Napoli, Pierpaolo Marini si presenta: “Qui per crescere ancora, riporterò in alto questa piazza”

Napoli, Pierpaolo Marini si presenta: “Qui per crescere ancora, riporterò in alto questa piazza”

Il PalaBarbuto riapre i battenti con le prime parole del due/tre abruzzese, che negli ultimi anni ha deliziato i parquet dell’A2 Est.

di Davide Uccella

Ama il mare e il buon cibo, si lascia tranquillamente appiccicare l’etichetta di “tipo sanguigno”. E’ nato in una piazza calda come Roseto, cresciuto in un’altra “basket town” come Forlì. Insomma: Pierpaolo Marini sembra fatto apposta per Napoli. E in quanto a scaramanzia, il due/tre abruzzese non la teme per niente, visto il n.13 che anche qui si appresta a indossare. In fondo la storia degli dà ragione: negli ultimi anni ha deliziato i parquet dell’A2 Est, e nell’ultimo mese pre-Covid è stato l’MVP di LNP, trascinando Forlì a cinque successi di fila con 20.4 punti di media. Ora però il due/tre è pronto a dire basta alla quarantena tutta casa, spesa e Netflix. Meglio affrontare taccuini e obiettivi della stampa, in un PalaBarbuto finalmente riaperto dopo mesi di buio, senza il rumore di un palleggio, un momento di gioia o di fatica. Riapre con volti super amati come Mimmo Morena, pilastri della dirigenza come il GM Antonio Mirenghi, ma anche volti nuovi come il DS Alessandro Bolognesi e il preparatore atletico Giacomo Sorrentino. Riparte così, ufficialmente, il Napoli Basket. E anche se la stagione è ancora incerta su come e quando inizierà, di sicuro il talento abruzzese vorrà viverla da protagonista. 

“Sono preoccupato ma anche caldissimo – dice il nuovo della brigata – sento una grandissima fiducia da parte della società. Ho scelto Napoli per tre motivi: non sono mai stato in questa città meravigliosa, volevo mangiare finalmente una buona pizza, ma soprattutto voglio crescere ancora, portando una piazza come Napoli ai livelli che merita. Ovviamente servirà un campionato di grande concentrazione, bisogna evitare filotti negativi, massima attenzione contro tutti”. 

Parte dell’evoluzione di Marini è stato anche il dover studiare da guardia, un ruolo nel quale non si era abituati a vederlo, e che pure ha sostenuto egregiamente in maglia bianco-rossa. Addirittura Meo Sacchetti nella sperimentale lo aveva provato addirittura da play, spronato a portare palla in situazioni veloci, chiamando anche lo schema con quintetti agili. Per nulla rare anche le buone prove da jolly difensivo, che cerca di stare su tutti. Insomma un profilo super duttile, in una squadra dove agli altri tre tasselli sono ufficiali (Monaldi, Sandri ed Eric Lombardi), si aggiunge anche la riconferma di Antonio Iannuzzi in spot di pivot. Parola del presidente Federico Grassi, che si sbilancia sul futuro di Napoli: “Vogliamo fare le cose per bene, niente brutte figure – puntualizza – oggi non ci sono quelle condizioni che immaginavamo per un possibile salto in Serie A, su tutte il credito d’imposta. In A2, invece, abbiamo già ad oggi un budget per coprire l’intera annata. E puntiamo a una stagione di vertice, sempre più in alto, con un roster serio e capace di innamorare il nostro pubblico”. 

Non mancano le domande sul mercato, a cominciare dalla suggestione Josh Mayo: “Parto dal presupposto che con il lavoro fatto in questi anni sono in tanti a voler venire qui. Ho letto di voci assurde come Filloy o Poeta. Mayo è un giocatore che sicuramente ci interessa, vediamo cosa succede, anche se ha un contratto e credo che la sua priorità sia quella di restare in una massima serie”. 

Riflessioni interessanti anche sul futuro dell’A2: “La supercoppa potrebbe giocarsi senza pubblico o con capienze limitate, magari con l’ipotesi di trasmettere le partite su reti nazionali o reti private. Ma sia chiaro: a porte chiuse il campionato non inizierà, anche se nel protocollo sanitario vedo già dei segnali che vanno nella giusta direzione”. Che la semi-normalità impatti anche sulla formula? Grassi non lo esclude: “Per rendere le trasferte meno lunghe e più sicure si sta ragionando anche su due gironi Nord e Sud”. Staremo a vedere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy