Inside A2 Final Eight – Roma torna in Coppa Italia, un bel traguardo da vivere partita dopo partita

Nonostante la problematica infortuni e le rotazioni accorciate, la Virtus Roma è carica e pronta ad affrontare Treviso

di Martina De Angelis

Nonostante la problematica infortuni e le rotazioni accorciate, la Virtus Roma è carica e pronta ad affrontare la sfida contro Treviso.

IL MOMENTO – Il girone di andata si è concluso in modo più che positivo per la Virtus Roma, che grazie alla vittoria dell’ultima giornata contro la Givova Scafati ha chiuso terza in classifica e ha ottenuto la qualificazione alla Coppa Italia. Il rendimento è leggermente calato nelle prime partite del girone di ritorno, complici due pesanti infortuni che hanno fermato Gabriele Benetti per il resto della stagione e Massimo Chessa, che era in periodo di splendida forma, fino a data da destinarsi. Nonostante le rotazioni ridotte però coach Corbani è fiducioso: “Tutte le difficoltà le superiamo con il sorriso e questo credo sia la fotografia del nostro gruppo; volevamo toglierci lo sfizio di provare ad arrivare alle Final Eight di Coppa Italia e quindi sono molto contento per loro. Soprattutto per quello che fanno ogni giorno in palestra, per come sono dediti all’ascolto, per come mostrano continua disponibilità a migliorare ogni singola proposta tecnica e questo credo sia il giusto premio per i giocatori per lo staff  e per il club.”

LA CHIAVE – Quello che più hanno dimostrato i ragazzi di coach Corbani quest’anno è la capacità di non arrendersi mai, e di tirare fuori energie insospettabili anche nei momenti più difficili, o contro squadre più forti o dal roster più lungo. Roma è capace di mettere in campo una forza davvero notevole, e questa è una risorsa in più che potrebbe permettere al gruppo di reagire anche in momenti di difficoltà, o di trovare energie extra viste le rotazioni molto ridotte.

IL PUNTO DI FORZA – John Brown è ormai una certezza per la Virtus Roma, un elemento fondamentale di cui la squadra non può fare assolutamente a meno: miglior realizzatore del gruppo con 19.3 punti a partita, è anche una macchina da rimbalzo (ben 8.3 a partita), dominante sotto canestro sia in attacco che in difesa. E’ l’uomo su cui contare, soprattutto nei momenti cruciali.

IL PERICOLO – Il rischio più pressante è quello sicuramente delle rotazioni accorciate (anche se non è ancora chiaro se Massimo Chessa sarà presente o no), che potrebbe comportare un calo fisico dovuto al ritmo serrato della competizione. Inoltre, Roma spesso soffre ancora di blackout di gioco, momenti in cui perde la lucidità, e potrebbe anche pagare l’emozione di fronte ad una competizione così importante dei tanti giovanissimi del roster.

IL JOLLY SORPRESA – Il netto miglioramento di Anthony Raffa, giocare in grande crescita che ha letteralmente cambiato faccia nelle ultime gare, passando dalle voci incitavano al suo taglio a inizio stagione all’essere un tassello fondamentale per la Virtus. Le sue medie sono cresciute esponenzialmente: 18.3 punti a partita (49 % da due, 41%) e una capacità notevole di far girare la squadra, come dimostrano i 3.6 assist a partita (miglior assist man del gruppo a pari merito con Chessa).

LA NOVITÀ’ – Le vicende di infortuni hanno per forza di cose portato a dare più spazio ai giocatori più giovani, dando modo di emergere al giovane Tommaso Baldasso, rivelatosi una piacevole sorpresa: il ragazzo, pur avendo ancora bisogno di crescere e maturare, mette tanta grinta, energia e la forza della sua gioventù, elementi che possono dare una forza nuova a tutto il gruppo.

IL ROSTER 

0 John Brown Centro 203 25
2 Anthony Raffa Playmaker 185 28
3 Gabriele Benetti 200 22 (infortunato)
9 Giuliano Maresca 192 36
10 Massimo Chessa 188 29 (infortunato)
12 Daniele Sandri 197 27
13 Tommaso Baldasso 191 19
15 Aristide Landi 203 23
20 Jacopo Vedovato 204 22

Allenatore: Fabio Corbani. Assistente: Riccardo Esposito

TOP SCORER: John Brown (19.3 ppg)
BEST TWO-POINTER: John Brown (175-281, 62%)
BEST THREE-POINTER: Anthony Raffa (39-96, 41%)
BEST REBOUNDER: John Brown (8.3 rpg)
BEST ASSIST-MAN: Anthoy Raffa e Massimo Chessa (3.6 apg)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy