Inside the A2 Gold: Veroli ai nastri di partenza, tra molte incognite e ridotte ambizioni

0

Superata la travagliata estate, non certo in modo indolore, il basket Veroli si appresta a disputare il secondo campionato nazionale per l’ottavo anno di fila. Dopo la straordinaria annata appena conclusa, che ha visto i ciociari battagliare nei playoff contro squadre ben più attrezzate, la nuova stagione si prospetta sicuramente difficile per una compagine cambiata in tutti i suoi effettivi, dai giocatori all’allenatore passando per il GM, proprio quest’ultimo sembra essere l’elemento chiave della nuova società giallorossa. Infatti, senza la sua discesa in campo, molto probabilmente il Basket Veroli non sarebbe riuscito ad iscriversi al campionato, e si sarebbe conclusa nel peggiore dei modi una favola che durava ormai da diversi anni. Martinelli, entrando con la Stella Azzurra in questa partnership tra le due società, si è portato dietro il nuovo coach per quanto riguarda Veroli, d’annata per quello che concerne gli ambienti stellini. Germano D’arcangeli è molto noto nella realtà del basket giovanile, e non ha esitato un momento quando gli è stato proposto di condurre giovani promesse del nostro panorama cestistico alla ribalta di un campionato tanto importante. IL ROSTER  Alex Charles Legion: guardia di 26 anni, è sicuramente la stella della squadra. Formidabile realizzatore a cui aggiunge un notevole atletismo. Ha giocato lo scorso campionato tra la Silver, dove ha chiuso con cifre strabilianti di 23,3 punti per partita e 9,6 rimbalzi di media(!), ed il Sagesse in Libano. A lui è affidato il compito di trascinatore. Matthew Shaw: ala/centro 26enne di 203 cm, giocatore di grande fisicità a cui abbina una discreta tecnica individuale. Dopo la stagione disputata a Chieti in Silver è chiamato al salto di qualità. Jakub Wojciechowski: centro di 24 anni, 214 cm,polacco ma di formazione cestistica italiana (Treviso), ha un buona tecnica e una mano molto educata. Proveniente da Torino dove in 18 minuti di utilizzo medio ha fatto registrare 9,2 punti e 4,8 rimbalzi. Andrea La Torre: classe 1997, è un prospetto di cui si parla da tempo. Giocatore polivalente che può coprire diversi ruoli, dal play all’ala piccola visti i suoi 202 cm. Di scuola stellina, a Veroli ha la grande opportunità di mettersi in mostra in un campionato di livello. Alessandro Grande: playmaker 20enne di 180cm, anche lui di formazione stellina dove ha messo su cifre davvero notevoli, è reduce da una non felice esperienza alla Tezenis Verona. Veroli gli affida un ruolo molto importante che è quello di far girare la squadra. Salvatore Forte, Alberto Cacace, Valerio Cucci, Teodor Radonijc, Lorenzo Bucarelli e Kristen Pallson compongono una panchina di giovanissimi.   ACQUISTI Alessandro Grande (ITA, P, da Verona – DNA Gold) Alex Legion (USA, AP, da Roseto – DNA Silver – 20,0 pts + 5,0 rb + 2,0 ass) Matt Shaw (USA, AG/C, da Chieti – DNA Silver – 14,7 pts + 7,3 rb + 1,2 ass) Andrea La Torre (ITA, AG/C, da Stella Azzurra Roma – DNB – 7,1 pts + 4,3 rb + 2,2 ass) Jakub Wojciechowski (POL/ITA, C, da Torino – DNA Gold – 8,7 pts + 4,5 rb)   IN CAMPO S5 –GRANDE (P, ’94) – X – LEGION (AP) – SHAW (AG/C) – WOJCIECHOWSKI (C) A DISP.  CUCCO – CACACE –  LA TORRE (AG/C, ‘97) . ALL. D’ARCANGELI (nuovo, da Stella Azzurra Roma – DNB).   GLI OBIETTIVI Sulle reali potenzialità della squadra c’è discordanza tra il presidente Uccioli, che vede un anno all’insegna della sofferenza, e il gm Martinelli, il quale invece si dice convinto di ripetere l’annata appena chiusa da Veroli. Sicuramente il coach D’Arcangeli non si è posto un obiettivo preciso, se non quello di cercare di far crescere il più possibile la truppa di under di cui dispone. Realisticamente la compagine ciociara, seppur dotata di buoni elementi, è carente dalla panchina, e questo non è una cosa da poco (basti ripensare all’importanza che hanno avuto i vari Blizzard, Carenza e Rossi alzandosi dal pino).   IL PRECAMPIONATO AI RAGGI X 04/09 vs NPC Rieti 95-76 17/09 vs Mens Sana Siena 55-65 20/09 vs Givova Napoli 74-60 (Legion 28, Shaw 15, Wojciechowski 11)