Imola saluta il campionato e chiude la stagione a Capo d’Orlando

0

Si ritorna in campo, dopo lo stop pasquale, in occasione della trentesima e ultima giornata di un emozionante campionato di LNP Gold. Ospite del Palafantozzi orlandino è la sfortunata Aget Imola, oramai macchiata dall’inevitabile retrocessione in Silver.

Una terribile domenica quella passata dai ragazzi di coach Vecchi, che con la GZC Veroli ha ottenuto la più umiliante sconfitta della stagione, all’ombra di un incombente -56. Un dramma iniziato già nei primi minuti con Niles, congedatosi dopo un infortunio grave alla spalla, che ha gettato il quintetto nel panico. Encomiabile il lavoro di Poletti, che con grande coraggio e concentrazione nel disordine generale, ha tentato di tenere a galla il vascello andreacostano destinato a diventare in breve tempo relitto. Positivo anche Corrado Bianconi, nonostante una balistica scarsa e i 5 falli accorsi troppo presto, e Iannone, presente parecchio sottocanestro più che nel lato offensivo. Pessima invece la regia di Maccaferri, che non è riuscita a concludere nulla di buono, e anzi ha fatto guadagnare un tremendo 22 nel referto, sotto la voce palle perse.

Giornata più che positiva invece per l’Upea Capo d’Orlando, che dopo una violenta vittoria con Jesi per 78 a 87, si è catapultata in seconda posizione in classifica, alla fatidica quota “quaranta”. Una gara condotta sempre davanti dai ragazzi di coach Pozzecco, che hanno assistito solo a un debole ritorno di fiamma avversario verso fine match, ma abilmente respinto. Fondamentali i colpi inferti dallo scatenato triangolo Nicevic-Soragna-Basile, che da solo bastava a monopolizzare sia il canestro offensivo che difensivo. Ottimo anche l’operato di Mays e Portannese, autori entrambi di 16 punti, nonostante l’abbandono con qualche minuto di anticipo del campo da parte dell’italiano a causa del 5o fallo.

Non dovrebbero esserci problemi per la quasi capolista Upea, che non ha davvero nulla da spartire con gli avversari romagnoli: giochi ragionati e ben costruiti, difesa fisica e prestante e delle buone percentuali al tiro saranno gli assi nella manica dei casalinghi, che negheranno anche questi due punti all’Andrea Costa. Due punti che faranno sicuramente comodo ai siciliani, visto che si porterebbero a quota 42, e quindi a pari merito con l’apripista Trento, in caso di una sconfitta di quest’ultima.

PARTITA PRECEDENTE

Aget Imola – GZC Veroli 50-106

Fileni BPA Jesi – Upea Capo d’Orlando 78-87

TESTA A TESTA

PLAYMAKER (Maccaferri vs Mays)

Inizia male il consueto testa a testa per Imola, con un Maccaferri decisamente negativo, e da soli 4 punti e 2 assist, a fronte invece di uno 0/3 da 3 e ben 7 palloni persi. Di altra pasta Mays, dalla regia e dalla partecipazione inappuntabili, si traducono in 5 assist e 16 punti ottenuti con un’ottima balistica. Primo punto ai siciliani.

GUARDIA (Bianconi vs Portannese)

Non male la guardia Bianconi, che ha forse sacrificato un po’ troppo la qualità a favore della quantità: 12 i punti messi a segno, ma tutti con scadenti percentuali; deludente invece la difesa, che gli ha fatto guadagnare il quinto fallo in men che non si dica. Portannese, dal canto suo, ha tutti i numeri a suo favore rispetto all’avversario: i 16 i punti e i ben 10 rimbalzi fanno temere ben poco allo spavaldo orlandino. Altra stellina all’Upea.

ALA PICCOLA (Gorrieri vs Soragna)

Il posto vuoto lasciato da Niles, viene colmato da un inenarrabile Gorrieri: 2 punti a fronte di quasi mezz’ora di gioco e uno 0/4 su tutti i tiri dal campo lascia molto a desiderare. Non dovrebbe avere problemi un avversario come Soragna, dai numeri e dalle qualità decisamente più competitivi e un gioco lucido, utile più che mai nei momenti di difficoltà. Altro punto a Capo d’Orlando.

ALA GRANDE (Mancin vs Archie)

Un “ni” per Mancin, che come al solito lascia un po’ con l’amaro in bocca i tifosi. I pochi punti mandati a segno e una difesa scadente non gli fanno guadagnare la sufficienza, seppure in alcuni momenti della serata abbia detto la sua. Meglio invece l’USA Archie, che grazie alla sua partecipazione spesso essenziale, ha apportato 10 punti e 4 rimbalzi alla sua Orlando. Anche questa stellina è dei siciliani.

CENTRO (Poletti vs Nicevic)

Ottima prestazione dell’italiano Mitchell Poletti, che con una valutazione di 23, ottenuta grazie a 19 noccioline mandate a segno e 10 rimbalzi accaparrati, è stato il top scorer biancorosso. Partita impeccabile anche per l’avversario Sandro Nicevic, che a parità di punti, ha ottenuto un rimbalzo in più. Lo scontro in questa zona di campo sarà tra i più interessanti della serata, a fronte invece di un resto del campo già condannato agli avversari. L’ultimo punto a disposizione viene lasciato in sospeso, per lasciare aperto lo scontro e vedere, una volta per tutte, se l’Aget Imola tiene veramente alla sua dignità e ha fatto del suo meglio in questa stagione.

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here