Credito di Romagna a caccia della Leonessa

0

FORLI’ – Campionato al giro di boa, momento importantissimo per la squadra di coach Galli, che si troverà dinanzi una compagine di tutto rispetto che, davanti al pubblico amico, vuole riscattare la sconfitta subita domenica scorsa in terra piemontese.

Il Credito di Romagna, galvanizzato invece dalla vittoria al fotofinish su Trieste, è tornato a ridosso della zona salvezza, voglioso di giocarsi “alla morte” i 40 minuti del Pala San Filippo, cercando di accapararsi punti importantissimi, prima di affrontare a capofitto un girone di ritorno ancora più combattivo e durissimo.

Settimana di lavoro non facile per i romagnoli alle prese con infortuni e giocatori in recupero; dopo Ravaioli rientrato domenica scorsa e Ferguson rieducato completamente dopo il “crack” alla spalla, in casa forlivese si è visto un Crow, super-decisivo domenica scorsa, impossibilitato a forzare per il solito problema al ginocchio che lo attanaglia ormai da tempo. La tegola però per Galli è quella di Luigi Sergio, uscito anzitempo per un infortunio e ancora in fortissimo dubbio per il match caldo del San Filippo.

La Leonessa Brescia, dal canto suo, non ha stravolto troppo il roster della scorsa stagione anzi, nomi alla mano, ha arricchito la rosa con degli innesti di mercato di assoluto valore, che la rendono altamente competitiva nella corsa finale.

La “mente” Martelossi è rimasto saldamente al suo posto come guida a bordo campo, mentre nel rettangolo di legno, Cuccarolo – “lungo” su cui club di alta fascia nazionale guardano di buon occhio –  e J.R. Giddens (15.9pt di media con 9 rimbalzi) tengono alti gli standard qualitativi consolidati dagli innesti di Slay – ala atletica ex Montegranaro – e F. Di Bella – Play da 10pt di media e 3.4assit. L’esperienza e la qualità del playmaker azzurro sono in grado di far muovere tutta la trama di gioco della Leonassa, gestendo i ritmi partita e alternandosi con R. Fultz – guardia proveniente da Brindisi – famoso per le sue accellerate in entrata a canestro e la sua grande facilità nell’assist (4.7 di media finora), rappresenta il vero trascinatore in campo e di tutto il pubblico amico.

Dalla panchina come 6° uomo di qualità, coach Martelossi si affida ciecamente al fedelissimo Loschi che, con i suoi 20min in cui è chiamato in causa, garantisce fisicità e qualità al suo coach (7pt e 3rimb di media); stesso discorso vale per F.Bushati, tornato in Lombardia dopo una stagione in quel di Scafati, vicino in estate nel vestire la maglia romagnola ma, al richiamo dai colori della Leonessa, ha preferito ritornare alla corte di Martelossi per provare a cavarsi altre soddisfazioni, nonostante un ruolo da gregario.

Coach Galli, in casa romagnola, starà cercando le controffensive per ben figurare in Lombardia, di sicuro avrà il solito apporto dei suoi ragazzi, sempre sopra le righe a livello di cuore e spirito combattivo, nonostante gli acciacchi fisici dei singoli che rallentano a tratti il lavoro sul campo.

Il momento della squadra romagnola è tutto nelle parole di coach Galli “i miei ragazzi hanno energie infinite, nonostante le difficoltà, le lacune, non mollano mai dinanzi a tutto e tutti, è la caratteristica di questo gran gruppo di professionisti, sono ammirato e questo mi lascia ben sperare per il nostro proseguo”.

Il Pala San Filippo è l’ennesimo scoglio da superare per l’impavido roster romagnolo.