La Fileni Jesi attende una lanciatissima Tesi Group

0

Pistoia è sospinta verso le marche dall’entusiasmo delle quattro vittorie consecutive con conseguente primato. Jesi è in serie negativa da tre partite e nemmeno il turno di riposo, effettuato nella quinta giornata, sembra aver giovato. Bisogna sottolineare che le sconfitte sono pervenute conto avversarie di prim’ordine, ma le prestazioni con Scafati e Brindisi hanno preoccupato l’ambiente arancio blù. Come lo stesso Cioppi ha evidenziato dopo la trasferta in Puglia, la mancanza di cambi sulle rotazioni e l’inesperienza della giovane panchina, si fanno sentire. La linea verde scelta dalla società non sta ancora dando i frutti sperati, ma buone cose si sono viste dai due americani e dai sempre verdi Hoover e Maggioli, mentre Migliori sta deludendo le attese. Ieri sono arrivate buone indicazioni dall’amichevole contro Recanati. In evidenza la mano calda di Hoover (26 pt 8/11 da 3), McConnel (19pt) e Maggioli, 21 punti nonostante un utilizzo part-time in vista di domenica.

La Giorgio Tesi Group invece sembra aver già trovato un equilibrio di squadra. Il rooster di Pistoia è dato per completo, anche se ieri, Gurini ha effettuato un allenamento differenziato per un fastidio alla caviglia, che non dovrebbe comunque precluderne l’utilizzo. Moretti in settimana ha smorzato i toni entusiastici: “Ci fa piacere essere primi ma questo vuol dire che troveremo avversarie ancora più agguerrite”. Il coach di Pistoia vuol fare lavorare i suoi partita dopo partita, mantenere sereno un ambiente dove per adesso ogni ingranaggio sembra girare senza intoppi. Sarà forse il suo compito più difficile nel corso di questo lungo campionato. La gara di domenica sarà dunque ricca di insidie per i biancorossi, il Palatriccoli cercherà di spingere l’Aurora verso l’uscita del tunnel. Promettono scintille le sfide tra i veterani Galanda e Maggioli, tra l’esperto Hardy ed il giovane McConnel, tra Jones e Brooks, senza dimenticare Hoover e Hardy. Jesi deve trovare motivazioni e supporto dalla panchina, un eventuale vittoria potrebbe innescare la risalita mentre una sconfitta aprirebbe ufficialmente la crisi. Pistoia sembra dover “solo” giocare come ha dimostrato di saper fare, cercando di contenere la voglia di riscatto marchigiana. Se la Giorgio Tesi confermerà la buona forma e la costanza nei risultati anche lontano dal Palafermi, si candiderà ad essere l’outsider più pericolosa della Lega2.