Roseto risorge dopo sette sconfitte di fila, Assigeco Piacenza ko

Roseto risorge dopo sette sconfitte di fila, Assigeco Piacenza ko

Terza sconfitta consecutiva per l’Assigeco Piacenza, che cede 88-77 sul campo del fanalino di coda Sapori Veri Roseto, reduce da sette ko di fila (ultimo successo il 29 dicembre dell’anno scorso)

di Piergiorgio Stacchiotti

SAPORI VERI ROSETO – ASSIGECO PIACENZA 88-77

ROSETO: Giordano 14, Mouaha 5, L.Nikolic 7, Fokou n.e, Adeola n.e, Cocciaretto n.e, Gaeta n.e, Dincic 9, Bayehe 12, Rodriguez 26, Pierich 2, M.Nikolic 13. Coach Germano D’Arcangeli

PIACENZA: Ferraro n.e., Ferguson 24, Molinaro 4, Rota, Gasparin 7, Ammannato, Piccoli 2, Ihedioha 4, Santiangeli 20, Hall 16. Coach Gabriele Ceccarelli

ARBITRI: Foti, Chersicla, Barbiero

Note: parziali 22-14, 42-36, 60-61, 88-77. Tiri da due Roseto 20/33, Piacenza 16/31. Tiri da tre 9/19, 10/26. Tiri liberi 21/25, 15/18. Rimbalzi 30 (22+8), 27 (17+10)

Terza sconfitta consecutiva per l’Assigeco Piacenza, che cede 88-77 sul campo del fanalino di coda Sapori Veri Roseto, reduce da sette ko di fila (ultimo successo il 29 dicembre dell’anno scorso). I ragazzi di Ceccarelli, dopo aver concluso avanti di una lunghezza la terza frazione, cedono progressivamente nel corso del periodo conclusivo.

La gara si apre con  il Festival dell’errore messo in scena dai due quintetti per circa 3’, tempo necessario per vedere il primo canestro della gara siglato dal rosetano Rodriguez. L’Assigeco ribatte con Hall, che precede di poco la prima bomba di Ferguson. Ospiti avanti 4-5 al 5’. Roseto passa a condurre il match con le triple di Rodriguez, mentre il quintetto di Ceccarelli viene tenuto in piedi da due schiaccioni di Molinaro. I padroni di casa, grazie soprattutto alle conclusioni dalla lunga distanza, allungano sul +8, chiudendo la prima frazione sul 22-14. In casa Sapori Veri, sono già 13 i punti di Rodriguez.

In avvio di seconda frazione Santiangeli trova cinque punti in fila ma sui capovolgimenti di fronte Roseto continua a segnare con regolarità ed il sigillo in contropiede di Giordano porta il risultato sul 30-19, costringendo Ceccarelli a chiamare time-out a 7’30”dall’intervallo. L’asse statunitense Hall-Ferguson riporta i rossoblu sul -6 ma gli Sharks muovono il punteggio con Mouaha. Locali in vantaggio al 15’ sul 33-26. Roseto ancora +11 grazie a quattro punti consecutivi di Dincic. Improvviso parziale di 0-7 tutto firmato dai due americani dell’Assigeco, che si riporta a sole quattro lunghezze di distanza. L’ultimo canestro del periodo lo realizza Ferguson poco prima del suono della sirena ma si rientra negli spogliatoi con Roseto che conduce 42-36. 16 di Rodriguez e 12 di Bayehe negli Sharks, 14 di Ferguson e 11 di Hall nei piacentini.

 

A bersaglio alla ripresa del gioco Ihedioha da una parte e Lazar Nikolic dall’altra. Piacenza si riporta sul -2 grazie ad un 2/2 dalla lunetta di Santiangeli ma la Sapori Veri trova la forza di replicare prontamente con un sottomano di Giordano ed una tripla di Mitja Nikolic. I ragazzi di Ceccarelli però trovano un nuovo 0-7 di parziale che permette agli ospiti di riportarsi in parità sul 49-49 con la bomba di Hall allo scoccare del 25’. Momento della gara gradevole con alcune conclusioni di pregevole fattura da ambo le parti. L’Assigeco riesce a rispondere colpo su colpo ai canestri degli Sharks senza però riuscire nell’obiettivo di mettere la testa avanti. Dopo un nuovo +4 in favore dei biancazzurri di casa, che sprecano almeno altri due possessi per allungare il divario, i rossoblu trovano cinque punti di Ferguson che garantiscono il sorpasso a poche decine di secondi dalla fine del terzo quarto, che terminerà sul 60-61.

Il punteggio rimane invariato nel primo minuto della frazione decisiva. Dopodichè sale in cattedra Mitja Nikolic, che prima colpisce da tre punti e poi serve un succulento cioccolatino a Dincic, che firma il 65-61 che induce Ceccarelli a chiamare time-out a poco più di 8’dalla fine. L’Assigeco si sblocca dopo il minuto di sospensione con il primo canestro di Piccoli. Ferguson però si fa rubare ingenuamente palla da Dincic che segna e subisce il fallo dallo stesso numero 3 rossoblu: dentro anche il libero supplementare, 68-63 al 33’.Dopo un ½ dalla linea della carità di Mitja Nikolic, Santiangeli centra il bersaglio dalla lunga distanza, riportando il quintetto emiliano sul -3. Quattro punti di Rodriguez ed un altro canestro di Santiangeli portano il punteggio al 35’ sul 73-68. Roseto scappa nuovamente sul +9, così Ceccarelli opta per un nuovo time-out a 4’12” dal termine. Dopo la bomba di Gasparin che sembra regala nuova linfa agli ospiti, arriva il quinto fallo di Piccoli. 80-71 a 3’dalla fine delle ostilità. Rimangono nove i punti di vantaggio degli Sharks anche al 38’. Gasparin appoggia a canestro l’82-75 a 1’05”dalla conclusione. Ferguson è costretto a commettere fallo su Rodriguez, che dalla lunetta fa 2/2, così come poco dopo Santiangeli. Ferguson però si innervosisce ed abbandona il campo anzitempo per limite di falli. Giordano mette il sigillo alla vittoria rosetana col risultato di 88-77.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy