Forlì a Ferentino con l’incognita stranieri, i laziali in cerca di conferme

di Simone Casadei

E’ nuovamente tempo di tornare in campo per l’A2 Gold, e la decima giornata di campionato prevede la sfida di domenica (ore 18) al ‘Pala PonteGrande’ di Ferentino tra i padroni di casa della FMC e gli ospiti della Fulgor Libertas Forlì.

Entrambe le compagine stanno attraversando un ottimo periodo di forma fisica ed anche tecnico, arrivando le due squadre alla sfida di domenica da tre vittorie consecutive. Nell’ultimo turno Ferentino ha ottenuto una risicata vittoria casalinga contro Brescia (74-71 il finale), mentre i romagnoli, privi dei tre stranieri, hanno stoicamente battuto Casalpusterlengo al ‘PalaCredito’ col punteggio di 74-70. E, verosimilmente, proprio la presenza o meno dei tre stranieri di Forlì deciderà le sorti del match, visto che Ferentino, nel caso i vari Becirovic, Abbott e Zizic non partecipassero alla trasferta in terra laziale, partirebbe nettamente con i favori del pronostico. La situazione forlivese è comunque in evoluzione, e nelle prossime ore se ne saprà sicuramente di più sotto questo aspetto.

Ipotizzando una possibile dipartita dei tre sopracitati, proviamo ad analizzare la gara del ‘PonteGrande’ nei suoi particolari maggiormente rilevanti. Contro Casalpusterlengo il gioco offensivo dei ragazzi di coach Finelli passava giocoforza per le mani di Lorenzo Saccaggi, vista l’assenza di Sani-boy. Ma se Filippo Alessandri non aveva creato troppi grattacapi al playmaker di scuola Pistoia (il tabellino di Saccaggi parlava di 22 punti con 8 rimbalzi ed 8 assist, per un totale di 32 di valutazione), ben differente sarà lo ‘scontro’ che lo vedrà opposto ad un pericolo costante come Markel Starks. Dopo un ambientamento ad inizio di stagione non propriamente eccezionale, infatti, il prodotto di Georgetown University (ateneo dal quale è uscito anche una vecchia conoscenza del basket forlivese, vale a dire Austin Freeman) ha trovato nelle ultime partite una grande costanza che lo ha portato a concludere le ultime quattro partite sempre sopra quota 15 punti segnati. Non essendo un playmaker ‘vecchio stampo’ (solo 2.9 assist di media), Saccaggi dovrà quindi prestare grande attenzione in fase difensiva, sperando magari in qualche leggerezza difensiva di Starks tentando, perché no, di replicare l’eccellente prestazione offerta domenica scorsa.

Con Becirovic, Zizic ed Abbott che sono tornati ad allenarsi insieme alla squadra nella giornata di ieri ma, come detto, potrebbero ancora rendersi indisponibili per il match di domenica, quindi, nella peggiore delle ipotesi coach Finelli sarà costretto a chiedere nuovamente il massimo al gruppo di italiani a sua disposizione. Dall’altra parte, invece, Ferentino può contare su un roster di tutto rispetto per la categoria, e scenderà in campo per dare continuità al ‘filotto’ di risultati positivi ottenuto nelle ultime uscite.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy