Veroli torna alle origini, presentata la nuova squadra

0

Facce rilassate e felici, quelle di coloro che hanno partecipato alla presentazione del nuovo coach del Basket Veroli, e cioè “Lupo” Rossini. In particolare il più entusiasta di tutti era il Presidente Massimo Uccioli, il quale non ha nascosto la soddisfazione di aver riportato a tutti gli effetti la squadra nella cittadina ciociara, dopo il fallimento del progetto con la Stella Azzurra.

Lo stesso Uccioli ha spiegato il perché si sia deciso di interrompere il rapporto tra i due sodalizi, motivando la rottura principalmente per questioni economiche (i capitolini non avrebbero corrisposto la loro parte di budget) . Sebbene la situazione sia ancora instabile, il numero uno di Veroli ha illustrato come le prospettive per il futuro siano più rosee, sia per lo sblocco del conto con la Banca Popolare del Frusinate, che di conseguenza diverrebbe il main sponsor della società ciociara, sia per il potenziale ingresso di nuovi soci a partire da questo inizio di 2015. Dal punto di vista del roster la compagine giallorossa ha cambiato gran parte degli effettivi, ad eccezione dei vari Cucci, Grande, Forte e il capitano Shaw. I volti nuovi sono Francesco Veccia (in prestito da Reggio Emilia), Corso Innocenti (proveniente dall’Urania Milano) e Ivica Radic (KK Zagreb). A comporre il resto della formazione saranno i giovani Stella, Grande, Iaboni, Fassiotti e Sigismondi. Inoltre il GM Iannarilli ha ribadito come Veroli sia ancora attiva sul mercato alla ricerca di una guardia tiratrice e di un’ala piccola (Migliori e Carrizo due nomi molto caldi). Da considerare la situazione di Jakub Wojciechowski, che, sebbene sia ancora un giocatore di Veroli, ha deciso di non rispondere alla convocazione di Rossini ed è rimasto nella sua Polonia. Sia Uccioli che Iannarilli hanno specificato come il polacco a questo punto non vestirà più la maglia giallorossa, e si procederà per vie legali per la risoluzione del contratto.

Venendo al coach, Rossini è apparso subito motivato e voglioso di far bene. Nonostante sia per lui la prima esperienza da capo allenatore può comunque vantare una ventennale esperienza cestistica acquisita soprattutto da giocatore. Il tema principale del suo discorso è stato quello di supportare la squadra ad ogni costo, poiché “se tutto l’ambiente spinge dalla stessa parte è allora che si riescono a portare a casa grandi risultati”. E a tal proposito non può che far gioire la decisione della Brigata Ciociara di porre fine allo sciopero e di tornare a incitare i propri colori da domani in poi. Dopo un fine anno tormentatissimo si rivede finalmente il sole in casa Veroli. Che sia l’inizio di una nuova era?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here