Ostuni riceve la capolista Trenkwalder, obbiettivo fermarla.

0

In un campionato sino ad ora  abbastanza equillibrato, ogni partita ha storia a se ( i risultati di domenica insegnano), vedi la sconfitta casalinga di Brindisi oppure la vittoria di un sol punto proprio della Trenkwalder sulla cenerentola S.Antimo,  perciò la formazione ostununse cercherà di rendere dura la vita ai  più quotati reggiani. Guardando il cammino sino ad ora, i puglesi hanno vinto 4 partite, 3 delle quali fuori casa (a Forlì, Imola e Bologna) , mentre l’unica vittoria casalinga è avvenuta nell’ultima gara di campionato disputata contro Scafati. Il fatto che Ostuni sia costretta ad “emigrare” a Brindisi per le gare interne ha provocato qualche problema ai giallo bleu e il fatto di aver vinto ben 3 gare fuori casa è sintomo che la squadra si esprime meglio lontano dalle mura amiche. Per quanto riguarda invece la Trenkwalder, i capoclassifica fino ad ora hanno perso solo 2 partite, una a Barcellona all’ over time, l’altra proprio a Brindisi contro l’Enel. La formazione di Menetti domenica dovrà fare a meno di Frassineti che nell’ultima gara ha rimediato una contrattura nella coscia che lo aveva già fermato 3 settimane fa. I reggiani  però hanno dalla loro  una squadra con più talento  e più rotazioni rispetto ai puglesi, i vari Robinson, Taylor, Filloy e Slanina sono giocatori in grado di poter far male in qualsiasi parte del campo, anche se Ostuni può rispondere con i suoi Klobucar, Jurevicius, Johnson e Diliegro. Analizzando i numeri si può notare ad esempio quanto sono decisivi per le sorti della propria squadra, da una parte Koblucar e dall’altra Robinson e Taylor che viaggiano a oltre 17 punti di media a partita, anche Johnson non scherza totalizzando una media di 15,22 punti ad incontro. Da non sottovalutare i 13,11 punti del lettone  Jurevicius, che  coach Marcelletti  si è portato in Puglia avendolo avuto lo scorso campionato con se a Verona. Per quanto riguarda gli ex di turno è proprio il tecnico casertano l’unica presenza, infatti alla Pallacanestro Reggiana vi è passato, la prima dal 2000 al 2002, la seconda tra il 2007 e il 2009 che si è interrorrotta in modo che ancora a Reggio si chiedono il perché, infatti fu esonerato dopo una sconfitta casalinga quando la squadra era seconda in classifica. Infine una nota per i tifosi reggiani che risulterà gradita ,e che  la partita la potranno seguire in diretta sugli schermi di E-TV a partire dalle ore 18:00.

Pro Ostuni: Con il nuovo assetto la squadra sembra essere più quadrata e se seguiranno i dettami del coach ( Marcelletti l’anno scorso riuscì a vincere entrambe le partite contro la Trenkwalder) potranno riuscire nello sconfiggere i capoclasssifica.

Pro Trenkwalder: Se si è primi in classifica non si è li per caso, se poi osserviamo che la compagine reggiana ha già affrontato quelle squadre che avevano fatto proclami di un campionato di vertice, allora che siamo in presenza di una squadra  che reciterà un campionato di vertice.

Ostuni 35% – Trenkwalder 65%