La Manital ritorna alla vittoria contro Veroli

0

La Manital PMS Torino torna alla vittoria tra le mura amiche del PalaRuffini superando per 86-71 la GZC Veroli: partita a due volti quella disputata dagli uomini di Pillastrini, che hanno letteralmente travolto Veroli nelle prime due frazioni, chiuse sul 53-25, per poi subire il ritorno dei ciociari nella terza e quarta frazione. La squadra di Ramondino è riuscita a portarsi fino a -9, facendo spaventare i quasi 3000 spettatori del palasport torinese: ma nel momento del riaggancio, la Manital ha risposto aggiustando la mira dall’arco e stringendo le maglie in difesa, chiudendo il match con tre triple di Amoroso, Evangelisti e Sandri.

Partita che entrerà nella storia, quella con Veroli, e non per il risultato: hanno fatto il loro esordio in maglia gialloblù i due americani Tim Bowers, atteso all’esordio dopo una settimana di allenamenti, e Ronald Steele, che ha giocato anche minuti di qualità sul parquet torinese.

Ottima prestazione dei due “lunghi” Mancinelli e Amoroso, che hanno dovuto sopperire, insieme all’inossidabile Sandri, all’assenza di Kuba Wojciechowski, fermato da malanni di stagione: per Mancinelli 19 punti con 29 di valutazione, per Amoroso 19 punti con 23 di valutazione e 5/6 da 3 punti. In doppia cifra anche capitan Evangelisti a quota 17 e Gergati con 12.

La partita inizia con la Manital particolarmente “calda” dall’arco dei 6.75: due triple per Amoroso e tre per Evangelisti danno il primo vantaggio per Torino, che con due liberi di Mancinelli si porta sul 17-10 al 5′. Cittadini commette il suo secondo fallo a rimbalzo , Amoroso segna un’altra tripla, la difesa torinese ringhia forte e quando Samuels è costretto a fare fallo per fermare la tripla di un Amoroso stratosferico, il punteggio è sul 22-10 dopo 6′ di gioco. Il ritmo è elevato, la difesa di Veroli non riesce a contenere la verve offensiva dei torinesi: nel giro di due minuti esordiscono sia Tim Bowers che Ronald Steele, il pubblico si scalda e la Manital riesce a chiudere sul 30-17 al 10′.

Sandri e Gergati aprono la seconda frazione portando il punteggio sul 36-17 e costringendo Ramondino a chiedere timeout per arginare la “piena” gialloblù: ma la difesa della Manital non lascia altro che due punti ai giallorossi in oltre 5′, con il punteggio che lievita fino al 40-19 del 16′.
Negli ultimi minuti della seconda frazione, Torino trova ottime risposte ancora da Evangelisti e Mancinelli: un gioco da tre punti dell’ala gialloblù fissa il punteggio di metà gara sul 53-25.

La terza frazione inizia con Veroli determinata a ridurre il gap: Cittadini e Samuels generano il 2-11 in favore dei laziali, Torino prova a tenere alta la concentrazione e con Mancinelli e Gergati rimane in vantaggio sul 58-38 del 26′. Ma Casella e Tomassini, con grandi percentuali dall’arco dei 6.75, riportano Veroli a -15 alla fine del terzo quarto, chiuso sul 65-50.

L’ultima frazione si apre ancora con la squadra di Ramondino in “striscia positiva”: Carenza e Blizzard riportano “ufficialmente” in partita i laziali, costringendo Pillastrini al timeout sul punteggio di 67-58 del 33′. Ma quando la partita sembra ormai riaperta, arriva la risposta di Torino: Amoroso segna una tripla in precarie condizioni di equilibrio, facendo espoldere il boato del Ruffini, la difesa ritorna a fare il suo lavoro, Sandri ed Evangelisti firmano le triple che portano il punteggio sul 78-60 del 37′.
Gli ultimi 3′ di gioco non portano stravolgimenti e la Manital Torino si “riappacifica” con il PalaRuffini tornando alla vittoria e festeggiando l’esordio di Ronald Steele e Tim Bowers.

MANITAL TORINO-GZC VEROLI 86-71 (30-17, 53-25, 65-50)

TORINO: Stojkov, Mancinelli 19, Evangelisti 17, Chessa 6, Baldasso ne, Sandri 9, Amoroso 19, Steele, Bowers 4, Gergati 12. All. Pillastrini. Ass. Comazzi, Canella.

VEROLI: Sanders 6, Cittadini 6, Rossi 4, Tomassini 14, Samuels 13, Ondo Mengue ne, Blizzard 5, Casella 18, Fabiani ne, Carenza 5. All. Ramondino.

ARBITRI: Stefano Ursi, Mauro Belfiore, Martino Galasso.

Fotogallery a cura di Marco Magosso