Adecco Gold, La Finale, Gara2 – Aquila stoica: soffre, vince e vola sul 2 a 0

0

Manca Basile ma la sua assenza non si vede, l’Upea gioca una grande partita ma si deve ancora inchinare ad una Trento che negli ultimi minuti non ha concesso nulla. Mostruosa prestazione di Mays che segna 27 punti conditi da 5 assist, bottino comunque insufficiente per evitare un pesante 2 a 0. La serie si trasferisce in Sicilia ma ormai Trento ha un piede in finale. Ancora ottima partita di capitan Forray, che nei momenti di difficoltà ha portato fuori dalle sabbie mobili la sua squadra, per lui 19 punti e un positivo 20 di valutazione.

QUINTETTI
Aquila Basket Trento: Triche, Forray, Elder, Pascolo, Baldi Rossi
Upea Capo d’Orlando: Mays, Soragna, Portannese, Nicevic, Archie

PRIMO QUARTO – Si parte con la contesa vinta da Trento e i due punti rapidi di Pascolo con il classico tiro di allontanamento, vantaggio prontamente pareggiato con un tap in da sotto del centro orlandino Nicevic. Nel giro di un minuto l’Aquila vola subito sul +5, dimostrando di non aver perso la precisione al tiro vista in gara1. Chi invece ha asciugato le polveri da sparo rispetto a domenica è il mini play Mays, che con la sua esplosività può diventare potenzialmente devastante. A metà quarto i siciliani ottengono il primo vantaggio grazie ad una bomba di Soragna, che porta la truppa del Poz sul 14 a 10 (parziale di 9 a 0). Triche, dopo una buon inizio, scheggia per tre volte consecutive il ferro, permettendo all’Upea di allungare fino al +6; Buscaglia chiama un minuto di sospensione e butta nella mischia Fiorito ma la squadra di casa non sembra trarne beneficio, restando ben lontana dai livelli di pallacanestro espressi in gara1. Un nuovo black out del tabellone costringe gli arbitri a sospendere la contesa per qualche minuto ma, anche dopo la ripartenza, Trento non riesce a trovare più la retina. A 2’ dal termine toglie il fratino anche Marco Spanghero che mette piede in campo propiziando un break il 6 a 0 che vale il 17 a 17; negli ultimi 60 secondi è invece sfida americana tra Triche e Mays che portano le squadre al riposo sul 20 a 20.
Stats Corner: Mays: 7 punti e 3 assist; Triche: 9 punti.

SECONDO QUARTO – L’atmosfera è incandescente e a farne le spese è la giacca del Poz che vola in tribuna; altrettanto calde sono le mani di Forray e Triche, che mettono le bombe del 26 a 22. Le due squadre hanno ritmi indiavolati e Trento segna la quarta tripla consecutiva che vale il 32 a 26, costringendo Pozzecco a chiamare un minuto di sospensione. Si rientra in campo con gli esterni bianconeri sempre indiavolati, che stanno sfruttando le amnesie difensive di Portannese; nell’altra metà campo a portare la croce è il solito Mays che è già ampiamente in doppia cifra. A metà quarto Trento conduce di 6, vantaggio subito dimezzato da uno straordinario Mays. Valenti subisce nell’azione successiva un fallo antisportivo di Elder, 0 su 2 dalla lunetta che non scalfisce il vantaggio aquilotto: a 3’ dal termine Trento conduce 38 a 35. Trento sciupa consecutivamente tre buoni tiri, l’orlandina non perdona e rimette così la freccia andando sul 40 a 38. Nell’ultimo minuto sia Pascolo che Mays approfittano di un viaggio in lunetta per rimpinguare il loro bottino di 2 punti, la sirena (non) suona e si va al riposo sul 42 a 40 per i siciliani.
Stats Corner: Mays 17 punti e 4 assist; Triche 15 punti (59% da 3). Aquila bene da 3 (8 su 16) ma molto male da 2 (35%).

TERZO QUARTO – Il terzo quarto si apre con la bomba di Portannese che vale il +5, Forray ricuce le distanze ma ,grazie ad un’altra tripla di Soragna, l’Orlandina allunga ulteriormente. Grande sofferenza sotto le plance dei lunghi trentini che stanno nettamente perdendo la battaglia a rimbalzo ma che comunque continuano ad avere buone medie dalla lunga distanza. 4 punti consecutivi firmati Baldi Rossi riportano l’Aquila al -2, sul 48 a 50; ci pensa poi Forray a completare la rimonta con un comodo tap in. Capo d’Orlando è solo e soltanto Mays, che segna dal palleggio altre due triple (23 punti per lui dopo 28 minuti). Pozzecco non gradisce alcune chiamate arbitrali e protesta pesantemente meritandosi un tecnico, 4 punti di fila di Triche ridanno il vantaggio a Trento. Nell’azione successiva classico assurdo fischio di compensazione degli arbitri che rincarano la dose con un fallo tecnico a Spanghero. Partita sicuramente molto confusa, con molti falli e altrettante palle perse. Sulla sirena segna ancora Mays, che fissa il risultato sul 62 a 61 per gli ospiti.
Stats corner: 27 per Mays, 17 per Forray

ULTIMO QUARTO –  Si riparte per gli ultimi decisivi minuti, segna subito Valenti che porta l’Orlandina sul + 4 ma arriva prontamente la risposta di Spanghero dai 6,75 per il nuovo -1. Ancora Spanghero, con uno splendido arcobaleno, segna anche 2 punti utili per il nuovo vantaggio, subito pareggiati con un tiro dal gomito Archie. Partita incredibile con continui cambi di vantaggio, al 5’ si è sul 68 a 67 per i padroni di casa. Non segna più nessuno, squadre stanchissime ed un po’ in confusione che esagerano anche nelle palle perse, gli allenatori si rifugiano così nel time out. Si rientra dalla sospensione con i 2 punti di Triche che spingono l’Aquila sul +3, a 90 secondi dal termine si è sul 70 a 67 per Trento, che ha anche la palla in mano. Forray segna il +5, Mays sciupa un pallone d’oro e a 50’’ dal termine Pozzecco è costretto a finire i time out per riorganizzare le idee. A 16’’ dal termine viaggio in lunetta di Nicevic che fa 2 su 2, riaprendo la contesa (72 a 69). A 8’’ va in lunetta Baldi Rossi, a cui non trema la mano mettendo a segno entrambi i tentativi. Partita in ghiacciaia, finisce 74 a 69.
Aquila Basket Trento – Upea Capo d’Orlando 74-69 (20-20; 40-42; 61-62; 74-69)

Aquila Basket Trento: Triche 23, Pascolo 11, Baldi Rossi 9, Forray 19, Fiorito, Molinaro n.e., Santarossa, Elder, Lechthaler, Spanghero 12

Upea Capo d’Orlando: Basile n.e., Soragna11, Laquintana, Benevelli, Nicevic 9, Portannese 6, Mays 27, Archie 9, Ciribeni 2, Valenti 5

MVP Forray 19 punti e 4 rimbalzi per un ottimo 20 di valutazione.

Fotogallery a cura di Alvise Grancelli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here