ospite allunga di nuovo ed a fine frazione un’incredibile bomba di Potts allo scadere fissa il punteggio sul 54-72.

Bayehe e Rodriguez colpiscono da tre ma nel frattempo la capolista non rimane a guardare e gestisce senza patemi nei primi 2’ del periodo decisivo, mantenendo il proprio vantaggio di sedici lunghezze. Seck e Sergio commettono il loro quinto fallo e devono abbandonare anzitempo il match (sorte che toccherà qualche minuto più tardi anche a Jurkatamm e Potts). La bomba di Jurkatamm regala ai ragazzi di Cancellieri il 60-82 al 35’, ipotecando definitivamente una vittoria che non è mai stata troppo in discussione fin dalle prime battute di gara. L’ultimo canestro è siglato da Farina. Il risultato finale premia 66-88 il quintetto romagnolo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy