Ferentino ospita Mantova per due punti che significano riscatto

0
www.stings.it

Sfida caratterizzata dalla voglia di riscatto delle contendenti quella che si terrà al Palazzetto dello Sport di Ferentino domenica alle ore 18. Se infatti i padroni di casa arrivano da due sconfitte, di cui l’ultima persa di soli 2 punti a Barcellona, gli Stings di Mantova arrivano con ben 4 sconfitte di fila. Occasione ghiotta per entrambe dunque, che oltre a mettere due punti in palio potrà dare un’importantissima iniezione di fiducia.

I padroni di casa dovrebbero tornare a pieno organico, seppur con l’impiego non ancora certo del loro uomo migliore: Omar Thomas. L’ala americana segna mediamente oltre 15 punti, e fornisce un importante contributo anche sotto canestro, con 6 rimbalzi a gara. Parlando di palloni catturati sotto il ferro passiamo al miglior rimbalzista di squadra, Stephane Biligha che ne cattura 8. Per lui ottimo impatto offensivo con 13,6 punti. Il ruolo di guardia tiratrice è affidato a Ryan Bucci, ottimo cecchino che mette a segno mediamente 13,2 punti. In regia troviamo l’altro statunitense della squadra, Markel Starks. Il play classe ’91 mette a referto 12,6 punti ed è il miglior passatore con 4 assist a partita. A dare una mano sotto canestro, ma dotato di un’ottima mano anche dalla lunga distanza troviamo Simone Pierich, che nella gara d’andata mise in mostra tutto il suo talento. Sostituto di Pierich troviamo l’italo-argentino Ghersetti, che pur partendo dalla panchina mette a disposizione più di 9 punti a gara. Alternativa a Starks in cabina di regia troviamo Francesco Guarino. Le rotazioni si chiudono con l’ex di giornata: Giovanni Allodi, promosso lo scorso anno con la casacca Stings, e autore in questa stagione di prestazioni molto convincenti.

In casa Stings come detto le sconfitte consecutive sono ben quattro, e il gruppo agli ordini di Morea sarà sicuramente carico dopo la sconfitta di mercoledì sera in cui comunque la compagine mantovana ha espresso un buon gioco. Il nuovo arrivato “Kuba” Wojciechowski si è messo subito in mostra, Jefferson è tornato a volare e Gaddefors sembra aver trovato più continuità. L’unico giocatore ormai da recuperare è rimasto Amoroso ancora debilitato dall’infortunio, mentre Moraschini dovrebbe tornare al top dopo l’attacco febbrile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here