San Severo sprofonda nel baratro, la spunta Udine

San Severo sprofonda nel baratro, la spunta Udine

Non riesce a risorgere la squadra di coach Cagnazzo che resta pericolosamente vicina alla zona retrocessione

di Antonio Giuliani

Settima sconfitta per L’Allianz Pazienza Cestistica San Severo che non si risolleva dal suo periodo di crisi e lascia i due punti ad un’altra osservata speciale del girone est, L’Apu Udine.

Allianz Pazienza Cestistica San Severo – Apu Old Wild West Udine 80-83 (21-17, 17-24, 26-27, 16-15)
Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Markus Kenendy 24 (6/7, 3/3), Marco Spanghero 16 (2/5, 3/5), Andrea Saccaggi 13 (3/3, 2/6), Giacomo Maspero 7 (2/3, 0/2), Del Demps 6 (2/3, 0/3), Michele Antelli 5 (1/2, 1/4), Chris Mortellaro 5 (2/4, 0/0), Emidio Di Donato 4 (2/5, 0/3), SImone Angelucci 0 (0/0, 0/0), Alberto Conti 0 (0/0, 0/0), Alessio Attilio Magnolia 0 (0/0, 0/0), Simone Niro 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 13 / 27 – Rimbalzi: 35 9 + 26 (Markus Kennedy 15) – Assist: 15 (Markus Kennedy 5)
Apu Old Wild West Udine: Augustin Fabi 21 (1/5, 5/9), Michele Antonutti 18 (7/10, 1/5), T.j. Cromer 17 (6/10, 1/4), Gerald Beverly 7 (1/2, 0/0), Vittorio Nobile 7 (2/5, 1/2), Giulio Gazzotti  7 (2/4, 0/0), Giacomo Zilli 6 (1/1, 0/0), Lorenzo Penna 0 (0/0, 0/0), Mihajlo Jerkovic 0 (0/0, 0/0), Andrea Amato 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 19 / 25 – Rimbalzi: 30 6 + 24 (Gerald Beverly, Giulio Gazzotti 7) – Assist: 13 (T.j. Cromer 5)

Al palazzetto dello sport “Falcone e Borsellino” di San Severo va in scena una partita delicatissima sia per i padroni di casa, reduci da sei sconfitte consecutive, che per L’Apu Udine, squadra che viaggia nel limbo di metà classifica ma che è stata costruita con ambizioni ben più alte. La partita stenta a decollare nelle prime battute con squadre abbastanza lente in atteggiamento di studio reciproco. Inizio forte per Antonutti nelle file di Udine, autore di 7 punti, che punisce una difesa non eccellente dei ragazzi di coach Cagnazzo, mentre dall’altro lato Kennedy si reinventa tiratore e sigla un 2/2 dall’arco. Nonostante transizioni offensive non perfette, San Severo riesce a chiudere in vantaggio il primo quarto sul 21-17.

La seconda frazione si apre con Udine più solida e concreta, con Beverly che recupera palla e schiaccia volando su Di Donato (nonostante fosse ben piazzato) chiudendo così un’azione che sicuramente rivedremo negli highlights delle migliori giocate di giornata. 27 pari dunque il punteggio a metà quarto, ma i pugliesi non riescono a trovare il guizzo per portarsi in testa, complice anche una brutta media dalla linea dei liberi (7/17 nei primi due quarti). Con 10 secondi da giocare è Demps a prendersi l’ultimo tiro che non ha fortuna, ma subisce fallo portando dalla lunetta il punteggio sul 38-41 all’intervallo lungo.

Nella ripresa di gioco Kennedy serve subito tre assist, un tiro in allontanamento da 5 metri e un’altra tripla, aumentando il suo fatturato in positivo convincendo molto, rispetto alle sue ultime uscite. Antelli rincara la dose con una tripla dall’angolo e San Severo costringe Udine al timeout sul punteggio di 52-48 con 6 minuti ancora da giocare nel terzo quarto. Gli ospiti non ci stanno e riescono a ribaltare la situazione così da riportarsi in vantaggio 57-55 con 3 minuti ancora da giocare. San Severo non riesce ad essere molto incisiva e continua a sbagliare troppo dalla lunga distanza, oltre a non riuscire ad imporre il proprio ritmo. Gli ospiti sono in ritmo e lo dimostrano con tre triple di Nobile, Fabi e Cromer, mentre Spanghero non vuole essere da meno e segna da 3 per i pugliesi, riportando il punteggio sul 64-68.

Nell’ultima frazione la partita si accende e l’intensità agonistica sale, soprattutto per San Severo che a 4 minuti dalla fine si riporta sopra di 3 punti con Saccaggi e Spanghero in primis. Fabi e Cromer tengono a galla L’Apu Udine, ma è Gazzotti che, con 3 liberi a causa di un fallo di Mortellaro sul suo tiro, regala il +2 agli ospiti a 2 minuti dal termine. Situazione invariata fino a 13 secondi dalla fine quando coach Cagnazzo chiama timeout per organizzare l’ultima azione dei suoi, che non va in porto perchè Demps (prestazione molto sottotono la sua) sbaglia il tiro da 3 che avrebbe potuto regalare la vittoria ai pugliesi.

Nulla da fare dunque, Udine allontana momentaneamente i fantasmi della bassa classifica e si impone per 83-80 sul difficile campo di San Severo che ora è a 7 sconfitte consecutive con la società chiamata a prendere provvedimenti urgenti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy