A2 F8 QF – Impresa Ravenna, battuta la Giorgio Tesi Pistoia con un Tilghman pazzesco

0

Impresa magistrale di Ravenna, letteralmente più forte delle numerose assenze (Sullivan, Cinciarini e Oxilia su tutti), che si impone su Pistoia per 93-82 al termine di un match combattuto e condotto per buona parte. Partita maiuscola per Austin Tilghman autore di 42 punti a referto, letteralmente immarcabile per i giocatori di Pistoia. Prestazione convincente anche per Simioni (23 punti con 7 su 13 da tre punti) e Gazzotti (14 punti e tanta grinta in campo) che, insieme al già citato Tilghman, trascinano in semifinale gli uomini di coach Lotesoriere (assente per via del Covid) contro Udine. Imbastita di giovani, la squadra giallorossa non si è persa d’animo e vince una partita tutto cuore al cospetto di una Pistoia che esce comunque tra gli applausi, “colpevole” di aver forse sottovalutato troppo il ridotto roster romagnolo. 17 punti per Wheatle, 15 per Saccaggi: sono loro i best scorer per Pistoia che torna a casa anzitempo.

Ravenna, come già detto, sarà impegnata domani alle ore 15:30 presso il PalaMaggetti di Roseto Degli Abruzzi contro l’APU Udine per un’altra, rocambolesca impresa

CRONACA

A palla a due, Ravenna schiera in campo De Negri, Tilghman, Simioni, Gazzotti e Giovannelli; risponde Pistoia con Saccaggi, Risman, Utomi, Del Chiaro e Magro. Parte concentrata Ravenna che, nonostante le vistose assenze, gioca le sue carte con l’esperienza dei suoi interpreti in quintetto. Non a caso, sono proprio i romagnoli a realizzare i primi punti del match che concretizzano al meglio gli spazi concessi dalla difesa a zona dei giocatori pistoiesi. Pistoia inizia a rilento ma con il passare dei minuti macina gioco e punti con Riisman e Magro che piazzano il parziale di 9-16, costringendo Ravenna al primo timeout dell’incontro. Riordinate le idee, Ravenna torna in campo più compatta e trova in Simioni il suo miglior interprete: saranno 12 i punti messi a referto dall’ala giallorossa, con la pazzesca percentuale di 4/7 dall’arco dei tre punti. Pistoia limita come può e al decimo minuto è sotto di due punti: 25-23.

Nel secondo quarto, Pistoia alza l’asticella del pressing, girando al meglio la palla e concretizzando dall’arco dei 6.75m. Ravenna non si scompone e sempre grazie al tandem Tilghman-Simioni conduce il match senza particolari patemi. Coach Brienza gioca tutte le carte a disposizione ma con il passare dei minuti Ravenna acquisisce sempre più consapevolezza e si porta sul +9 (40-31) quando mancano 4 minuti prima dell’intervallo lungo. Pistoia sbaglia l’impossibile ma Ravenna non ne approfitta, considerando anche la stanchezza che con il passare dei minuti inizia a farsi sentire (Tilghman e Simioni non sono mai stati sostituiti). Tilghman ritocca il punteggio (43-31), Pistoia non demorde e piazza il mini break (4-0) grazie a Saccaggi e Utomi. Al ventesimo, Ravenna è avanti: 45-39.

Per Ravenna, Tilghman è il best scorer del match con 22 punti a referto, seguito da Simioni; per la Giorgio Tesi, 8 punti per tre giocatori: Utomi, Magro e Saccaggi.

Al terzo quarto, con entrambe le squadre che propongono gli stessi quintetti iniziali, Ravenna piazza subito un parziale di 5-0 (50-39) approfittando di una Pistoia ancora con la testa negli spogliatoi. Coach Brienza chiede intensità difensiva e offensiva, e la ottiene: Magro e Cage Davis dettano ritmo e piazzano il contro break, costringendo Ravenna al primo timeout del terzo quarto (50-45). Pistoia resta concentrata e approfitta del calo di Ravenna, pareggiando i conti con un Rissman sontuoso che subisce fallo dall’arco dei 6.75. La partita dunque torna in equilibrio, con entrambe le squadre che rispondono colpo sul colpo. Gazzotti prova a far prendere il largo a Ravenna (59-54), Pistoia risponde con Utomi (59-57). Dopo una serie di batti e ribatti, Ravenna è avanti 63-61.

Nell’ultimo periodo, Ravenna trova le ultime energie e piazza un magistrale 7-0 (70-61) che spezza in due la partita. Pistoia non ci sta e le prova tutte per recuperare il gap. Magro e Wheatle accorciano a -5 (70-65) ma Ravenna trova in Gazzotti e Tilghman i maggiori interpreti. Ravenna tocca i +11 di vantaggio (84-73), Pistoia non ne ha più e cede il passo ai ragazzi in maglia giallorossa: al quarantesimo, sarà 93-82.


ORASI’ RAVENNA 93 – GIORGIO TESI PISTOIA 82 (25-23, 45-39, 63-61, 93-82)

ORASI RAVENNA: Tilghman 42, Bellini 0, Martini 2, Gazzotti 14, Laghi 2, Denegri 10, Giovannelli 0, Simioni 23, Siboni 0. Coach: Zambelli.

GIORGIO TESI PISTOIA: Della Rosa, Utomi 11, Divac ne, Saccaggi 15, Del Chiaro 4, Allinei 0, McMurrin 12, Magro 14, Whetle 17, Riisman 9. Coach: Brienza