Treviso sbanca il PalaDozza nel segno di Brown

Treviso sbanca il PalaDozza nel segno di Brown

La formazione veneta vince l’anticipo della venticinquesima giornata 82-78

di La Redazione

Secondo stop consecutivo per la Fortitudo Consultinvest che nell’anticipo della venticinquesima giornata viene sconfitta in volata dalla De’ Longhi Treviso che sbanca il PalaDozza 82-78. Trascinata da 7 punti consecutivi di Swann nel terzo quarto, la formazione ospite guidata da coach Pillastrini  è riuscita a recuperare un gap di 7 lunghezze siglando un parziale di 11-0 che le ha regalato il +4 a pochi istanti dal termine del terzo quarto. Finita sotto Bologna, ha provato a restare aggrappata al match facendosi aiutare dall’esperienza di Rosselli e di Mancinelli che a 28″ dalla fine dall’angolo ha messo a segno il -1 (79-78). L’errore finale di McCamey e la freddezza ai liberi di Brown (22 punti e 11 rimbalzi) e Imbrò hanno però condannato alla sconfitta Bologna che oggi rischia di perdere il primato in coabitazione in caso di vittoria di Trieste.

Avvio di gara frizzante in cui le squadre si affrontano a viso aperto e mettendo in campo tanta fisicità: le triple di Musso e Sabatini portano avanti dopo meno di 3 minuti la De’ Longhi ma Bologna replica subito riportandosi in vantaggio grazie a Gandini e al primo canestro in maglia biancoblu del nuovo arrivato Okereafor (10-9). Il match continua a scorrere veloce con Treviso che sembra particolarmente ispirata nel tiro da fuori  (4/4 da tre iniziale) e riesce a riprendere in mano le redini del match conquistando tre possessi di vantaggio (22-14) a 2’35” dalla prima sirena. la caparbietà di Mancinelli e Chillo e una poderosa schiacciata di Amici consentono all’Aquila di dimezzare lo svantaggio, ma il finale di quarto sorride ancora ai veneti che con un canestro di Brown e un tap in allo scadere di Fantinelli, lesto a beffare la difesa felsinea e a catturare una carambola, si riportano a +8 al primo mini-intervallo (28-20). La tripla di Swann a fil di sirena  inaugura il secondo quarto e getta benzina sul fuoco acceso da Treviso ma non getta nello sconforto la Consultinvest che piazza un 5-0 firmato Chillo-McCamey che vale il nuovo -6 dei padroni di casa (31-25). L’americano in forza alla Effe sembra decisamente in giornata e pochi istanti più tardi si scatena di nuovo segnando altri 8 punti consecutivi che galvanizzano e riportano definitivamente in partita ulteriormente una Fortitudo che a 6’10” dalla sirena finale trova la parità a quota 33 al culmine di un break di 13-5. Brown e Sabatini sbloccano Treviso dopo un lungo digiuno: anche stavolta però l’allungo trevigiano viene subito tamponato dalle giocate d’esperienza di Rosselli e Cinciarini che assieme a Italiano confezionano il vantaggio dell’Aquila che riesce ad andare negli spogliatoi a +4 (48-44).

L’uscita dagli spogliatoi di Bologna, canestro di Rosselli a parte, non è però delle migliori: un paio di disattenzioni difensive della Consultinvest concedono infatti concedono a Brown e Fantinelli i canestri del nuovo -1 esterno (50-49). La tripla di Rosselli sembra rimettere le cose a posto per la Fortitudo che con il passare dei minuti torna a mordere in difesa e a colpire con lo scatenato McCamey che tutto solo confeziona il +7 fortitudino (60-53). I guizzi dell’esterno statunitense smuovono però l’orgoglio del suo dirimpettaio Swann che prima sigla un gioco da quattro punti che rimette in scia la De’ Longhi e poi mette anche la bomba della parità a quota 60. Fantinelli completa la rimonta esterna mandando a segno il 2/2 del sorpasso (62-60). Un +2 ospite che, nonostante i canestri di Swann e Brown, resta tale fino all’ultima mini-pausa. Anche in avvio di ultima frazione Bologna non molla e grazie alla bomba di Mancinelli  e al canestro di Rosselli si riporta ad un solo punto dagli avversari (70-69) sbagliando addirittura il colpo del sorpasso. Go sbagliato, gol subito, ma una prodezza di Mancinelli dall’angolo vanifica il fade-away di Fantinelli suggellando il 72-72. A 4′ dalla fine si rivede anche McCamey che scocca un tiro che si arrampica sul ferro entrando nella retina e riportando avanti Bologna. Il finale è al cardiopalma: A a 2′ dal gong finale Mancinelli firma il -1 dei padroni di casa dalla linea della carità  e anticipa di pochi istanti il percorso netto a cronometro fermo di Brown che regala di nuovo un possesso pieno alla De’ Longhi. Swann sbaglia il canestro della staffa ma Fultz fa altrettanto mancando la parità dall’angolo. Brown è lesto sull’errore del play di Lisbona a catturare il rimbalzo e a procurare il quinto fallo (dubbio) di Gandini: l’americano di Treviso però mette a segno soltanto un libero tenendo vive, a 35″ dalla fine, le speranze della Fortitudo che grazie a Mancinelli pesca dal cilindro il -1 (79-78) a 28″ dalla fine. 8″ più tardi Fultz manda in lunetta Imbrò che segna soltanto un libero lasciando l’ultimo possesso che ha 20″ per provare addirittura a vincere la partita: McCamey sbaglia però il sottomano del pareggio ed è anche costretto a commettere fallo su Imbrò che questa volta non trema e fa 2/2 dalla lunetta regalando il successo alla De Longhi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy