Forlì, Boccio è in partenza per gli States. Ma i soldi potrebbero già esserci…

0

Non si sblocca la situazione finanziaria della Fulgor Libertas Forlì. I giocatori, infatti, avrebbero fissato per la giornata di giovedì 27 l’ultimatum a Max Boccio per saldare le pendenze economiche relative agli stipendi degli ultimi due-tre mesi. Superata questa data limite, i componenti della squadra inizieranno a valutare le numerose offerte già pervenute a diversi di loro. I vari Bruttini e Carraretto, ad esempio, hanno ricevuto rispettivamente chiamate da Capo d’Orlando e Varese, mentre, per quanto riguarda gli stranieri, Sani Becirovic sarebbe vicino ad un clamoroso ritorno a Treviso ed Abbott avrebbe ricevuto un’importante offerta da un club russo di alta fascia.
Per sistemare una volta per tutte la famigerata questione-stipendi (e non solo), quindi, patron Boccio sarebbe in partenza verso gli Stati Uniti nei prossimi giorni per riuscire a ‘scambiare’ circa 900.000 euro di titoli JP Morgan in denaro sonante. Il viaggio di settimana scorsa nella City londinese, infatti, non avrebbe portato ad alcun risultato positivo in tal senso, come confermato dallo stesso Boccio, così come l’opzione legata ad un transito del denaro in Lussemburgo pare al momento infattibile. Va inoltre aggiunto che il patron dei romagnoli si recherebbe negli States accompagnato, questa volta, dal direttore sportivo Lino Frattin quale ‘garante’ dei giocatori e di tutto lo staff tecnico, oltre ad essere di madrelingua inglese essendo nato a Washington DC.
Direttamente dalle colonne di ‘forlibasket.it’, però, è arrivata negli ultimi minuti una notizia che avrebbe davvero del clamoroso. Secondo quanto riportato dal portale forlivese, infatti, risulta che lo stesso Boccio avrebbe trovato nelle ultime ore il denaro necessario per saldare una volta per tutte le pendenze economiche, risparmiandosi così il viaggio oltreoceano nel breve periodo. E, oltre a saldare tali emolumenti, la società provvederebbe ad anticipare gli stipendi dei giocatori e dello staff tecnico da qui al termine del 2014. Detto quindi in ‘soldoni’, la proprietà salderebbe due mensilità di stipendi che ancora devono maturare nei prossimi mesi. Ma, visti i risvolti delle ultime settimane, tutto è chiaramente da prendere con le pinze.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here