Memorial Bortoluzzi – Forlì vola in finale, battuta Cividale

0

Con il Trofeo ButanGas Memorial Bortoluzzi ha preso avvio nell’impianto di Lignano Sabbiadoro la stagione 2022/23 delle Aquile cividalesi, impegnate nella località balneare dove stanno svolgendo parte della loro preparazione pre-season nel tradizionale quadrangolare assieme a due avversarie della prossima serie A2, quali l’ambiziosa Forlì, la neopromossa Rimini e i croati del KK Skrljevo, compagine dell’omonima cittadina nei pressi di Fiume e militante nella massima serie della repubblica ex-jugoslava. La prima semifinale ha visto prevalere con autorità gli uomini di Mattia Ferrari che, dopo una partenza in sordina in cui hanno fatto parecchia fatica contro la difesa croata, sono riusciti a trovare le misure grazie alla maggiore fisicità, ad una migliore circolazione della palla, all’ottimo impatto del classe 2004 Alessandro Scarponi nel secondo quarto (un talento da seguire con attenzione con 12 punti e 5/6 dal campo all’intervallo lungo e 19 punti con 8/10 alla fine) e del nuovo acquisto, ex Pistoia, Jazz Johnson, cresciuto nella regia e nel bottino personale (22 punti e 7/12 dal campo). Tra i croati, invece di rilievo la prova di Antuovic con 26 punti finali e 9/16 dal campo.

Nella seconda semifinale la gara si è fatta subito in salita per la Gesteco contro i romagnoli di coach Martino e degli ex APU Gazzotti e Penna, con gli uomini di Pillastrini, privi di Nikolic (affaticamento) e Micalich (guaio muscolare), ancora imballati e imprecisi al tiro negli uomini chiave a dover inseguire gli avversari che in avvio hanno preso il largo nell’ultima parte della prima frazione. All’inizio della seconda frazione le Aquile, sospinte da un folto gruppo di tifosi giunti da Cividale, ritrovano alcuni giochi offensivi efficaci e i primi punti da Chiera, Dalton e Rota, e riescono a ridurre lo svantaggio fino a meno cinque a 3’ dall’intervallo lungo, prima di incepparsi ancora in attacco e cedere nuovamente alle penetrazioni degli ospiti che chiudono sul + 14 a metà gara. Al rientro in campo le triple di Radonjic scavano ancora di più il margine fino al 51-32 di metà frazione che se da un lato non scalfisce l’entusiasmo dei supporters gialloblù, dall’altro mette una seria ipoteca sul risultato finale a favore di Forlì che chiude avanti sul + 20 il penultimo quarto, grazie ai punti di un Valentini particolarmente ispirato. Il compito dei ducali adesso è quello di cercare di limare il divario e rendere meno pesante lo score della prima uscita stagionale e i ragazzi di Pillastrini ci mettono tutto l’impegno possibile e la garra vista in tante gare della scorsa annata, con il capitano Chiera che in questa fase riesce a ritrovare dall’arco la mira dei tempi migliori (65-74 a 4’16” dalla fine con cinque triple consecutive del numero 6 ducale) e ritrovare morale e far cantare la marea gialla. Una bomba di Rota a 1’39” dall’ultima sirena segna il 72-78 fa correre la memoria a tanti recuperi “impossibili” a cui le Aquile hanno abituato i propri tifosi. Quando a 33” la bomba di Chiera che vale il – 3 gira sul ferro ed esce, il “miracolo” svanisce e il match si conclude con la vittoria di Forlì per 83 – 75 che così raggiunge i cugini di Rimini per la finalissima di domani.

Le Aquile invece contenderanno il terzo posto ai croati dello Skrljevo e possono consolarsi con un ultimo quarto che conferma la compattezza di un gruppo “che non vuole morire mai”.

TABELLINI

UEB GESTECO CIVIDALE – UNIEURO FORLI’ 75 – 83

(11-22, 26-40, 46-66)

UEB GESTECO CIVIDALE

Miani 3 (0/1, 1/1), Chiera (k) 21 (1/1, 6/9), Cassese 5 (0/2, 1/4), Rota 11 (1/1, 2/3), Mouaha 6 (2/6, 0/1), Battistini 11 (4/13, 1/3), Barel, Nikolic n.e., Pepper 11 (3/5, 1/5), Brunetto n.e., Dell’Agnello 7 (3/6, 0/1), Micalich n.e.

Allenatore: Stefano Pillastrini

Vice: Federico Vecchi e Alessandro Zamparini

Tiri liberi 11/15, Tiri da due 14/35, Tiri da tre 12/27, Rimbalzi 40 (26 dif. 14 off.)

UNIEURO FORLI’

Cinciarini (k) 11 (4/5, 1/3), Gazzotti 8 (3/4), Valentini 11 (2/3, 2/6), Adrian 14 (2/7, 2/5), Pollone 2 (1/1, 0/2), Runari (0/1), Ndour, Radonjic 13 (1/1, 3/4), Penna 4 (2/3, 0/1), Benvenuti 5 (2/5), Flan, Raivio 15 (4/10, 1/4).

Allenatore: Antimo Martino

Vice: Emanuele Andrea Fabrizzi e Paolo Ruggeri

Tiri liberi 14/18, Tiri da due 21/40, Tiri da tre 9/25, Rimbalzi 36 (23 dif. 13 off.)

Arbitri: Alberto Morassutti, Giulio Giovannetti e Francesco Frassina.