Memorial Bortoluzzi – Rimini vince la semifinale contro Skrljevo

0

Trofeo ButanGas Memorial “Bortoluzzi”

Prima semifinale

RivieraBanca Basket Rimini-Skrljevo 91-69 (parziali 15-20, 45-34, 63-54)

TABELLINO RIMINI: Tassinari 9 (1/2, 1/2), Sirri (0/1), Anumba 8 (1/3, 2/2), Meluzzi 3 (0/3, 0/3), Scarponi 19 (5/6, 3/4), Masciadri 4 (2/2, 0/1), Arrigoni (C) 3 (1/1), D’Almeida 7 (2/4), Bedetti 2 (1/1, 0/1), Morandotti 4 (2/2), Johnson 22 (5/7, 2/5), Ogbeide 11 (5/7). All. Ferrari, Zambelli, Middleton.

TABELLINO SKRLJEVO: Jelic 18 (5/7 2/4), Svoboda NE, Bart 2 (1/4, 0/1), Butorac, Rajcic (C) 7 (0/3, 2/6), Antunovic 26 (5/8, 4/8), Ramme 8 (4/9, 0/4), Smojver 8 (4/5, 0/2), Rajkovic 0/1, 0/1), Cosic (0/3). All. Rajkovic, Scekic.

Buona la prima uscita stagionale per RivieraBanca Basket Rimini che si guadagna l’accesso alla finale 1°-2° posto del Memorial “Bortoluzzi” con una prestazione in crescendo: dopo un primo quarto di aggiustamento, la nuova banda di Coach Mattia Ferrari dimostra superiorità rispetto agli avversari croati dello Skrljevo. La coppia Ogbeide-Johnson s’è messa subito in luce, ma molto bene anche il giovane Scarponi: in generale una buona prova di gruppo, considerando soprattutto l’equilibrato minutaggio concesso a tutti i giocatori.

I biancorossi 2022-2023 partono un po’ in sordina e subiscono la fisicità dei croati, che costringono Ferrari ad un precoce timeout (2-8 al 3′). Il duo Johnson-Ogbeide prova a destare Rimini, ma la bomba di Antunovic fa +10 Skrljevo (6-16 al 7′). Sul finire di primo quarto è Tassinari dalla panchina che con 7 punti ricuce il divario sul -5 (15-20).

Nel secondo quarto RivieraBanca impatta sul 25-25 grazie ad un super Scarponi che punisce da tre punti (14′). Il duo Antunovic-Ramme manda di nuovo avanti i croati, ma Scarponi ed Anumba perfezionano il sorpasso con 9 punti combinati (34-29 al 17′). Jelic segna da tre punti, ma un infuocato Johnson buca la retina con ben 11 punti consecutivi che chiudono il primo tempo (45-34).

I croati segnano dalla lunetta con Antunovic, ma un doppio Ogbeide ristabilisce la doppia cifra di vantaggio (51-39 al 26′). E’ sempre bomber Antunovic a punire dalla lunga distanza, RivieraBanca però fa girare bene palla in attacco e trova il gioco da tre punti di D’Almeida (56-44 al 28′). Sul finire di terzo quarto Rimini accelera coi liberi di Meluzzi ed un super Johnson, ma i croati riescono a ricucire sotto la doppia cifra di svantaggio con la bomba di Jelic (63-54).

I biancorossi tengono alto il ritmo anche negli ultimi 10′: Masciadri e D’Almeida si fanno sentire sotton canestro, mentre Johnson scollina quota 20 punti personali (71-56 al 33′). Antunovic continua a fare canestro per i suoi, ma la bomba di Anumba ed il jumper di Johnson costringono Skrljevo ad un altro timeout (80-66 al 36′). E’ Scarponi a chiudere la partita con un’altra tripla (85-66 al 39′), nel finale campo anche per i giovanissimi Morandotti e Sirri.

La dichiarazione di Coach Mattia Ferrari:

“Il pre campionato è sempre molto strano: siamo partiti un po’ contratti e loro hanno fatto obiettivamente molto canestro da tre punti. Piano piano, poi, ci siamo aggiustati, ma il risultato è secondario rispetto a quello che abbiamo visto in campo dal punto di vista tecnico e fisico.
Siamo indietro e facciamo ancora tantissimi errori, però penso che abbiamo dimostrato di avere una buona coesione, volontà di stare insieme, passarci la palla, sopportarci e supportarci negli errori: questo è quello che avevo chiesto alla squadra e l’hanno fatto.
Ovviamente quando si vince la felicità è maggiore, ma conta 0: domattina ricominciamo ad allenarci e guardiamo i nostri errori, nel pomeriggio giocheremo un’altra partita di preparazione.
Siamo contenti per Morandotti perchè è un altro ragazzo di Rimini che mettiamo in campo con qualità importanti, porta un cognome impegnativo però lui vive tutto con serenità e la giusta sfrontatezza che bisogna avere a quell’età.
Ha fatto due canestri e siamo contenti, ma ritengo che oggi sia da segnalare l’aver fatto le cose con un certo senso, pur con tanti errori.”

Il minutaggio è stato equilibrato per tutti i giocatori.

“Questa era l’idea: volevamo ricreare un carico di allenamento per proseguire sulla nostra strada senza perdere giocatori per strada.
Il punteggio lo guardiamo, ma conta poco: l’importante sono le sensazioni che abbiamo avuto.”

Domani incontreremo sicuramente una squadra del nostro girone. Sarà un test più indicativo?

“Non sappiamo come saremo fisicamente domani perchè giochiamo a ritmi ravvicinati, non saprei onestamente: sarà un altro passo di avvicinamento a quello che dovrà essere il nostro campionato.”

Ufficio Stampa RivieraBanca Basket Rimini