Igea Sant’Antimo-Conad Bologna:Il dopogara

0

Abbiamo visto che Bologna è una squadra che se colpita in contropiede va un po’ in difficoltà e quindi la nostra intenzione era di colpirli proprio in questo e lo abbiamo fatto bene. Markovski è un allenatore estremamente astuto e la sua mossa di giocare con 3 lunghi ci ha mandato in difficoltà, non eravamo preparati. Siamo stati bravi a caricare di falli Canavesi costringelo Zare a toglierlo dal campo”.

 

– Nel finale ancora un rischio: “Non dovevo assolutamente pensare al fatto che stavamo per vincere la nostra prima partita ma volevo che i miei ragazzi si concentrassero solo sulla gara e non sul risultato finale. Stiamo crescendo e il fatto di aver allontanato nuovamente Bologna, dopo che era tornata sotto di due punti, ne è la prova”.

Ringraziamenti: Questa è una data storica per il nostro club, è la nostra prima vittoria tra i professionisti e la mia prima vittoria da allenatore in questa categoria. Eravamo già andati molto vicini a centrare la vittoria con Manuel Scotto ed è infatti a lui che voglio dedicare questa vittoria”.

Zare Markovski: “Sant’Antimo ha avuto grande voglia di arrivare alla prima vittoria e lo ha fatto vedere. Ha portato la partita ad una grande intensità offensiva nel primo tempo e non siamo riusciti a tenere il loro passo e negargli questo trend. Emblema della nostra partita è stato l’ultimo attaco del primo tempo dove abbiamo perso la palla e concesso a loro un contropiede”.

– Come mai tutti quei cambi subito dopo l’inizio della partita: “I miei giocatori non hanno fatto nulla per fermare gli 1vs1 di Sant’Antimo e loro sanno che se concedono questo non meritano di stare in campo. Ho visto i miei giocatori commettere un fallo ma far segnare ugualmente il canestro, questo non è accettabile”.