Veroli: contro Agrigento un’ennesima occasione per sbloccarsi

0

Seconda trasferta consecutiva per Veroli, e secondo viaggio in Sicilia nel giro di una settimana. Dopo la partita di Trapani questa volta si gioca ad Agrigento. I giallorossi arrivano alla sfida senza novità sostanziali ma con la voglia di trovare finalmente quella vittoria che manca da lunghissimo tempo. Particolare attenzione viene anche prestata alla situazione di Napoli, con i partenopei ancora in difficoltà societaria dopo che la vendita del club si è arrestata, ed i giocatori hanno rifiutato la rateizzazione dei pagamenti proposta da Muro. In caso il sodalizio napoletano non riuscisse a portare avanti il campionato, Veroli si troverebbe automaticamente salva, senza dover affrontare la terribile lotteria dei play out.

Venendo all’avversario dei giallorossi di questo week end, c’è da sottolineare come i siciliani si trovino in assoluta zona play off dopo la vittoria conquistata a Napoli la scorsa settimana. La squadra di Ciani, non avendo delle superstar , è riuscita a fare del gruppo la propria forza, riuscendo così a disputare un eccellente torneo fino ad ora. Miglior realizzatore è Penndarvis Williams che viaggia a 15,7 punti per partita. In doppia cifra troviamo anche l’altro statunitense Dave Dudzinski (11,3 ppp e 5,7 rpp) e l’esperto Marco Evangelisti (10,1 ppp). Da segnalare l’importante contributo dato da due giocatori nostrani come sono Andrea Saccaggi (9,8 ppp) ed Alessandro Piazza, 27enne play con tantissima esperienza acquisita soprattutto nella ex B1. Tuttavia l’ex Brindisi, che è stato tra i protagonisti delle sfide tra Veroli e appunto i pugliesi nel lontano 2007, si sta dimostrando molto efficace anche in Gold dove fa registrare cifre di tutto rispetto (9,4 ppp e 5,8 app). Un avversario tutt’altro che facile quindi per Radic e compagni, galvanizzato dalla posizione in classifica conquistata con un gioco semplice ma solido ed estremamente proficuo. Resta il fatto che comunque i ragazzi di Lupo Rossini devono provarci, per dare un minimo di senso ad una stagione condita da mille difficoltà.