Cantù – Assigeco Piacenza, la sala stampa: le parole di Cagnardi e Salieri

0
FOTO DI WALTER GORINI

Di seguito le parole dei due allenatori, dopo la vittoria di Cantù contro l’Assigeco Piacenza.

CAGNARDI

“Abbiamo vinto una partita importante perché avevamo la necessità e l’obbligo di strappare i due punti, aldilà della prestazione. Ci siamo riusciti e dobbiamo essere contenti. Sono due punti importanti per la classifica e per il momento che stavamo vivendo, uso il passato perché l’auspicio è quello di cambiare marcia rispetto al recente passato.
Non è stata una partita semplice perché affrontavamo una squadra che non aveva niente da perdere e stava attraversando un buon momento, con giocatori che stavano facendo tanto canestro. I primi due quarti siamo stati un po’ contratti in attacco. Abbiamo cercato tanti vantaggi sotto canestro che hanno anche prodotto punti, ma questo non ci ha dato il nostro ritmo preferito. Difensivamente non abbiamo fatto male nel complesso, ma abbiamo commesso qualche errore di comunicazione. Abbiamo lasciato qualche canestro troppo facile, oltre ai rimbalzi offensivi che è un dato palese che ci ha messo in difficoltà. Siamo stati molto più solidi nel secondo tempo, in cui siamo stati bravi a scioglierci in attacco e andare dietro al nostro ritmo che è quello che ci consente di prendere fiducia. Abbiamo segnato solo 5 triple ed è pochissimo per noi. Siamo andati a concludere 40 volte da 2 punti, un segno che al squadra ha cercato soluzioni diverse.
Abbiamo avuto momenti di tensione e non tutti i quintetti si sono riusciti a trovarsi al meglio, ma abbiamo anche avuto risposte positive da tanti giocatori. Questo ci dà fiducia per il futuro, ci aspettano due partite difficili e vogliamo farci trovare pronti per entrare nei play-off con tutta la determinazione e la grinta possibili”.

SALIERI

“È stata una partita molto equilibrata e combattuta. Personalmente sono contento della prestazione dei miei ragazzi, hanno fatto una partita solida specialmente in difesa seguendo bene il piano partita. Siamo mancati in qualche dettaglio, ma abbiamo sopperito alle difficoltà al tiro con una grande prova a rimbalzo. La squadra è viva e vogliamo conquistare i playoff: adesso ci aspettano due finali che dovremo giocare con lo spirito che si è visto oggi. Complimenti a Cantù, ma anche ai miei giocatori perché abbiamo giocato la partita che volevamo”.

GLI UFF.STAMPA